Tiscali.it
SEGUICI

Premierato,primo sì a elezione diretta.Dopo Pera anche dubbi Lega

di Askanews   
Premierato,primo sì a elezione diretta.Dopo Pera anche dubbi Lega

Roma, 2 apr. (askanews) - Le critiche sono un venticello. Perché il voto alla fine è sempre allineato, ma i dubbi si insinuano e cominciano a sussurrare che le perplessità sul testo della riforma del premierato non arrivano soltanto da un buon numero di costituzionalisti e dalle opposizioni, ma anche dall'interno della maggioranza. La settimana scorsa era stato il senatore Marcello Pera, pur eletto con Fdi, a mettere in fila una serie di criticità, a pronunciare il suo sì accompagnato da molti "mugugni". Oggi è il leghista Paolo Tosato a chiedere, pur con un giro di parole, se non sia il caso di fare un supplemento di riflessione, se non si debba ragionare su ulteriori correzioni. In entrambi i casi, il riferimento non è a una norma qualsiasi ma all'emendamento del governo che riscrive l'articolo 92 della Costituzione e che contiene il principio cardine dell'elezione diretta.Dopo settimane di discussione alquanto a rilento, infatti, la commissione Affari costituzionali ha approvato oggi la proposta di modifica che porta la firma del ministro Casellati e che di fatto rappresenta il cuore della ribattezzata "madre di tutte le riforme". Non è un caso se, pur trattandosi solo di un primo sì e pur essendo la trattazione del provvedimento ancora in corso, Fratelli d'Italia esulta con una serie di dichiarazioni in batteria.

Peraltro, domani sempre in Senato, verranno presentati i primi comitati per il referendum che, pur essendo una iniziativa che parte dalla società civile, ha sopra il cappello del partito della premier.L'emendamento approvato in commissione è anche quello che parla di nomina e revoca dei ministri e stabilisce il limite dei mandati per il capo del governo eletto, stabilendo che debbano essere al massimo due, elevabili a tre se la somma dei precedenti incarichi sia inferiore a sette anni e sei mesi. Ma è anche lo stesso emendamento con il quale si cancella il riferimento al 55% del premio di maggioranza che era invece contemplato nel testo originario e che rimanda a un nodo che in queste settimane è diventato centrale: quello della legge elettorale. La formulazione approvata si limita a parlare di un "sistema per l'elezione delle Camere e del presidente del Consiglio" attraverso cui si assegna "un premio su base nazionale che garantisca una maggioranza dei seggi in ciascuna delle Camere alle liste e ai candidati collegati al presidente del Consiglio".Le opposizioni da giorni vanno chiedendo che il governo e la maggioranza non giochino "a carte coperte" sulla legge elettorale spiegando che il sistema di voto scelto non può prescindere dalla trattazione della riforma. La posizione del ministro Casellati, e del presidente della commissione Alberto Balboni, tuttavia, è che "non si può cominciare a costruire la casa del tetto" e che se ne parlerà, aprendo un tavolo con tutti i partiti, ma soltanto dopo la prima lettura. Qualche particolare non di poco conto, tuttavia, lo svela proprio l'ipermeloniano Balboni: ci sarà una soglia minima e, in caso di mancato superamento, il ballottaggio.Un riferimento, quello alla necessità di pensare a un doppio turno, che già la settimana scorsa e ancora oggi, è stato fatto proprio dal leghista Tosato. Che, praticamente unico della maggioranza a intervenire nella seduta, ha anche posto un problema più complessivo di efficacia della norma. L'esponente del Carroccio si è infatti chiesto se, così com'è scritta, non possa determinare "una circostanza in cui si abbia la certezza dell'elezione di un presidente del Consiglio, ma senza la certezza che abbia una maggioranza di uguale segno politico per sostenerlo". Da qui l'invito a valutare se "ci sia margine per migliorare il testo". Con una postilla che, visti i rapporti attuali tra i due partiti di maggioranza, diventa d'obbligo: "Non ho intenzioni dilatorie, la Lega non ha intenzioni dilatorie".

di Askanews   

I più recenti

25 aprile, Tajani: Abbiamo giurato su Costituzione antifascista, non e' festa di un solo partito
25 aprile, Tajani: Abbiamo giurato su Costituzione antifascista, non e' festa di un solo partito
Prodi: Draghi al Consiglio europeo? Dipende da lui e da elezioni
Prodi: Draghi al Consiglio europeo? Dipende da lui e da elezioni
Opposizioni, il seggio di Matteotti alla Camera sia un simbolo
Opposizioni, il seggio di Matteotti alla Camera sia un simbolo
Via libera alle prime norme Ue sulla violenza sulle donne
Via libera alle prime norme Ue sulla violenza sulle donne

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...