Jazz italiano per le terre del sisma, gran finale in Abruzzo

Jazz italiano per le terre del sisma, gran finale in Abruzzo
di Ansa

(ANSA) - L'AQUILA, 03 SET - Arriva al gran finale "Il Jazz italiano per le terre del sisma" all'Aquila 4 e 5 settembre con un'edizione che rafforza l'impegno in prima linea nelle terre del cratere delle quattro regioni coinvolte: Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. "L'Aquila Balla con le arti" l'evento del week end con 150 musicisti su 10 palchi, per il più grande evento di jazz d'Italia. L'evento è promosso dal Ministero della cultura, il Comune dell'Aquila-Progetto Restart il Main Sponsor SIAE-Società Italiana degli Autori ed Editori, con il contributo di NuovoIMAIE, di Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell'Aquila, del MAXXI L'Aquila e dei molti partner tecnici coinvolti. Il progetto è iniziato il 28 agosto a Camerino con il concerto di Danilo Rea, che ha dato inizio alla terza edizione del Cammino solidale, con una settimana di concerti e trekking nel cuore delle Terre del Sisma fino al 4 settembre, e si concluderà con la kermesse nel centro storico dell'Aquila caratterizzata da due giornate piene di grandi concerti. Concerti e performance (prenotazione obbligatoria) con l'inizio degli eventi musicali dalle ore 16, alla Fontana delle 99 Cannelle per l'arrivo del Cammino Solidale. Saranno circa 150 i musicisti coinvolti anche nel 2021, con rinnovata attenzione ai progetti delle nuove generazioni e alle produzioni originali; alcuni nomi tra quelli coinvolti: Pietro Tonolo, Ares Tavolazzi, Luca Aquino, Roberto Gatto, Maria Pia De Vito, John De Leo, Danilo Rea, Enrico Intra, Rosario Giuliani, Claudio Fasoli, Furio Di Castri, Flavio Boltro; forte anche la presenza di artisti provenienti da altre discipline dello spettacolo come l'attrice Chiara Caselli, il regista Raffaello Fusaro e i danzatori Virgilio Sieni e Karen Lugo. Alla luce dei fatti internazionali che coinvolgono tutt'ora l'Afghanistan, i musicisti e gli artisti coinvolti nella manifestazione dedicheranno le loro performance anche alle donne e agli uomini afghani che, oltre al divieto di fare musica e cantare, stanno continuando a subire numerose limitazioni della libertà personale. (ANSA).