Tiscali.it
SEGUICI

Solinas: "Vi spiego perché i sardi mi hanno scelto". Poi annuncia i primi interventi da governatore

"Eccomi qui, l’uomo senza volto ha vinto andando in giro per le strade e ascoltando la gente, non rinchiudendosi in qualche salotto"

Paola Pintusdi Paola Pintus   
Solinas: 'Vi spiego perché i sardi mi hanno scelto'. Poi annuncia i primi interventi da governatore

E’ stato un terremoto: il centro destra fa il botto con Christian Solinas in Sardegna, e a farne le spese è il centro-sinistra che perde quasi 100 mila voti dalle regionali del 2014. Dimezza i suoi consensi il Pd, fino a lunedì partito di maggioranza relativa nella giunta di Francesco Pigliaru, passando da 150 mila a 88 mila preferenze. Regge l’ala sinistra e civica di Massimo Zedda, ma non basta a colmare il distacco di quindici punti con quello che il Sindaco di Cagliari aveva definito  più volte “l’uomo senza volto”, a causa di una campagna elettorale tutta giocata sulla sovraesposizione dell’alleato principale di Solinas, il leader leghista Matteo Salvini. Il ministro dell’Interno aveva battuto l’isola in lungo e in largo e aveva assunto un ruolo da protagonista nei giorni caldi della vertenza latte, arrivando a convocare una riunione a Roma coi pastori, la Regione ed il ministro Centinaio e promettendo una soluzione “in quarantotto ore”.

Solinas era sembrato più volte defilato rispetto al ruolo di primo piano assunto anche dagli altri “big” della coalizione- Berlusconi e Meloni- giunti in Sardegna a  tirargli la volata, ma soprattutto a ribadire la formula del centro-destra classico in funzione anti-grillina. Solo nella giornata di chiusura della campagna elettorale il segretario del Psd’Az aveva guadagnato il ruolo di mattatore unico nel palco del Palacongressi alla Fiera di Cagliari.

A risultato consolidato, il neo-governatore ha voluto toglersi più di un sassolino  dalla scarpa nei confronti di Massimo Zedda: “Eccomi qui, l’uomo senza volto ha vinto andando in giro per le strade e ascoltando la gente, non rinchiudendosi in qualche salotto. Delle due l’una: o si è perso contro un candidato invisibile e questo non dà molta credibilità a chi non ce l’ha fatta” , ha proseguito riferendosi a Massimo Zedda “Oppure si riconosca che abbiamo ottenuto un risultato incontrovertibile e che non c’è mai stata partita fra noi e loro, al di là dei pronostici”.

Solinas, che è segretario del Partito Sardo d’Azione ha poi tirato fuori l’antico orgoglio sardista. “Ci avevano detto che quello con la Lega era un patto scellerato e in perdita: bene, il mio partito  che ha cent’anni di storia non solo non perde, ma raddoppia i suoi voti. Ed io, a differenza di altri, non mi vergogno dei miei compagni di viaggio”, ha detto, riferendosi ancora una volta a Massimo Zedda che un po’ per scelta un po’ per necessità non ha mai voluto farsi affiancare dagli alleati nazionali del Pd impegnati in un difficile congresso.

Con delle percentuali bulgare dunque ora Christian Solinas insieme alla sua coalizione “di centro-destra autonomista , civica e sardista” si appresta a governare la Sardegna, ed ha già promesso una rivoluzione: “Confermo che verrà azzerato il riassetto  della rete ospedaliera”, ha detto “che avvieremo subito una trattativa con lo Stato per la disapplicazione delle norme del decreto ministeriale 70 che ha portato alla dismissione degli ospedali minori e al ridimensionamento di molti reparti ospedalieri, che elimineremo la Asl unica a favore di una sanità che metta al centro le persone”. Solinas ha poi detto di voler riprendere in mano il tema della continuità territoriale e di voler restituire “certezze nel rapporto fra ambiente, urbanistica e paesaggio”: i valori ambientali sono condivisi da tutti, ma non possono diventare un “dogma incomprensibile” che in questi anni ha prodotto “la perdita di 30 mila posti di lavoro” nel comparto dell’edilizia.

Paola Pintusdi Paola Pintus   
I più recenti
Giornalista sportivo italiano fatto passare per attentatore Trump: una bufala pesante
Giornalista sportivo italiano fatto passare per attentatore Trump: una bufala pesante
Le disastrose conseguenze del raid israeliano (Ansa)
Le disastrose conseguenze del raid israeliano (Ansa)
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...