[Il retroscena] In Liberi e Uguali solo quaranta poltrone sicure e scoppia la rissa

Al tavolo delle liste arriva l’ordine di ridimensionare D’Alema. Territori in rivolta contro le candidature dall’alto. Grasso difende con le unghie la sua pattuglia di sette. Art.1 e Si duellano sui posti

Pietro Grasso
Pietro Grasso

Liberi non fa rima con uguali al tavolo delle liste in via Zanardelli, quartier generale di LeU dove le ore diventano sempre più piccole e la luce è sempre più fioca. Il punto è presto detto: con le proiezioni al 6/7 per cento, i posti sicuri in Parlamento sono all’incirca una quarantina. Gli uscenti sono 42 deputati di Articolo 1, 17 di Sinistra italiana, 16 senatori di Articolo 1 e 7 di Sinistra italiana. In totale sono 82 uscenti che reclamano un posto sicuro in Parlamento, il prezzo minimo per aver avallato e dato consistenza allo strappo dal Pd. A questi vanno aggiunti i posti altrettanto sicuri che reclama – legittimamente - il leader della lista, Piero Grasso (almeno 7) e quelli (due, tre) che a sua volta vorrebbe “proteggere” Laura Boldrini, ultima arrivata nella formazione ma convinta, con qualche fondamento, di essere un’ importante calamita di voti. Se poi si conta Massimo D’Alema (“l’unico vero rappresentante della società civile sono io visto che in questa legislatura non stavo in Parlamento e quindi non sono un uscente” ha rimarcato), si arriva ad oltre cento persone in cerca di un seggio. Una prenotazione insostenibile per Liberi e Uguali.

Vai col paracadute

Non solo. Per ovviare a questa coperta più corta del previsto, il gruppo dirigente uscente si sta blindando con una serie di pluricandidature paracadutate dall’alto. L’esatto contrario di quel principio di territorialità che era stato promesso nell’assemblea del 7 gennaio come unico criterio nella formazione delle liste. Da qui le tensioni che da due settimane attraversano la sede di via Zanardelli e che in queste ore raccontano di un’implosione annunciata.

“Ridimensionare il lider maximo”

Il responsabile non può essere uno solo. E le versioni discordano a seconda con chi parli. E poiché le anime di LeU sono almeno sei (Art. 1, Si, Possibile, Grasso, Boldrini, D’Alema) è chiaro che ognuno tende a scaricare sull’altro. D’Alema, ad esempio. L’ex premier non partecipa neppure al tavolo delle trattative di via Zanardelli, sede organizzativa di Leu. Ed è tra i pochi che rispetta il criterio della territorialità (è candidato nell’uninominale di Gallipoli e nel proporzionale delle stessa zona). Il punto è che, poiché si sente uno dei fondatori del “nuovo soggetto politico a sinistra”, anche D’Alema vorrebbe una sua quota di protetti. Per i quali però non viene trovato posto. Neppure in Puglia. L’ordine è: “Ridimensionare D’Alema, che già gode di ottima stampa e quando fa un’intervista ha una pagina garantita”. Anche perché quando parla, fa notizia. E la notizia dell’altro giorno – “Dopo il 5 marzo ci può essere solo un governo del Presidente” – è solo un’altra di quelle che ha fatto sobbalzare il tavolo di via Zanardelli. Da notare, anche, che Grasso e D’Alema non si sono mai presi troppo. Del resto Grasso è un’invenzione di Bersani e il leader di LeU fatica, tra tanti che prendono quotidianamente la parola dicendo spesso concetti opposti, ad affermarsi come leader della lista. E siccome, per quanto inesperto di dinamiche politiche, Grasso non ci sta a passare per il volto utile all’occasione, è comprensibile che adesso presidi il territorio. Come dice lui. 

“Suicidio politico”

In questo quadro non stupisce che ieri lo abbia evocato Gianni Melilla, deputato abruzzese di Mdp. Che spiega: “LeU in Abruzzo eleggerà si e no mezzo deputato. Questo solamente se si candida qualcuno radicato sul territorio, che porta il suo valore aggiunto. Al nazionale avevamo consegnato una rosa di 20 nomi, che si sono tenuti per una quindicina di giorni per poi venirci a dire che nei due collegi abruzzesi verranno candidati una deputata calabrese eletta in Piemonte, Celeste Costantino, e il deputato Mdp molisano Danilo Leva”. Parole che sporcano sul nascere il progetto di sinistra diversa e alternativa di LeU. “Si sta concependo il Rosatellum come e peggio del Porcellum, un sistema per blindare degli eletti calati dall'alto e questo non è accettabile”. In Abruzzo, se queste saranno le condizioni, “non scatterà neppure un seggio”. 

L'antica arte del tutti contro tutti

Melilla chiede a Grasso “di prendere in mano la situazione e di lasciare l'Abruzzo agli abruzzesi”. Anche qui difficile stabilire di chi sia la colpa. “I due partiti più grossi” si bisbiglia a bocca chiusa, cioè Mdp e Si. Sinistra italiana punta il dito contro Mdp che “vorrebbe prendersi tutti e due i collegi della Camera” quando uno spetterebbe invece al partito guidato da Nicola Fratoianni”. Così come Nico Stumpo, uomo forte di Mdp in Calabria, si sarebbe preso entrambi i collegi nella regione. Un’altra voce di dolore si alza da Palermo. Ninni Terminelli, componente del Comitato provinciale di Palermo, uno di quelli che essendo del territorio considerava la sua candidatura cosa fatta, è costretto a rinunciare e parla di “delusione verso le strategie di Art. 1 che ha scelto di sottovalutare la rilevanza della città di Palermo in nome di equilibri generali che non commento”. A Catania, ad esempio, dovrebbe correre capolista, calato anche lui dall’alto, l’ex segretario della Cgil e segretario del Pd Gugliemo Epifani. Anche in Sardegna la delusione è molto forte: a Cagliari è in arrivo Claudio Grassi,  responsabile organizzazione di Si. I dirigenti locali hanno rifiutato di candidarsi nell’uninominale in dissenso dalle scelte nazionali. 

Grasso difende i suoi 7

Il presidente del Senato uscente sarà anche persona non abituata a certi meccanismi. Ma non ci sta davvero a farsi usare da chi lo ha convinto alla leadership. Quindi, pur non avendo un partito alle spalle, rivendica la blindatura er una pattuglia di “suoi” candidati. Sono sette: Rossella Muroni, presidente uscente di Legambiente, ora responsabile del programma di LeU e candidata in più collegi proporzionali sicuri (Roma e Puglia); Alessio Pasquini, il fedele portavoce cresciuto negli anni con Grasso (collegio di Milano dove avrebbe scalzato lo storico Ciccio Ferrara); il medico di Lampedusa, il dottor Bartolo, protagonista del bellissimo film “Focoammare”; Anna Falcone, l’avvocato anti Italicum e anti-riforma, calabrese di origine ma catapultata in due collegi del nord. E poi un imprenditore, il cui nome è ancora coperto, e un altro rappresentante della società civile. Grasso, infine, si è protetto pluricandidandosi in collegi sicuri (Roma, Palermo, Napoli, Milano). Al leader della lista vorrebbero togliere un paio di caselle. Lui resiste. E non farà un passo indietro. 

Gli sperduti del Campo Progressista

Al momento resterebbero fuori, tra i big, coloro che hanno troppo a lungo tentennato tra Pd e Mdp con quel progetto mai decollato che si chiamava Campo Progressista: il giovane e preparato Marco Furfaro, ad esempio, sarebbe la seconda volta che resta senza un seggio. E in questo disastro, tra un litigio e una rivendicazione, rischia anche uno dei fondatori, seppure di minoranza: Pippo Civati. Il suo collegio è Monza ma è stato spostato a Brescia, territorio leghista, quasi una mission impossible. Blindati, invece, Laura Boldrini a Milano 1, Roberto Speranza in Basilicata , Luigi Bersani in Emilia, Vasco Errani a Bologna. Hanno discusso e si sono divisi su molte cose in queste settimane dentro Liberi e Uguali: con chi allearsi, eventualmente, dopo, i 5 Stelle, il Pd forse e solo se derenzizzato; l’appoggio al Pd nel Lazio ma non in Lombardia; la politica estera e le missioni militari; chi comanda e chi è il vero leader tra Grasso, D’Alema, Bersani e Boldrini. Ma nulla può essere divisivo come la chiusura delle liste.