Tiscali.it
SEGUICI

[Il ritratto] Nemico di Fazio e Saviano, difensore di Salvini. Ecco chi è l’altro sovranista che comanderà la Rai

Giampaolo Rossi è stato nominato consigliere Rai in quota Fratelli d’Italia. È un intellettuale di destra che ha dimostrato coraggio nell’analisi degli scenari internazionali. Anche se sui social in merito alle vicende italiane ha preso posizioni discutibili. Ha collaborato con il Link Campus, pensatoio grillino

Giampaolo Rossi
Giampaolo Rossi

Più preoccupato di noi per la nomina nel cda della Rai di Giampaolo Rossi dev’essere sicuramente Fabio Fazio, visto che il futuro presidente aveva lasciato un tweet in tempi non sospetti abbastanza polemico contro il conduttore di Che tempo che fa: «Rai: 11 milioni al compagno Fabio Fazio. Ennio Flaiano: non sono comunista perché non posso permettermelo». A parte l’osservazione un po’ pretestuosa sui sinistrorsi che devono per forza morire di fame per le loro idee, si sa che nelle aziende pubbliche c’è chi ci guadagna e chi ne approfitta. Lo chiamano mercato. Vedremo adesso come lo chiameranno.

Pochi giorni fa, invece, su facebook Giampaolo Rossi aveva accolto in maniera sincera ed entusiasta la nomina del suo collega Marcello Foa: «Saluto con soddisfazione la nomina di Marcello Foa alla presidenza della Rai. Un grande giornalista e un uomo libero; due qualità per rilanciare un vero pluralismo dell’informazione nel tempo del Pensiero Unico. Felice di poter lavorare con lui nel prossinmo Cda». Che potrebbe davvero succedere. Ma a parti invertite. La bocciatura alla fine l’ha fatta Berlusconi, che al contrario avrebbe accettato il suo nome. Tutt’e due sono giornalisti con un loro blog al Giornale, tutt’e due sovranisti, tutt’e due non proprio innamorati di Mattarella. Quando il Capo dello Stato fermò il governo per via di Paolo Savona, Rossi scrisse che aveva «trasformato una Repubblica parlamentare in una Repubblica presidenziale senza alcuna riforma della Costituzione. Un atto che se non è un colpo di Stato è sicuramente una violazione spaventosa». Il Fatto, giornale non definibile troppo lontano dai 5 Stelle e da questo governo, lo tratteggiò non proprio amorevolmente come «il classico uomo di destra, sovranista, cattolico, ultratradizionalista, antiglobalizzazione, contro il multiculturalismo, vagamente xenofobo», e pure nel mirino di Mattarella, che non gradirebbe molto i suoi commenti sull’Anarca, spazio web del Giornale on line dove dice la sua sui più svariati argomenti.

In realtà, Giampaolo Rossi non è liquidabile così sbrigativamente ed è altrettanto sbagliato definirlo filoleghista, come poteva sembrare Foa. E’ uomo di cultura vera (una volta tanto), che è stato consulente del Comune di Roma e della Regione Lazio quando erano in mano del centrodestra, non lavorando affatto male. Possiamo anche pensarla in maniera diversa, ma dobbiamo riconoscerne i meriti. E’ certamente uomo di parte, molto schierato, ma questa è l’Italia, cambiamento o no: ha difeso Salvini dagli attacchi di Famiglia Cristiana e ha già collaborato in qualche modo con i Cinque Stelle. Esperto in comunicazione, classe 1966, eletto in quota Fratelli d’Italia, laurea in lettere alla Sapienza, presidente Rainet dal 2004 al 2012, ha ricoperto nella sua carriera un mucchio di incarichi fra cui quello di direttore Master Media & Entertrainement per la Link Campus University, il cosiddetto pensatoio grillino, oltre a fare l’editorialista del Tempo e del Giornale. Quando la Francia ha vinto i mondiali, ha scritto un interessante articolo sul suo blog raccontando le due facce di un Paese multietnico, mettendo a confronto fatti e persone che molti di noi trascuriamo abbastanza facilmente. Da una parte Mbappé, l’eroe diciannovenne grande protagonista di quel titolo, afrofrancese della banlieue che rivendica orgogliosamente la sua francesità e la sua integrazione. E dall’altra non solo i violenti disordini delle frange più emarginate delle periferie che hanno messo a soqquadro il Paese dopo ogni vittoria dei bleu, ma soprattutto la figura di «Medine, il rapper islamista figlio di algerini che mescola canzoni di protesta sociale con inni alla Jihad e all’integralismo religioso: il musicista che nei suoi testi invita a "crocifiggere sul Golgota i laicards", slang per indicare i laici, coloro che separano Dio dallo Stato». In nome di un astratto multiculturalismo e di una «ipocrita libertà di pensiero», il prossimo novembre - scrive Rossi - «Medine suonerà al Bataclan, dove un gruppo di francesi di orgini algerine come Medine trucidarono 90 persone».

Giampaolo Rossi

Mbappé, il calciatore di successo, e il rapper che gira con la maglietta con la scritta Jihad: «Ma il primo è un’eccezione, il secondo sarà la regola. I due volti sono la proiezione del destino dell’Europa». Come si evince da questo articolo, Rossi, però, è molto più vicino a Oriana Fallaci che a Salvini. Si può davvero definirlo xenofobo?

Come ogni uomo di destra che si rispetti, un suo nemico dichiarato è Saviano, che a lui ricorda tanto il marchese del Grillo: «Io so’ io e voi siete un cazzo!». Toni apocalittici e polemica feroce. Per Giampaolo Rossi «l’immigrazionismo di Saviano e della sinistra italiana è la più ipocrita ideologia del nostro tempo. Ancora peggiore di quel multiculturalismo suicida che sta trasformando le nostre città nell’Eurabia preannunciata dalla Fallaci. Il loro buonismo e la loro accoglienza sono solo il volto mediatico perfetto dello schiavismo del nuovo millennio imposto dal Verbo della globalizzazione di cui loro sono i sacerdoti». Per lui è scontro di civiltà. Un allarme che la Chiesa paventava negli anni 80, quando la grande immigrazione stava solo per cominciare, ma che adesso ha smesso di cavalcare. Ma è soprattutto in politica estera che la sua voce si distanzia dal coro degli ultimi governi e delle ultime Rai.

Quando gli americani hanno bombardato la Siria con il pretesto delle armi chimiche, ha puntato il dito contro gli Usa, facendo presente a chiare lettere che «la presenza americana in Siria è del tutto illegale e priva di giustificazione nel Diritto Internazionale. Il suo intervento non è stato richiesto dal governo legittimo siriano, come invece è stato il caso della Russia, su specifica richiesta di Assad». E poi dice quello che nessuno dice, ma che valeva in parte anche per Saddam Hussein e per Gheddafi, i terribili dittatori, che però, guarda caso, erano gli unici non integralisti, nemici di Al Qaeda e del fondamentalismo islamico, e che sono stati spazzati via dalle bombe occidentali per rendere quei paesi ingovernabili sotto la minaccia delle bande armate dell’Isis. Rossi in un suo blog ricorda che «il regime di Assad è comunque uno dei regimi più laici del Medio Oriente (per esempio uno dei pochi che garantisce pieni diritti alle minoranze cristiane)». Vi paiono analisi così assurde? Molto più facile dissentire da lui quando difende Francesca Totolo, l’autrice del tweet sullo smalto di Josepha, sposandone la definizione di «dama sovranista». Ma il problema è che in Italia quando si è da una parte, si prende sempre tutto il mazzo, non si scarta niente. Funziona così. Peccato.          

 

Pierangelo Sapegnodi Pierangelo Sapegno, editorialista   
I più recenti
Autonomia, da cinque Regioni progressiste sì al referendum
Autonomia, da cinque Regioni progressiste sì al referendum
Roma, cerimonia per Boris Giuliano: Mattarella alla Scuola di Polizia
Roma, cerimonia per Boris Giuliano: Mattarella alla Scuola di Polizia
Ok Consiglio Puglia a richiesta referendum abrogativo Autonomia
Ok Consiglio Puglia a richiesta referendum abrogativo Autonomia
Mattarella ad allievi scuola Polizia: grande scelta a servizio Stato
Mattarella ad allievi scuola Polizia: grande scelta a servizio Stato
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...