Tiscali.it
SEGUICI

Pensioni, il ponte sullo Stretto, stop alle ong: Salvini fa il premier. Ma quello vero deve ancora prendere la fiducia

 Il vicepremier fa riunioni economiche e incontra la Guardia costiera. Poi in serata va in tv ed elenca il programma. Meloni con santa pazienza lima il discorso di stamani alla Camera per la fiducia: “Sarà un programma di legislatura per governare cinque anni”. Tutte le mine dei primi cento giorni

Claudia Fusanidi Claudia Fusani   
Pensioni, il ponte sullo Stretto, stop alle ong: Salvini fa il premier. Ma quello vero deve ancora...
Salvini nel suo nuovo ufficio del Ministero delle Infrastrutture (Ansa)

Il discorso per la fiducia con le linee programmatiche del governo Meloni, sarà pronunciato stamani (ore 11 alla
Camera) dal Presidente del Consiglio in carica. Intanto ieri il vicepremier Matteo Salvini ci ha fatto sapere il suo
programma di governo, ovviamente elevato a “ecco cosa faremo”, quindi il programma di governo, corredando i titoli con foto che documentano riunioni e tavoli pieni di fogli e appunti. Per i più distratti o impegnati in altro durante la giornata, sempre Salvini ha fatto il riassunto del “programma di governo” ieri sera a Porta a Porta. Non s’era mai vista una scena del genere. Neppure nelle più coalizioni più accidentate. Neppure ai tempi del Conte 1 dove era anche naturale che uno andasse da una parte e uno dall’altra. Il governo Meloni ha davanti a sè un percorso minato. Anche nei primi cento giorni che in genere dovrebbero essere la luna di miele.

Una giornata piena di riunioni


Il vicepremier e ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini ieri ha assunto le seguenti iniziative: ore 9.21, primo post su Facebook: “Al lavoro per far ripartire i cantieri da nord e sud”, segue elenco di progetti e danari (tutti del Pnrr) da spendere e investire; ore 11.40, inizia l’incontro del ministro delle Infrastrutture con il comandante della
Guardia costiera Ammiraglio Nicola Carlone. “E’ stato un lungo e proficuo incontro - dice Salvini - per fare il punto della situazione anche a proposito di immigrazione: in questo momento in acque Sar libiche ci sono due imbarcazioni ong”. Non una parola sui morti raccattati in queste ore nelle acque del Canale di Sicilia. A “Porta a Porta” ha precisato: “Fermeremo le navi delle ong. E’l’unico modo. Andranno a cercare rifugio nei porti di nazionalità delle navi che fanno soccorso”.
Ore 15.53: consumato un pasto frugale, il vicepremier e segretario della Lega ha convocato un vertice economico con il ministro Giorgetti e gli esperti Bitonci, Durigon, Borghi, Bagnai, Freni. Tra i temi trattati: “Superamento della Fornero; estensione della flat tax, interventi strutturali sulle cartelle della flat tax, revisione del reddito di cittadinanza”. Tutte cose nel programma del centrodestra. Ma non si dice quando. Salvini le vuole adesso. E meno male che il premier, nel primo Cdm ha chiesto “unità, lealtà, compattezza e di guardare più alle percentuali del Pil che a quelle dei sondaggi”. Salvini
invece ha in testa solo i sondaggi: il suo obiettivo è arrivare alle regionali della primavera 2023 avendo recuperato
consenso e logorato il premier che sembra intenzionata ad essere molto più pragmatica e realista rispetto alle promesse e alla propaganda della campagna elettorale.

L’attivismo di Salvini e l’altolà del vicepresidente della Camera Giorgio Mulè (Fi) (“Meloni ci ha delusi, Tajani ora si dimetta dalle cariche del partito”) sono la prova che i primi cento giorni del governo Meloni saranno pieni di mine pronte a logorare la maggioranza. A mandarla sotto alla prima votazione utile. Al Senato il centrodestra ha 115 voti, 14 in più della maggioranza. Nove senatori del centrodestra sono diventati ministri, non potranno cioè seguire i lavori delle commissioni e del Parlamento. A fine settimana sarà completata la squadra con i sottosegretari e si vedrà plasticamente che il governo ha una maggioranza debole nei numeri. E, quel che è peggio, nelle priorità e nelle ricette per dare soluzioni. Ecco alcuni dossier destinati a creare problemi.


Caro bollette: scostamento bilancio si o no?

E’ la prima mina pronta ad esplodere. Il ministro per la Transizione ecologica Pichetto Fratin e il predecessore ora consulente Cingolani già oggi si dovranno dividere tra Roma e Bruxelles dove i ministri dell’Energia dei 27
devono dare seguito all’accordo politico raggiunto con il pressing di Draghi al Consiglio europeo di giovedì scorso. Una volte rese esecutive le misure, si potrà dire che “i meccanismi speculativi” sono stati bloccati. E che quindi, questo sarà il Salvini-pensiero, possiamo fare debito e mettere subito soldi nelle tasche di famiglie ed imprese.

Meloni non vuole fare debito. A maggior ragione perchè tra le misure del Consiglio Ue c’è proprio la nascita di un
fondo speciale per aiutare i singoli a fronteggiare l’emergenza - sia di materia prima che di costi - del gas e dell’elettricità. E poi perchè il costo del gas è stato già ridotto di un terzo. Giorgetti la pensa come Meloni. Che poi era il pensiero guida di Mario Draghi. Si prevedono scintille.


Pensioni, flat tax, taglio del cuneo fiscale


Per tutta la campagna elettorale Meloni è stata attenta a non fare promesse troppo mirabolanti “che poi non saremo in grado di rispettare”. Però ha promesso. Intorno a lei Salvini e Berlusconi hanno fatto anche di più. Il debutto operativo della melonomics è un doppio appuntamento: il decreto legge anticrisi (che poggerà sui 10 miliardi lasciati da
Draghi grazie all’extra gettito fiscale) e la legge di bilancio che dovrà trovare il modo di sostenere l’economia senza fermare il processo di abbattimento del debito. Flat tax, pensioni, revisione del reddito di cittadinanza, taglio del cuneo sono tutte voci che andranno in legge di bilancio. La proposta sul taglio delle tasse per i lavoratori e
l’incremento del netto in busta paga è scritta nel programma del centrodestra: taglio del cuneo di 5 punti, due terzi lato lavoratore e e un terzo lato impresa (Draghi lo ha tagliato del 2% fino a 35 mila di reddito); un intervento che premia le aziende che più assumono secondo il principio “chi più assume meno paga” (Fazzolari). Se ci saranno risorse,
questa è la priorità per Meloni. Ma Salvini non molla su flat tax e pensioni. Sulla tassa piatta, le proposte Lega (23%) e Forza Italia (15%) hanno costi impensabili. Se ci sono risorse, dopo il taglio del cuneo, la proposta di Meloni sarà di applicare una tassa piatta del 15 % ma “solo sulla parte incrementale del reddito rispetto all’anno precedente”.
Poche, anzi, zero speranze per le pensioni. Un correttivo dovrà però essere trovato perchè a fine anno scade anche Quota 102. Ora, Meloni sa bene che nel vocabolario della sostenibilità del debito la parola più delicata è proprio
pensioni. E che nessuna delle proposte di Salvini è praticabile. Cosa succederà? Tutti hanno davanti lo scenario Liz Truss, al premier britannica che si è dimessa perchè la sterlina è crollata dopo che lei aveva proposto di finanziare in deficit la riduzione del caro bollette e delle tasse. Non si scherza con la sostenibilità del debito. Anche se si è fuori dalla Ue.


Appuntamento con la Bolkestein


La scadenze del Pnrr hanno occupato buona parte dei 70 minuti di colloquio Draghi-Meloni e tra i sottosegretari Garofoli-Mantovano. Il punto è questo: il disegno di legge sulla Concorrenza è uno degli obiettivi di questo semestre del Pnrr. Sono 51, ne restano da raggiunge una ventina e da questo dipende la tranche di 21 miliardi del secondo semestre 2022. Draghi ha lasciato le scrivanie in odine, i prospetti puliti e la griglia delle cose da fare senza perdere tempo prezioso. Quello del Pnrr è un percorso obbligato. Non è nella disponibilità di alcuna maggioranza. Il problema è che nella Concorrenza c’è l’applicazione della Bolkestein. Cosa deciderà di fare Meloni? Al Turismo ha voluto mettere Daniela Santanchè proprietaria di stabilimenti balneari e contraria alla Bolkestein. Il rischio di perdere la rata del Pnrr è alto. Forse il no alla Bolkestein è il punto su cui i tre leader sono più d’accordo: va cancellata. Cosa dirà Bruxelles?

Decreto Ucraina, rinnovato o no?


A fine anno scade il decreto Ucraina che dai primi marzo ha consentito ben sei volte l’invio di armi a Kiev in ambito Nato. Fratelli d’Italia sembra blindata sul tema europeismo e atlantismo e dunque andrà in continuità con Draghi. La solerzia con cui Meloni ha voluto incontrare “l’odiato” Macron e la premura con cui Mattarella ha fatto da garante del patto Italia-Francia, dicono molto sulla “postura” del premier politica estera. Lontana da quelle delle destre europee? Vedremo. Lega e Forza Italia, al di là delle intemerate di Berlusconi, sappiamo cosa pensano su invio di armi e applicazione delle sanzioni. Dubbi, distinguo, frenate. Tajani e Crosetto blinderanno il provvedimento. Cosa succederà in aula, è tutto da vedere.


Obbligo vaccino per medici e infermieri


Il ministro della Salute Orazio Schillaci è un convinto sostenitore del green pass. No vax e no pass chiedono però al governo di togliere subito l’obbligo di vaccino (quarta dose) per medici e personale sanitario. In rete, chi ha
votato a destra, mormora: cosa aspettano a togliere l’obbligo? Non lo toglieranno. Non questo ministro.


Immigrazione


Gira voce che Salvini abbia intenzione di tornare all’attacco con i decreti Sicurezza che vietano gli sbarchi alle ong. Non fa mistero, il ministro delle Infrastrutture che comunque è uno dei tre firmatari dell’eventuale provvedimento grazie alla titolarità sulla Guardia costiera, di aver scritto quei decreti “insieme con Piantedosi”. Allora il prefetto era capo di gabinetto. Adesso è ministro dell’Interno, tecnico in quota Lega. Dalla fretta con cui ieri Salvini ha voluto incontrare l’ammiraglio che guida la Guardia Costiera, l’intenzione è di procedere in fretta e spediti. Il Quirinale è in modalità sorveglianza acuta. Giorgia Meloni è ben consapevole di tutto questo e oggi nel discorso per la fiducia dovrà dare le prime risposte. Sarà, filtra da palazzo Chigi dove ha passato tutto il giorno a limare il discorso, “un manifesto programmatico che ambisce ad essere la base di lavoro di un’intera legislatura, a conferma della natura fortemente politica del governo e con l’obiettivo di dare seguito concreto e attuazione agli impegni assunti con i cittadini italiani in campagna
elettorale”. Aspettare e vedere.

Claudia Fusanidi Claudia Fusani   
I più recenti
Europee: Roberto Salis, 'Ilaria combatte contro destra fascista'
Europee: Roberto Salis, 'Ilaria combatte contro destra fascista'
Roberto Salis, 'Ilaria libera subito? Il giudice aspetta Nordio'
Roberto Salis, 'Ilaria libera subito? Il giudice aspetta Nordio'
Meloni: no a maggioranze arcobaleno che fanno l'Europa debole
Meloni: no a maggioranze arcobaleno che fanno l'Europa debole
Lega, odg o interrogazione per censurare Stoltenberg
Lega, odg o interrogazione per censurare Stoltenberg
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...