Tiscali.it
SEGUICI

Nomine Rai, via libera del Cda alle nomine nei Tg. Si dimette Lucia Annunziata

La conduttrice di "Mezz’ora in più" lascia il servizio pubblico: "Non condivido né le scelte né il metodo del governo". Sergio: "Sinceramente dispiaciuto". I vertici: Chiocci al Tg1, Preziosi al Tg2, Orfeo resta al Tg3. Ancora: Pionati al Gr e Volpi a RaiSport. Gli altri nomi

TiscaliNews   
Nomine Rai, via libera del Cda alle nomine nei Tg. Si dimette Lucia Annunziata
Lucia Annunziata (Ansa)

Gian Marco Chiocci alla direzione del Tg1, Antonio Preziosi alla direzione del Tg2, Francesco Pionati al Gr e Jacopo Volpi a RaiSport. Il Cda Rai ha dato il via libera, con un voto a maggioranza, alle nomine alla direzioni giornalistiche proposte dall'ad Roberto Sergio. Confermata la direzione del Tg3, affidata a Mario Orfeo. Contestualmente arriva la notizia delle dimissioni di Lucia Annunziata, già presidente della Rai e conduttrice del programma di approfondimento politico Mezz'ora in più

Alla comunicazione, l'Ad Rai, Roberto Sergio, a quanto si apprende, avrebbe risposto di essere "sinceramente dispiaciuto", ribadendo che il suo primo atto in Cda "è stato il via libera a poche produzioni, per la prossima stagione autunnale, tra le quali In mezz'ora". L'augurio di Sergio è che Annunziata "possa completare il ciclo di trasmissioni e che ci possano essere ulteriori occasioni di incontro".

Le nomine dei vertici

Come da anticipazioni della vigilia, l'ad ha anche comunicato le nomine ai vertici di alcune direzioni di genere, sulle quali il parere del Cda non è vincolante: Marcello Ciannamea diventa direttore dell'Intrattenimento Prime Time, Angelo Mellone dell'Intrattenimento Day Time, Paolo Corsini dell'Approfondimento e Adriano De Maio della direzione Cinema e Serie Tv, Monica Maggioni dell'Offerta informativa, Stefano Coletta della Distribuzione, Nicola Rao della direzione Comunicazione. Inoltre Simona Sala diventa direttrice di Radio 2. Mentre Francesco Giorgino dirigerà l'Ufficio Studi.

I direttori nominati. Da sinistra in alto, Gian Marco Chiocci, Antonio Preziosi, Francesco Pionati, Giuseppe Carboni, Jacopo Volpi, Marcello Ciannamea, Angelo Mellone, Paolo Corsini, Adriano De Maio, Simona Sala, Monica Maggioni e Stefano Coletta (Ansa)

Confermati invece Silvia Calandrelli a Rai Cultura, Maria Pia Ammirati a Rai Fiction, Luca Milano a Rai Kids ed Elena Capparelli a RaiPlay e Digitale. Andrea Vianello infine va a dirigere la Tv di San Marino. Rinnovati anche i vertici di Rai Com con Sergio Santo che sarà il nuovo amministratore delegato e Claudia Mazzola presidente. Per Rai Cinema, infine, confermati Paolo Del Brocco come ad e Nicola Claudio presidente.

A sbloccare la situazione e dare via libera alle nomine volute da Sergio è stato il rappresentante del M5S, Alessandro di Majo. La presidente Marinella Soldi ha infatti votato contro il pacchetto sulle testate, così come Francesca Bria e il rappresentante dei dipendenti Riccardo Laganà, mentre il consigliere pentastellato si è astenuto. Tre quindi i voti a favore contro i due contrari: nomine approvate. 

La nota di Annunziata

"Arrivo a questa scelta senza nessuna lamentela personale: giudicherete voi, ora che ne avete la responsabilità, il lavoro che ho fatto in questi anni”, si legge nella nota che la giornalista ha inviato all'ad Roberto Sergio, al dg Giampaolo Rossi e al neo responsabile dell’Approfondimento, Paolo Corsini. Le sue, è scritto sono "dimissioni irrevocabili".

"Vi arrivo perché non condivido nulla dell’operato dell’attuale governo, né sui contenuti, né sui metodi – scrive la giornalista -. In particolare non condivido le modalità dell’intervento sulla Rai. Riconoscere questa distanza è da parte mia un atto di serietà nei confronti dell’azienda che vi apprestate a governare. Non ci sono le condizioni per una collaborazione dunque". "Non intendo avviarmi – chiude la giornalista – sulla strada di una permanente conflittualità interna sul lavoro. Spero che queste righe vengano accolte con la stessa serietà da parte vostra. In attesa di indicazioni su se e come concludere la stagione in corso (sul calendario è fine giugno), vi auguro buon lavoro". Il programma della giornalista compare ancora nel palinsesto anche per il prosismo autunno. Bisogna vedere se resterà e chi, eventualmente, lo condurrà.

Rispetteremo l'equilibrio di genere

In risposta alle polemiche sollevate anche in riferimento al non rispetto della parità di genere nella direzione dei Tg principali, affidata in tutti i casi a uomini, interviene l'amministratore delegato Rai, Roberto Sergio. "Sul tema della presenza della parità di genere ci sarà una forte inversione di tendenza e un giudizio complessivo si potrà dare solo quando il quadro complessivo delle nomine sarà definito, soprattutto dopo l'individuazione delle vicedirezioni - ha detto Sergio nel corso del Cda -. I percorsi si costruiscono e non s'improvvisano. Questa governance è al lavoro da soltanto una settimana", ha aggiunto.

Le parole di Di Majo

"Le scelte di oggi esprimono con chiarezza la linea rispetto al nuovo corso dell'azienda: il bilanciamento tra voti favorevoli e astensioni sta ad indicare che non si intende firmare nessuna cambiale in bianco; le singole decisioni dei nuovi vertici saranno valutate volta per volta in base ai principi di pluralismo, inclusione, equilibrio di genere", ha detto Di Majo dopo il voto in Cda. "Nessuna preclusione - ha scritto - rispetto alla possibilità di poter condividere singole specifiche scelte, ma allo stesso tempo nessuno sconto su una attenta valutazione nel merito di ciascuna di esse". Ma resta il fatto che la sua astensione ha permesso il via libera alle nomine.

TiscaliNews   

I più recenti

Emiliano a Schlein, ci sarà netto cambio di passo
Emiliano a Schlein, ci sarà netto cambio di passo
Schlein a Emiliano, 'non basta sostituire chi è uscito'
Schlein a Emiliano, 'non basta sostituire chi è uscito'
Puglia, Schlein: Emiliano operi in tempi brevi e con segno tangibile
Puglia, Schlein: Emiliano operi in tempi brevi e con segno tangibile
Paolo Berlusconi: famiglia vicina a FI ma nessuno scende in campo
Paolo Berlusconi: famiglia vicina a FI ma nessuno scende in campo

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...