Tiscali.it
SEGUICI

Lo schema della premier: 2 regioni a Fdi, una a Fi, una alla Lega e una, il Molise, a un civico

Queste le condizioni di Giorgia Meloni agli alleati. “Dobbiamo dare la giusta rappresentanza al partito di maggioranza relativa”. Che vale tre volte gli altri. Cinque le regioni al voto nel 2024. Fdi reclama Sardegna e Abruzzo adesso e il Veneto nel 2025. Alla Lega resterebbe l’Umbria e a Forza Italia il Piemonte. Oggi, forse, l’incontro, prima del Consiglio dei ministri

Claudia Fusanidi Caludia Fusani   
Lo schema della premier: 2 regioni a Fdi, una a Fi, una alla Lega e una, il Molise, a un civico
Da sinistra, Meloni e Salvini (Ansa)

Nulla di fatto anche ieri, nonostante il Consiglio federale della Lega, il deposito dei simboli in Sardegna e il compleanno della premier, nel senso che magari avrebbe potuto conciliare qualche compromesso. Nulla da fare, invece. La giornata buona potrebbe essere oggi: alle 18 è previsto un Consiglio dei ministri, all’ordine del giorno oltre all’election day di giugno ci sarà anche un decreto che prevede la possibilità per i sindaci dei comuni fino a 15mila abitanti di poter disporre di tre mandati di fila. Parlando di elezioni, Salvini, Meloni e Tajani, dovrebbero finalmente anche tirare la vendetta riga sul dossier Sardegna e altre regionali. Per le Europee c’è ancora tempo. I nodi, su entrambi i fronti, sono già tutti abbondantemente sul tavolo e sarebbe salutare, visto anche quello che sta succedendo intorno a noi e non troppo lontano da noi, mettere fine a questo stucchevole romanzo d’appendice che è la storia delle candidature e delle contropartite in quel sondaggio interno che sono le elezioni - amministrative, regionali ed europee - che iniziano il 25 febbraio e si concluderanno il 9 giugno.

Sull’isola corrono tutti

In Sardegna intanto tutto procede nell’ormai consueto caos. Sono stati depositati i simboli ma il D day sarà tra meno di una settimana, il 22 gennaio, quando scadrà il termine per presentare le liste, ognuna collegata a un candidato governatore. Nel centrosinistra Pd e 5 Stelle tengono il punto su Todde, la candidata indicata da Giuseppe Conte. Va avanti per la sua strada anche Renato Soru che sta raccogliendo intorno al suo progetto progressista molte liste civiche. Ancora più caotica e senza sviluppi la situazione nel destra centro: Solinas tace, non si fa vedere ma non ha fatto alcun passo indietro e il suo nome spunta sul simbolo del Partito Sardo d'Azione che ha depositato il logo. Fratelli d’Italia va avanti sul sindaco Truzzu, ha presentato a sua volta il simbolo ed è già in campagna elettorale da sabato anche senza l’investitura ufficiale. Ci pensa su, invece, Alessandra Zedda, ex vice presidente della Giunta di Fi, che ha presentato il simbolo della sua “Anima di Sardegna” confermando la volontà di andare avanti nella sua corsa da indipendente. Il rientro nella sua casa storica, come sottolineato dallo stesso Truzzu, potrebbe essere valutato a condizione di “ripartire dall’unità del centrodestra”. Unità che passa, però, anche per la presenza del Psd'Az.

Lo schema di Giorgia

Da via Bellerio, dove Matteo Salvini ha convocato il Consiglio Federale della Lega, non è uscito alcun chiarimento sulla Sardegna ma indicazioni utili e spunti chiarificatori. La riunione, cui hanno partecipato anche i presidenti di regione, aveva all’ordine del giorno le “questioni politiche”. Cioè candidature e strategie, per le amministrative ma anche per le Europee. Anzi, soprattutto per queste.

Ma cominciamo dalle prime. Ormai è chiaro lo schema che Giorgia Meloni ha proposto e chiesto di condividere ai suoi alleati quando si sono visti giovedì scorso: i pesi interni alla maggioranza sono cambiati; Fratelli d’Italia vuole pesare per quello che vale oggi e non quattro anni fa e quindi tre volte i suoi alleati. Un compromesso possibile potrebbe essere il seguente: due regioni a Fratelli d’Italia, cioè Sardegna (25 febbraio) e Abruzzo (10 marzo), una alla Lega (Umbria, già governata dalla leghista Tesei), una a Forza Italia (Piemonte, già governata e con buon successo dall’azzurro Cirio). Resta una quinta regione, la Basilicata (al voto a giugno insieme al Piemonte) che per non penalizzare o avvantaggiare nessuno, potrebbe essere affidata ad un civico, un profilo di area ma non di partito.

Questo schema comporta che la Lega faccia un passo indietro rispetto all’uscente Solinas che è del Partito sardo d’azione, vanta ottime amicizie nella Lega e non ha alcuna intenzione di mollare. Anzi, ha già presentato il suo simbolo.

Il caos, si diceva. Rispetto al quale ciò che più conta non sono i nomi ma il metodo. “Salvini ha il terrore - dicono fonti della Lega - che mettendo in discussione l’uscente, in questo caso Solinas, si apra la diga ora e nel futuro. E a quel punto diventerebbe impossibile gestire l’onda meloniana con le sue pretese che già oggi sono giorno dopo giorno sempre più rapaci”.

Il convitato di pietra: il Veneto

Il non detto che tutti temono si chiama Veneto. Qui lo scenario merita qualche riga a parte. Il prossimo anno, nel 2025, scade il governatore leghista più amato, Luca Zaia. Salvini vorrebbe blindarlo con una legge ad hoc che consenta il terzo mandato e al tempo stesso non metta Zaia sul mercato nazionale dove potrebbe essere un suo serio competitor. Un ddl ad hoc è già stato presentato ma la premier ha fatto capire all’alleato “guarda che così non ci leviamo più di torno né De Luca in Campania né Emiliano in Puglia”. In ogni caso Fratelli d’Italia parla già, senza alcuna scaramanzia, di Luca De Carlo, senatore e presidente della Commissione agricoltura, come prossimo governatore del Veneto. Bisogna essere molto sicuri e padroni della situazione per fare previsioni così nette ad un anno di distanza. Soprattutto in politica.

Anche Antonio Tajani è molto poco soddisfatto rispetto allo schema di Giorgia Meloni. Dal suo punto di vista c’è da capirlo e quindi giù le mani da Vito Bardi, attuale governatore della Basilicata e questa idea del candidato civile, senza bandiera di partito, gli sembra un fuor d’opera di cui non si sente il bisogno. Poichè il Veneto è una partita dell’anno prossimo per cui faranno fede i risultati di questo lungo e tormentato turno elettorale, ciò che va ripetendo Meloni è che intanto si va avanti così, con lo schema di cui sopra, che è comunque molto generoso con gli alleati rispetto agli attuali pesi specifici interni: Fratelli d’Italia stimata tra il 28 e il 29%; Lega tra il 9 e il 10%; Forza Italia tra l’8 e il 9%. Parliamo di un rapporto 3 a 1 che resta sottovalutato rispetto alle prevista guida di due regioni importanti (ad esempio la Sardegna e l’Abruzzo). 

Due ore di Consiglio federale

Il Federale si è chiuso con un nulla di fatto sulle regionali. Ma Salvini ha ricevuto due messaggi chiari. Il primo: caro Matteo, occhio che “è difficile fare la campagna elettorale uniti e pancia a terra dopo che ti hanno tagliato la faccia (con il voltafaccia su Solinas dopo che Salvini lo aveva candidato, ndr). Il secondo: “Se molliamo adesso, poi Meloni farà quello che vuole”. I sondaggi interni della Lega non sono buoni.

Finirà come deve: vincerà Meloni, in Sardegna correrà Truzzu. Ma siamo sicuri che riuscirà a vincere dopo sgarri e divisioni? Nel centrosinistra la situazione non è migliore. Il 25 febbraio è tra quaranta giorni.

Il Federale ha affrontato anche il nodo europee. “Chi divide magari dicendo no ad alleanze con Marine Le Pen fa il gioco della sinistra” ha detto Salvini. Si racconta che il segretario abbia tenuto un atteggiamento collaborativo chiedendo però rispetto reciproco nella coalizione. Soprattutto ha sottolineato come non si possano penalizzare i territori dove gli eletti e gli uscenti hanno governato bene. Il via libera al terzo mandato nei comuni fino a 15 mila abitanti è comunque una buona notizia per la Lega visto che governa in tanti piccoli comuni.

Il dossier Europee

Qui la situazione è ancora più complicata. Nel 2019 la Lega ha portato a Strasburgo oltre trenta eurodeputati. E’ realistico ipotizzare che a giugno ne riuscirà ad eleggere nove. Questo il numero circolato ieri nei capannelli prima, dopo e durante il Federale. Il problema è che per avere voti, Salvini avrebbe deciso di ospitare nomi di richiamo come Gianluigi Paragone e il generale Vannacci, signori di voti e delle tessere. Il sottosegretario Durigon sarebbe in missione al sud per conto di Matteo in cerca di nomi sicuri. Questo provocherà però molto scontento nella base. A cui è stato anche un messaggio chiaro: “La nostra linea Maginot è l’8,7, il risultato delle politiche. Non possiamo andare sotto”. E siccome non sarà facile, qualunque mezzo per tirare su voti sarà considerato necessario. Comunque alla fine, “troveremo come sempre la quadra” assicurava ieri il ministro Lollobrigida. Ancora più convinto il capogruppo di Forza Italia Paolo Barelli. Neanche un fiato dalla Lega.

Claudia Fusanidi Caludia Fusani   
I più recenti
++ Crosetto, Israele semina odio che si ripercuoterà su figli ++
++ Crosetto, Israele semina odio che si ripercuoterà su figli ++
Meloni, bene una riforma della Rai ma spetta al Parlamento
Meloni, bene una riforma della Rai ma spetta al Parlamento
Europee, Meloni: maggiori poteri a Ue suicidio, noi per cambio passo
Europee, Meloni: maggiori poteri a Ue suicidio, noi per cambio passo
Meloni, con von der Leyen ho costruito rapporto istituzionale
Meloni, con von der Leyen ho costruito rapporto istituzionale
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...