Tiscali.it
SEGUICI

La Sardegna torna a votare, l'affluenza aumenta: lunedì lo spoglio dalle 7

Alle 19 aveva votato il 44,1% degli aventi diritto rispetto al 18,4% delle 12 e al 43,3% registrato 5 anni fa. Il nome del nuovo governatore si dovrebbe conoscere, almeno come proiezione, già da metà pomeriggio del 26 febbraio

TiscaliNews   
Todde, Truzzu, Chessa e Soru (Ansa)
Todde, Truzzu, Chessa e Soru (Ansa)

Seggi chiusi domenica alle 22 in Sardegna dove si è votato in una sola giornata per eleggere il presidente della Regione e rinnovare il consiglio regionale. Le operazioni di spoglio delle schede per i risultati riprenderanno lunedì mattina alle 7 e proseguiranno sino alle 19. Se ci saranno sezioni che non avranno concluso il loro lavoro, i plichi con tutte le schede e i registri saranno chiusi all'interno delle buste sigillate e saranno trasferite ai tribunali delle circoscrizioni territoriali che termineranno le operazioni e verificheranno tutti i risultati.

In ogni caso la domenica elettorale ha dato un primo responso, aspettando quello più atteso quando il 26 febbraio, con l'inizio dello spoglio alle 7, si conoscerà il nome del nuovo presidente della Regione. Primo verdetto sull'affluenza, l'incognita peggiore, insieme al voto disgiunto, di questa chiamata alle urne, che vede i sardi tornare, ma timidamente, ai seggi.

Il richiamo quasi ossessivo dei quattro candidati governatori nelle ultime ore di campagna alla responsabilità e all'impegno civile dei cittadini nel partecipare attivamente alla vita politica del Paese, ha fatto breccia a metà. L'ultima rilevazione disponibile prima del dato definitivo delle 22, conferma la tendenza registrata sin dalla mattina e consegna un risultato in rialzo: alle 19 ha votato il 44,1% degli aventi diritto rispetto al 18,4% delle 12 e al 43,3% registrato 5 anni fa a metà pomeriggio (+0,8%). Mancano ancora 4 ore alla chiusura dei seggi e tutti i candidati si augurano una costante risalita: nel 2019 votò solo un sardo su due, il 53,77%.

Ora comincia l'attesa dei risultati di domani. Il nome del governatore si dovrebbe conoscere, almeno come proiezione, già da metà pomeriggio, ma la cautela è d'obbligo. Quest'anno a differenza di 5 anni fa non ci saranno gli exit poll che in genere orientano l'esito finale. Non andò così nel 2019: diffusi la domenica alle 22 a urne chiuse, indicarono fermamente un testa a testa tra Solinas e Zedda, ma il giorno dopo il quadro si rivelò completamente opposto. Il flop dei sondaggisti divenne un caso nazionale con richiesta di spiegazioni ufficiali dei vertici Rai, che commissionò gli exit, agli istituti demoscopici.

Sui tempi di attesa per conoscere il nome del nuovo presidente in Sardegna peserà poi l'andamento dello spoglio.
Cinque anni fa fu un mezzo disastro: ci volle quasi un mese per la proclamazione ufficiale dei sessanta consiglieri regionali eletti e del governatore. Un'attesa infinita dovuta all'impossibilità in molti seggi elettorali di completare lo spoglio nei tempi di legge, con la conseguenza che le urne furono nuovamente sigillate e andarono ad affollare i rispettivi uffici elettorali circoscrizionali per il conteggio delle schede e la trasmissione dei verbali alla Corte d'appello di Cagliari.
I quattro che aspirano a guidare l'Isola nella prossima legislatura dovranno mantenere i nervi ben saldi durante il lungo lunedì che alla fine farà esultare uno di loro.

La prima a votare questa mattina nel suo seggio ad Austis, nel Nuorese, è stata Lucia Chessa, la candidata outsider sostenuta dalla lista Sardigna R-esiste che promette: "Ci saremo anche dopo l'esito di queste elezioni e staremo col fiato sul collo su chiunque andrà al governo della nostra Isola".

E' toccato poi a Cagliari al candidato del centrodestra Paolo Truzzu. "Ora il voto - ha detto - poi chiaramente la partita del Cagliari contro il Napoli". E dopo? "Dopo si aspetta, di solito attendo a casa da solo l'esito del voto: penso che farò così anche in questa occasione".

Per Renato Soru, candidato della Coalizione sarda, l'arrivo al seggio di Cagliari, accompagnato dal suo staff e dalla moglie, è stata l'occasione per fare un piccolo bilancio: "È stata una bella campagna elettorale e oggi sarà una bella giornata di democrazia e partecipazione".

La sua avversaria nel centrosinistra, Alessandra Todde, che qui in Sardegna punta alla prima affermazione del campo largo a guida Pd-M5s, ha votato nella sua città, Nuoro. E da qui ha lanciato il suo ultimo appello: "Oggi l'importante è che la gente vada a votare, faccia valere il proprio voto e decida per il presente e il futuro della Sardegna". Per tutti e quattro domani sarà il giorno più lungo.

TiscaliNews   

I più recenti

Europee, 29 simboli depositati, mancano ancora Fi e Pd
Europee, 29 simboli depositati, mancano ancora Fi e Pd
Settimana decisiva per Autonomia, ipotesi votazioni anche sabato
Settimana decisiva per Autonomia, ipotesi votazioni anche sabato
Scurati: Non marciano su Roma, ci arrivano con libere elezioni
Scurati: Non marciano su Roma, ci arrivano con libere elezioni
Scurati: Il loro motto e' sempre stato ed e' 'non restaurare, non rinnegare'
Scurati: Il loro motto e' sempre stato ed e' 'non restaurare, non rinnegare'

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...