Tiscali.it
SEGUICI

Manageritalia Lazio Abruzzo Molise Sardegna e Umbria, cresce numero manager

di Adnkronos   
Manageritalia Lazio Abruzzo Molise Sardegna e Umbria, cresce numero manager

Roma, 19 mag. (Adnkronos/Labitalia) - Si è svolta l’assemblea annuale di Manageritalia Lazio, Abruzzo, Molise, Sardegna e Umbria, negli spazi del Marriot Rome Central Park che ha visto presenti 100 manager delle regioni interessate. A confrontarsi con gli associati sull’evoluzione del mondo del lavoro, sulla della figura dei dirigenti nei terrori nonché sui mutamenti e le sfide che la trasformazione digitale e l’intelligenza artificiale stanno apportando al futuro del management: Roberto Saliola, presidente Manageritalia Lazio, Abruzzo, Molise, Sardegna e Umbria con Mario Mantovani, presidente di Manageritalia e Antonello Aurigemma, presidente del consiglio regionale del Lazio che nel suo intervento di saluto istituzionale ha aperto a una proficua collaborazione con i manager per dare slancio alle imprese.

“In questo momento stiamo vivendo una vera e propria nuova rivoluzione industriale 4.0 che mette al centro la relazione tra risorse umane e la tecnologia” così commenta Roberto Saliola, Presidente Manageritalia Lazio, Abruzzo, Molise, Sardegna e Umbria. “Il futuro imminente ci obbliga a rivedere i nostri modelli di produzione e gestione d’impresa focalizzandoci sulla fruizione tecnologica e l’integrazione delle competenze. In quest’ottica - conclude Saliola - saranno sempre più rilevanti e determinanti, per affermarsi nel mondo del lavoro e dell’impresa, le soft skills come: creatività, empatia, capacità di adattamento oltre ovviamente a competenze aggiornate. In questo le donne da sempre sono e lo saranno ancor di più un modello di riferimento per la managerialità, poiché più sensibili e attente al cambiamento”.

L’assemblea è stata anche l’occasione per analizzare i dati di crescita dei dirigenti emersa dal 'Rapporto Manager 2023' su dati Inps. Il Lazio registra un incremento del +5,7% che porta il numero complessivo dei manager a 19.217 con una crescita esponenziale dell’universo femminile con una variazione del +11,8% dal 2020 al 2021. Roma ovviamente è la provincia con più dirigenti 18.424 (13.498 uomini e 4.962 donne).

L’Abruzzo registra un incremento del +7,5% che porta il numero complessivo dei manager a 908 con una crescita esponenziale dell’universo femminile con una variazione del +29,2 % dal 2020 al 2021. Chieti la provincia con più dirigenti 360 (327 uomini e 33 donne) in aumento del 3,7% con una crescita della dirigenza femminile del 37,5%.

In Molise la crescita è del +6%, per un dato complessivo di 141 dirigenti (108uomini e 33 donne). Campobasso la provincia con più dirigenti 120 (91 uomini e 29 donne) ma con un dato in controtendenza: pur aumentando complessivamente i suoi numeri +4,3% vede diminuire la rappresentanza femminile con un – 3,3%.

Anche in Sardegna il numero delle donne manager cala. Se l’incremento generale è stato del +2,3% (per un totale di 404 manager) la componente femminile segna una riduzione del -1,4% dal 2020 al 2021. È Cagliari la provincia con più dirigenti 255 (213 uomini e 42 donne) dati che però risultano statici e invariati negli ultimi due anni.

Particolarmente 'rosa', invece, l’Umbria che a fronte di una crescita complessiva del +2,3% (dato assoluto di 655 manager) segnala un aumento dell’universo femminile del +2,5% dal 2020 al 2021 e, in particolare a Perugia, provincia con più dirigenti (510 di cui 442 uomini e 68 donne) dove la corsa delle dirigenti donna è più significativa: + 6,3% sull’anno precedente.

“Numeri in crescita per la figure manageriali che per le loro competenze si dimostrano sempre più determinanti per la crescita delle imprese e di conseguenza dei territori locali in cui operano” così commenta Mario Mantovani, presidente di Manageritalia che prosegue: “I mutamenti professionali, le nuove affermazioni di genere e di competenze che stanno affrontando oggi imprese, territori, amministrazioni pubbliche ecc.. hanno sempre più bisogno di manager, donne e uomini, capaci di governare al meglio la complessità anche tecnologica, così come hanno sempre fatto con le risorse umane, finanziarie e gestionali. Parità di genere e innovazione tecnologica sono due elementi sempre più determinanti per il futuro del management”.

L’incremento delle figure manageriali dimostra come imprenditori e aziende abbiano compreso l’importanza delle competenze e che senza figure manageriali non si cresce e non si compete sul mercato nazionale e men che meno in quello internazionale. Manager e dirigenti crescono in tutti i settori con un significativo +9% per il terziario e terziario avanzato e solo del 1,1% per l’industria, in crescita anche ambito come Istruzione, Servizi di informazione e comunicazione nonché sanità e assistenza sociale segno di come il comparto dei servizi sia sempre più significativo per la crescita e lo sviluppo del Paese.

di Adnkronos   
I più recenti
Assessore indagato in Abruzzo,attenzione verso di me senza senso
Assessore indagato in Abruzzo,attenzione verso di me senza senso
Nasce in Abruzzo il primo Parco europeo dei Borghi del Respiro
Nasce in Abruzzo il primo Parco europeo dei Borghi del Respiro
Da Essilux parco solare in Abruzzo, il primo del gruppo
Da Essilux parco solare in Abruzzo, il primo del gruppo
Meteo, le previsioni di oggi 15 maggio
Meteo, le previsioni di oggi 15 maggio
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...