[La polemica] Ecco perché è stato giusto sospendere il taglio di quei vitalizi e quali sono i gravi motivi

Il ricorso al consiglio di giurisdizione di Montecitorio ha sospeso i tagli ad alcuni degli assegni colpiti dalla riduzione addirittura con una "Decisione all'unanimitá". Ma c'è una ragione

Il Parlamento e, nei riquadri, l'ex deputato Pigni e il presidente della Camera Fico
Il Parlamento e, nei riquadri, l'ex deputato Pigni e il presidente della Camera Fico

Diciamolo subito, anche a costo di essere impopolari parlando del tema più divisivo che la politica ci abbia offerto in questi anni. Il fatto che la Camera abbia sospeso il taglio del vitalizio per quattro delle persone che avevano fatto ricorso per gravi motivi è un grande segnale di civiltà.

Si tratta apparentemente di un dettaglio, soprattutto in una battaglia che vede 537 ex parlamentari (o loro coniugi) colpiti dalla misura drastica della riduzione. Ma è un particolare che ci aiuta a capire i paradossi delle misure apparentemente esemplari e degli effetti che talvolta producono.

E’ successo, infatti, che solo il ricorso il consiglio di giurisdizione di Montecitorio sospendesse i tagli ad alcuni degli assegni colpiti dalla riduzione, e che lo abbia fatto, addirittura, con una "Decisione all'unanimitá”. Possibile? Sì, perché il Consiglio ha considerato fondati quattro ricorsi presentati da ex deputati semi-centenari, o delle loro vedove che rischiano l’indigenza, sospendendo l’efficacia dei tagli operati dalla riforma Fico.

Le persone in questione si erano visti falcidiare l'assegno fino al 57 per cento dell'importo, ed ecco le loro storie e il motivo per cui sono state considerate credibili. Ursula Soergel, milanese, moglie di un ex parlamentare del Pci, Carlo Olmini, morto nel 1974, da anni riceveva non una ricca prebenda ma un assegno da 1970 euro netti che, con le nuove regole in vigore dal 27 gennaio 2019,sarebbe stata più che dimezzata, portandola a meno di mille euro. La vedova, peró, ha documentato che ne spendeva, solo per la badante che l' assiste 24 ore su 24, 2mila, tra retribuzione, contributi e vitto.

La signora, tramite l' avvocato Felice Besostri, aveva fatto notare che così la sua sopravvivenza sarebbe stata minata. E ora il collegio di giurisdizione, composto dai deputati Alberto Losacco ( Pd), Silvia Covolo ( Lega) e Stefania Ascari ( M5s), ha accolto la richiesta di sospensiva, rinviando la decisione nel merito al 13 febbraio.

Anche gli altri tre casi accolti hanno profili simili: l' assegno decurtato, in questi casi, coprirebbe a malapena le spese mediche. Tra loro ci sono il comasco Renzo Pigni, 93 anni, deputato socialista dal 1953 al 1968, e poi del Psiup fino al 1972, e una vedova di 97 anni, che non potrebbe più pagare la retta dell’ospizio in cui è ricoverata. Cosa ci insegna questa vicenda? Che quando valuti le storie, le regole generali, giuste o sbagliate che siano, perdono efficacia, di aderenza alla realtà.

Il voto a favore dei quattro vecchietti è stato unanime perché anche la rappresentante del Movimento 5 Stelle, ha convenuto sul fatto che in questi casi i tagli erano insostenibili. Quindi tutti d’accordo, a patto di ricordare, che nelle altre grandi riforme, a partire dalla Fornero, non ci sono stati ricorsi, non c’era possibilità di presentare ragioni, controdeduzioni o attenuanti, e non si poteva essere ascoltati. Chi legifera dovrebbe sempre porsi questo problema, quando approva delle riforme, che spesso vengono considerate illuminante e salvifiche da chi le vota, ma che sono sempre cieche e inappellabili per chi le subisce.