Tiscali.it
SEGUICI

Il G20 di Meloni: “Italia ponte tra est e ovest” e partner della Cina. I Grandi della Terra in cerca di pace

Nel comunicato finale la condanna della guerra e la necessità condivisa di trovare la via della pace. Nel racconto della premier l’Italia ha avuto un “ruolo centrale” in questo G20. “Ci sono state molte richieste di bilaterali. Abbiamo privilegiato l’area indopacifica”. Il doppio merito dell’Italia: “Una leader donna e un governo stabile”

Claudia Fusanidi Claudia Fusani      
Giorgia Meloni al G20 (Ansa)
Giorgia Meloni al G20 (Ansa)

C’è il vertice dei 20 che ha ballato sul precipizio della guerra mondiale per le ore di una lunghissima notte ma poi ha chiuso con la promessa di tutti i 20 - esclusa la Russia  ma inclusi Cina e India -  che questa guerra deve cessare. C’è il vertice di Putin che invitato ma assente persino in collegamento e sempre più isolato per non dire nell’angolo, ha dedicatola giornata clou del vertice a bombardare l’Ucraina. Ma c’è il vertice del disgelo tra Est e Ovest, con la stretta di mano tra Biden e Xi dopo tre ore di colloquio. Diciamolo subito: è stato Biden a scartare appena possibile che il razzo che ha ucciso due polacchi nella notte tra il 15 e il 16 fosse russo e a spiegare che fosse tutta colpa purtroppo della contraerea ucraina. In altri tempi avrebbe probabilmente indugiato un po’ di più, la tensione nella Nato sarebbe cresciuta, a Mosca anche. Tutte condizioni ad altissimo rischio. Aver chiuso “l’incidente” in poche ore è stato un gesto distensivo. Anche se l’incidente, come ha sottolineato Giorgia Meloni, è pur sempre “tutta colpa della Russia perchè la contraerea provoca danni in Polonia perchè Mosca attacca le zone di  confine con l’Europa e con la Nato”.  In una parola: la Russia provoca.

Sorpresa: la destra farà affari con la Cina

E’ anche un vertice di sorprese. Una soprattutto: l’”odiata” Cina, invasiva nei commerci, nell’export e persino negli acquisti di pezzi di paese (a esempio i porti), il paese da tenere alla larga per i suoi tentacoli soffocanti, è diventato dopo il bilaterale Meloni-Xi un partner affidabile con cui intensificare i rapporti commerciali. Un capovolgimento di fronte inatteso per non dire sorprendente. Nel comunicato diffuso da Pechino si legge che Italia e Cina hanno una “solida base” per la cooperazione e Pechino chiede a Roma di unirsi per affrontare le “grandi sfide” del presente. Xi non ha fatto riferimenti diretti alla guerra in Ucraina, citata, invece, dal presidente del Consiglio Meloni, che ha sostenuto l'importanza di evitare l'escalation e porre fine al conflitto. Nessun riferimento è arrivato da Xi, come prevedibile, neppure al tema dei diritti umani, sollevato da Meloni. Un richiamo diretto, invece, il presidente cinese lo ha fatto ai rapporti con l'Unione Europea, citati in tutti gli incontri con i leader europei incontrati a Bali e di cui l’Italia dovrebbe proprio essere il ponte. Anzi, Xi auspica un “ruolo importante” dell'Italia per una politica di Bruxelles verso la Cina “indipendente e positiva”.

La versione di Giorgia

Il resoconto del vertice non può prescindere dal fatto che è stato il primo vero esordio internazionale della premier Meloni. Le visite istituzionali a Bruxelles e i due gionri a Sharm el Shekh per la Cop 27 erano stati il riscaldamento in vista del G20 di Bali.

Si dà conto quindi della versione di Giorgia infarcita di superlativi, ottimismo, grande sicurezza e orgoglio: questo G20 è andato “benissimo” ; l’Italia è stata “centrale tanto che non posso dirvi le richieste di bilaterali a cui ho dovuto rinunciare”; di più, l’Italia avrà un ruolo “da mediatore tra est e ovest del mondo e su questo obiettivo abbiamo deciso i bilaterali”. L’orgoglio viene fuori, tra le altre cose, soprattutto perchè “l’Italia da sempre è fanalino di coda per la questione di genere,  è invece l’unico paese al tavolo del G20 in grado di esprimere una leader donna. E questo ha destato molta curiosità”.  Insomma, una statista e una graziosa presenza.

La versione dei fatti

Poi c’è la versione dei fatti: incontri importanti, senza dubbio, ma tutti assolutamente interlocutori; nessuna vera decisione presa e comunque non comunicata (solo una conferenza stampa di appena 31 minuti) ai giornalisti inviati a Bali, dal rinnovo o meno della Via della Seta (l’accordo commerciale con la Cina  scade l’anno prossimo e che gli Usa ma anche Fratelli d’Italia vedono come il fumo negli occhi) alle modalità di gestione del percorso di pace in Ucraina “su cui c’è stata massima condivisione con tutti”; nessun incontro con Emmanuel Macron, il presidente francese al centro delle tensioni sui migranti che pare non avere alcuna voglia di riparlare con la premier italiana sospettandola come minimo di superficialità e leggerezza.

C’è una foto scattata nella prima mattina di Bali, la notte italiana: mentre il mondo è col fiato sospeso per i due morti in Polonia causa esplosione di un razzo che li per lì sembrava russo ma invece era ucraino, i big della Nato si riuniscono per decidere il dà farsi. In quella foto si riconoscono molto pensierosi e testa bassa Macron, Scholtz, Michel, Trudeau e Joe Biden. Non c’è Giorgia Meloni che invece compare nella foto ufficiale del vertice straordinario Nato che si è tenuto poco più tardi.

Le buone notizie

I quasi cento missili che Putin ha deciso di scaricare su Kiev e Leopoli mentre era in corso la prima giornata del vertice fino alla notizia dei due morti in territorio polacco, hanno stravolto l’agenda ma non hanno compromesso l’esito del vertice. Che si misura, in genere, dalle parole del comunicato finale. “La maggior parte” dei Paesi membri del G20 “ha condannato con forza la guerra in Ucraina” e tutti hanno convenuto che il conflitto “mina l’economia globale”. Può sembrare banale ma non lo è affatto visto che tra i Venti ci sono Cina, India, Arabia Saudita che non si sono mai schierati in questi nove mesi. Le venti principali economie mondiali sottolineano anche che “l’uso o la minaccia di usare armi nucleari è inammissibile”. Per gli analisti è la vittoria degli Stati Uniti di Joe Biden. Anche solo la presenza della parola “guerra” segna la differenza. Non si sa chi esattamente abbia firmato il documento finale. La “grande maggioranza” è comunque sufficiente per trasformare un vertice che aveva tutte le premesse per essere un fallimento in un successo. Nel documento c’è anche l’impegno che le banche centrali dei Paesi del G20 continueranno a coordinare gli interventi volti a inasprire le loro politiche monetarie per limitare l’elevato livello d’inflazione. La guerra sta danneggiando tutte le economie. E questo alla fine è il presupposto migliore per pensare che da questo G20 inizi un percorso condiviso per arrivare ad una trattativa di pace.

“E’ stato un successo”

Sul “successo” del vertice ha quindi ragione Giorgia Meloni che incontra i giornalisti per la prima e unica volta alle 13 di ieri, le otto di sera a Bali. Il G20 è finito ma restano ancora alcuni incontri da fare e l’Italia ne ha in agenda uno molto importante: quello con il leader cinese Xi Jinping che è stato con Joe Biden il vero protagonista del vertice. Meloni ha già avuto un colloquio di 60 minuti con il presidente americano  e c’è molta attesa per quello con il leader cinese.

“Nella dichiarazione finale viene espressa la condanna della Russia e questo - spiega nella breve conferenza stampa a cui sono presenti anche il ministro Giorgetti e il sottosegretario Fazzolari che però non fanno dichiarazioni - vi assicuro che non era affatto scontato”. Si riparte da qui, aggiunge la premier, dal fatto che “si è ragionato (con Biden, ndr) sui modi per terminare il conflitto partendo dal rispetto della volontà dell’Ucraina”. Si riparte “da questo riavvicinamento tra est ed ovest (cioè Cina e Stati Uniti, ndr)”  e dal “successo sul negoziato sul grano anche con l’ok della Russia”. Le vie del grano non possono più essere ostaggio del conflitto come lo sono state in questi mesi. Grande spazio al tema energetico “una crisi” per l’Europa  e per l’Italia che “viene da lontano ed è figlia di scelte sbagliate”.

 

“Italia protagonista”

A Bali la premier Meloni conclude un primo ciclo di summit  internazionali - Bruxelles, Sharm el Sheck e Bali - che certo non la possono trasformare in quattro e quattr’otto in una pivot della diplomazia internazionale. Specie in un momento così delicato e difficile. Meloni però rivendica all’Italia, al suo governo e a se stessa “centralità, protagonismo, interesse”. Per due motivi soprattutto: “Sono l’unica donna leader su 41 seduti al tavolo, segno che siamo per una volta all’avanguardia per le questioni di genere”. Il secondo motivo è più politico: “C’è stata molto curiosità per l’Italia e io penso che questo sia dovuto al fatto che noi siamo un governo solido, stabile, che dà l’idea di muoversi nel lungo periodo e di seguire una visione con cui diventa importante rapportarsi con noi”.

La scelta dell’Italia, che ha confermato in tutte le sedi ed in ogni bilaterale “la centralità e la fedeltà euro-atlantica”, è stata quella di prediligere incontri “con paesi importanti per la nostra economia e con cui si ha meno occasione di confrontarsi”. Quindi India e Cina oltre che Canada, Turchia e Australia e, ovviamente, Stati Uniti. La priorità per l’Italia e gli scambi commerciali chiave della nostra economia, è stata “concentrarsi su quell’area dell’indopacifico che è più lontana e distante eppure così interessante per i nostri mercati”.

Quello di Meloni sarà un governo che lavorerà, da quanto si capisce, per unire e non per dividere. “Nessun continente può essere isolato dal resto del mondo” dice e viene in mente come questo messaggio faccia a cazzotti con alcuni temi cari alle destre: nazionalismi, la fine del mostro della  globalizzazione, difesa dei mercati nazionali, difesa dei confini, giusto per restare all’ultima manifestazione di “isolamento”.

 

 

“Lasciate in pace mia figlia”

Delle tre domande dei giornalisti ammesse, a due preferisce non rispondere. La prima riguarda Macron: “I bilaterali con gli europei si fanno in altra sede. Comunque ho parlato con il presidente Michel e abbiamo convenuto che c’è urgenza di affrontare il tema dei migranti in sede di Commissione e Consiglio europeo”. La seconda riguarda il caso Gemmato, il sottosegretario alla Sanità di Fdi che è stato scettico sull’importanza dei vaccini. “Scusate ma non sono arrivata fino a Bali per occuparmi del caso Gemmato…”. Una volta salita sull’aereo che la riporta a Roma, Meloni ha pubblicato un post durissimo sulle polemiche circa la presenza della figlia Ginevra a Bali. “Decido io come fare la mamma” ha rivendicato. E su questo la premier ha ragione da vendere. Anche perchè la piccola Ginevra, quasi mai presente nelle immagini ufficiali e dunque mai esibita, dà  un’immagine di futuro e gioia che certo non guastano. All’Italia e ai vertici.  

Claudia Fusanidi Claudia Fusani      
I più recenti
Sala scende al 19esimo posto tra i sindaci, 'ma non sono deluso'
Sala scende al 19esimo posto tra i sindaci, 'ma non sono deluso'
Mattarella: per nostri migranti Brasile fu terra di accoglienza
Mattarella: per nostri migranti Brasile fu terra di accoglienza
Lula conferisce a Mattarella il massimo delle onorificenze
Lula conferisce a Mattarella il massimo delle onorificenze
Italia-Brasile, Mattarella: con Lula stessi obiettivi e speranze
Italia-Brasile, Mattarella: con Lula stessi obiettivi e speranze
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...