Tiscali.it
SEGUICI

Meloni rientra da Bruxelles "soddisfatta".Ma partite Ue ancora aperte

di Askanews   
Meloni rientra da Bruxelles 'soddisfatta'.Ma partite Ue ancora aperte

Bruxelles, 24 mar. (askanews) - La premier Giorgia Meloni è ripartita da Bruxelles dicendosi "molto soddisfatta" per i risultati del Consiglio europeo e anche per il bilaterale del 'disgelo' con il presidente francese Emmanuel Macron.Per quanto riguarda il summit, però, grandi risultati concreti non ce ne sono stati, ma del resto non era questa l'occasione. Il Consiglio, infatti, era già preannunciato come "interlocutorio", una prosecuzione di quello di febbraio e un 'primo tempo' di quello in programma a giugno (ma potrebbe esserci una riunione straordinaria a maggio).Il tema che stava più a cuore alla presidente del Consiglio era quello dei migranti, previsto all'ordine del giorno nella sezione 'varie ed eventuali'. Ieri sera, nel corso della cena, c'è stato un confronto sul report della Commissione sull'implementazione delle misure decise a il 9 febbraio. Meloni ha preso la parola, chiedendo azioni "rapide e concrete" per una situazione che, vista anche la questione tunisina, rischia di andare "fuori controllo" in estate. Alla fine la premier ha ottenuto il richiamo (non scontato) del tema nelle conclusioni finali: cinque righe in cui il punto centrale è l'impegno a una "rapida implementazione" delle intese, con una verifica a giugno. Dunque adesso occorre, per il governo, controllare e sollecitare l'attuazione concreta.Altro punto centrale per l'esecutivo italiano è quello del sostegno alla competitività, su cui le conclusioni non mostrano grandi passi avanti. L'Italia è contraria a una semplice e ampia riduzione dei vincoli agli aiuti di Stato, che avvantaggerebbe i Paesi più solidi, e punta invece su una maggiore flessibilità sui fondi esistenti, a partire dal Pnrr.

A proposito del Piano nazionale di ripresa e resilienza, Meloni è arrivata a Bruxelles mentre in Italia suonava l'allarme per ritardi nell'attuazione che metterebbero a rischio il pagamento della terza rata da 19 miliardi. A margine dei lavori il ministro Raffaele Fitto ne ha parlato con il commissario all'economia Paolo Gentiloni e la stessa premier ne ha discusso con la presidente della Commissione Ursula von der Leyen. Meloni ha assicurato di non vedere "assolutamente rischi" sull'erogazione della tranche ma qualche preoccupazione, sia in Europa che in Italia, c'è. E una conferma sembra arrivare dal presidente della Repubblica: citando De Gasperi, Sergio Mattarella ha rivolto oggi un pressante invito a "mettersi alla stanga" per realizzare il piano.Il tema economico contingente, per Meloni, va però di pari passo con la partita, appena iniziata, per la revisione del Patto di stabilità e crescita, che per l'Italia deve guardare più alla "crescita" e allo "sviluppo", senza tornare a regole di austerity che sarebbero "tragiche". Su questo, però, la partita è appena iniziata. L'idea della presidente del Consiglio è quella di creare un fronte dei Paesi del Sud, dando vita a un blocco in grado di contrastare la linea di austerity dei cosiddetti 'frugali'. Di questo Meloni ha parlato con Macron, in un incontro di oltre un'ora e mezza che si è svolto ieri sera all'hotel Amigo, nel centro di Bruxelles, dove entrambi soggiornavano. Un faccia a faccia arrivato dopo mesi di gelo, causato dallo scontro a distanza sui migranti e le navi Ong e poi peggiorato dall'invito all'Eliseo del presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky che aveva fatto infuriare la premier. L'incontro per Meloni è andato "bene" ed è emersa "voglia di collaborare" su alcune questioni strategiche, tra cui migranti e politica industriale. Proprio sul Patto di stabilità Meloni si dice convinta di poter contare su un "ampio allineamento" di Parigi, che invece ha il sostegno di Roma sul nucleare. La Francia, infatti, vuole che l'Ue inserisca l'atomo tra le tecnologie utilizzabili per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione. "Indipententemente da quella che può essere poi la scelta italiana in tema di nucleare - ha detto Meloni - se le altre nazioni vogliono utilizzare una tecnologia che rispetta determinati target secondo me è giusto che lo possa fare".Sempre in tema di transizione green, resta aperta (e in salita) la partita sulla direttiva per lo stop alle auto a benzina e diesel dal 2035. Sia il vice presidente della Commissione Frans Timmermans che la presidente del Parlamento Roberta Metsola hanno detto, ieri, che la questione non può essere riaperta. La Germania sta trattando per ottenere una interpretazione che permetta l'uso di motori endotermici ma con i cosiddetti e-fuel, i carburanti sintetici, e probabilmente la otterrà. L'Italia vorrebbe lo stesso trattamento per i bio-carburanti e per Meloni "la partita non è affatto persa".Con questo risultato la premier ha fatto rientro a Roma, dove la attende la preparazione di un importante Consiglio dei ministri martedì (all'ordine del giorno ci saranno, tra l'altro, un provvedimento contro il caro-benzina e il codice degli appalti) e la partita delle nomine nelle partecipate, che crea fibrillazioni tra gli alleati, in particolare con la Lega. "Non ci sono tensioni - cerca di smorzare - ci sono interlocuzioni a 360 gradi che guardano al merito delle persone e delle questioni".

di Askanews   

I più recenti

Salvini, sono abituato alle critiche di Bossi da 30 anni
Salvini, sono abituato alle critiche di Bossi da 30 anni
Tra Asia e Oceania già partita l'attesa per viaggio Papa
Tra Asia e Oceania già partita l'attesa per viaggio Papa
Lega, Bossi vuole nuovo leader. Salvini: abituato a sue critiche
Lega, Bossi vuole nuovo leader. Salvini: abituato a sue critiche
Santoro a Sassari, 'la parola pace è oggi censurata'
Santoro a Sassari, 'la parola pace è oggi censurata'

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...