Rd Congo, Casellati: fare piena luce su matrice attacco

Rd Congo, Casellati: fare piena luce su matrice attacco
di Askanews

Roma, 24 feb. (askanews) - E' necessario "quanto prima fare piena luce sulla matrice dell'attacco, identificandone gli autori. Di fronte a tanto dolore, la risposta della comunità internazionale deve essere quella di un rinnovato impegno a contrastare ogni forma di violenza e di prevaricazione". Lo ha detto la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati ricordando in Senato l'ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci uccisi in un agguato in Congo."Due giovani italiani brillanti e coraggiosi, caduti in un brutale agguato a Goma, in Congo, mentre viaggiavano su un convoglio del World Food Programme delle Nazioni Unite nel quale ha perso la vita anche il giovane autista... Entrambi - ha ricordato Casellati - si erano fatti carico di una missione difficile e gravosa e rappresentavano l'Italia in un contesto geopolitico complesso e particolarmente delicato. Un incarico che stavano svolgendo con impegno e determinazione, senza mai arretrare di un passo, pur nella consapevolezza dei rischi e dei pericoli a cui ogni giorno erano costretti ad esporsi"."Portare sicurezza, solidarietà e sostegno ai popoli oppressi non è solo una questione umanitaria o di giustizia, è un'opera di civiltà fondata sulla difesa - sempre e comunque - dei diritti inviolabili e della dignità di ogni essere umano. Un impegno che da sempre contraddistingue l'Italia, l'azione delle nostre diplomazie e i tanti sacrifici dei nostri militari. Entrambi erano autentici portatori di pace e di speranza. E come tali abbiamo il dovere di ricordarli e di onorarne il sacrificio", ha concluso Casellati.