Tiscali.it
SEGUICI

Via libera alla separazione delle carriere, il Cdm approva la riforma. Nordio: "Riforma epocale". Ma Anm valuta sciopero

L'approvazione accompagnata da un applauso. Tra i punti centrali del disegno di legge costituzionale anche l'istituzione di un'Alta Corte disciplinare e l'inserimento nella Costituzione del ruolo dell'avvocatura. La Giunta dell'Anm convocata d'urgenza

di Tiscali News   

Approvato in Consiglio dei ministri il testo sulla riforma della giustizia che prevede la separazione delle carriere. Tra i punti centrali del disegno di legge costituzionale, a cui hanno lavorato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano e il ministro della Giustizia Carlo Nordio, ci sono anche la riforma del Csm, l'istituzione di un'Alta Corte disciplinare e l'inserimento nella Costituzione del ruolo dell'avvocatura.

Nordio: "Provvedimento epocale"

Con la riforma della separazione delle carriere "il pubblico ministero resta assolutamente indipendente, godrà delle stesse garanzie di indipendenza dei giudici", ha detto il Guardasigilli che considera la riforma anche un "omaggio a Giovanni Falcone che era favorevole alla separazione delle carriere" e un omaggio "a Giuliano Vassalli che aveva voluto il codice accusatorio al quale ci siamo ispirati", ha aggiunto. A una domanda sulla posizione dell'Associazione nazionale magistrati che ha più volte espresso la propria contrarietà alla riforma e ha convocato in via d'urgenza la giunta per questo pomeriggio, Nordio ha risposto: "Siamo aperti al dialogo, accettiamo contributi, suggerimenti ma devono accettare il principio che la volontà popolare è sacra e se ci è stato dato il mandato di separare le carriere noi ubbidiamo alla sovranità che appartiene al popolo".

Anm valuta sciopero

"Ogni iniziativa verrà valutata dagli organi collegiali". Così il presidente dell'Anm, il sindacato delle toghe, risponde in merito all'eventuale annuncio di sciopero da parte dell'Associazione nazionale Magistrati, che ha riunito urgentemente la Giunta esecutiva centrale oggi pomeriggio, con l'ordine del giorno sull'approvazione del Consiglio dei ministri del disegno di legge costituzionale in materia di ordinamento giurisdizionale e per l'istituzione della Corte disciplinare.

I tre principi fondamentali

Il primo è la separazione carriere, che attua il principio fondamentale del processo accusatorio voluto da Vassalli, gli altri sono la composizione e la elezione del Csm; il secondo punto della riforma è la composizione e elezione del Consiglio superiore della magistratura. "Qquesto organo di autogoverno della magistratura in questi ultimi anni, spiega Nordio,  non solo a detta mia o altri esponenti della maggioranza ma di moltissimi magistrati, non ha dato buona prova di sé e scandali come quelli di Palamara o di altri hanno eccitato le varie proteste" che non hanno portato a "rimedi a quelli della degenerazione correntizia". "Interrompere questo legame" che "ha portato a tutta una serie di anomalie è stato il nostro compito principale, attraverso il sorteggio".

Su Alta Corte nomine del Colle e sorteggio

"L'Alta Corte è composta da quindici giudici, tre dei quali nominati dal Presidente della Repubblica tra professori ordinari di università in materie giuridiche e avvocati con almeno venti anni di esercizio e tre estratti a sorte da un elenco di soggetti in possesso dei medesimi requisiti che il Parlamento in seduta comune, entro sei mesi dall'insediamento, compila mediante elezione, nonché da sei magistrati giudicanti e tre requirenti estratti a sorte tra gli appartenenti alle rispettive categorie, con almeno venti anni di esercizio alle funzioni giudiziarie e che svolgono o abbiano svolto funzioni di legittimità". Così riporta l'articolo 4.  "Contro le sentenze emesse dall'Alta Corte in prima istanza - si legge in un altro passaggio - è ammessa impugnazione, anche per motivi di merito, soltanto dinanzi alla stessa Corte, che giudica senza partecipazione dei componenti che hanno concorso, a pronunciare la decisione impugnata". 

Due Csm con membri eletti a sorteggio, presiede capo Stato

"La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere ed è composta dai magistrati della carriera giudicante e della carriera requirente. Il consiglio superiore della magistrtura giudicante e il Consiglio superiore della magistratura requirente sono presieduti dal Presidente della Repubblica. Ne fanno parte di diritto, rispettivamente, il primo Presidente e il Procuratore generale della Corte di cassazione". È quanto si legge nella bozza presentat in Cdm all'articolo 3, riguardante le modifiche all'articolo 104 della Costituzione. "Gli altri componenti - si legge ancora nel documento - sono estratti a sorte, per un terzo da un elenco di professori ordinari di università in materie giuridiche e avvocati dopo quindici anni di esercizio, che il Parlamento in seduta comune, entro dei mesi dall'insediamento, compila mediante elezione, e per due terzi, rispettivamente, tra i magistrati giudicanti e i magistrati requirenti, nel numero e secondo le procedure previsti dalla legge".

di Tiscali News   
I più recenti
Giornata internazionale contro la droga, Mantovano: Gli anni dell'abbandono sono finiti
Giornata internazionale contro la droga, Mantovano: Gli anni dell'abbandono sono finiti
Intesa sui top jobs Ue, von der Leyen tratterà con Meloni
Intesa sui top jobs Ue, von der Leyen tratterà con Meloni
Ok definitivo del Parlamento al ddl per il Terzo Settore
Ok definitivo del Parlamento al ddl per il Terzo Settore
Ok unanime Camera alla pdl sulla sanità per gli homeless
Ok unanime Camera alla pdl sulla sanità per gli homeless
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...