Tiscali.it
SEGUICI

Consiglio Ue, Meloni alla Camera: "Non imporre una maggioranza fragile, dalle urne volontà chiara"

La presidente del Consiglio nelle comunicazioni in vista dell'appuntamento del 27 e 28 giugno contesta l'esclusione dell'estrema destra dalle nomine. L'omaggio al bracciante indiano morto dissanguato: "L'Italia peggiore". E a Tajani e Salvini dice: "Ragà, alzateve anche voi"

TiscaliNews   

"Dalle urne un messaggio chiaro" e "il nuovo Parlamento" che si insedierà a metà luglio è "una tappa molto importante nella storia d'Europa da cui trarre importanti indicazioni". E l'indicazione è chiara: "L'Europa deve intraprendere una direzione diversa rispetto al posizionamento preso finora". Messaggio che "non intendiamo far cadere nel vuoto". La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nelle comunicazioni alla Camera in vista del Consiglio europeo, analizza il voto e punta l'indice sulla "disaffezione" dei cittadini verso l'Ue che si è "materializzata anche in un'astensione" che "non può lasciare indifferente" la classe dirigente che in Ue sembra "tentata dal nascondere la polvere sotto il tappeto continuando con logiche deludenti".

"Se c'è un dato indiscutibile che arriva dalle urne è la bocciatura delle politiche portate avanti dalla forze politiche al governo in molte delle grandi nazioni europee, che sono anche in molti casi le forze che hanno impresso le politiche europee degli ultimi anni". La presidente del Consiglio ha citato le percentuali ottenuti nei singoli Paesi Ue dai partiti di governo: "16% in Francia, 32% in Germania, in Spagna il 34%". "Solo in Italia - ha aggiunto - il 53% degli eletti è espressione delle forze di governo". 

Poi, pensando al Consiglio europeo in programma il 27 e 28 giugno, si scaglia contro la scelta dei tre partiti di maggioranza in Europa (Ppe, S&D, Liberali) che hanno optato per un accordo sui nomi che esclude le destre e che per Meloni è un "errore". "Alcuni hanno sostenuto che non si debba parlare con alcune forze politiche - ha sottolineato la premier -. Le istituzioni Ue sono state pensate in una logica neutrale. Gli incarichi apicali sono stati affidati tenendo in considerazione i gruppi maggiori, indipendentemente da logiche di maggioranza e opposizione. Oggi si scegli di aprire uno scenario nuovo e la logica del consenso viene scavalcata da quella dei caminetti, dove una parte decide per tutti. Una 'conventio ad excludendum' che a nome del governo italiano ho contestato e non intento condividere".

Eppure secondo Meloni, la terza forza è Ecr (il gruppo di estrema destra di cui lei fa parte) e non i Liberali. Per questo , dice la presidente del Consiglio, "l'errore che si sta per compiere con l'imposizione di questa logica e di una maggioranza fragile e destinata probabilmente ad avere difficoltà nel corso della legislatura è un errore importante non per la sottoscritta per il centrodestra o per l'Italia ma per un'Europa che non sembra comprendere la sfida che ha di fronte o la comprende ma preferisce in ogni caso dare priorità ad altre cose". Meloni sottolinea che "se vogliamo rendere un buon servizio all'Europa e alla sua credibilità dobbiamo mostrare di avere compreso gli errori del passato e avere massima considerazione delle indicazioni dei cittadini" che chiedono "un'Europa più concreta e meno ideologica".

"Difesa dei confini esterni" e "contrasto al business dei trafficanti"

In merito ai flussi migratori, la premier ha parlato degli obiettivi della "difesa dei confini esterni" e del contrasto al "business dei trafficanti di esseri umani" che sono "schiavisti del terzo millennio. Io credo che l'Ue, culla della civiltà occidentale, non possa più tollerare che un crimine come la schiavitù sia tollerato in altre forme". A suo avviso i "memorandum con l'Egitto e la Tunisia" vanno replicati e vanno rimosse "le cause che spingono una persona" a lasciare la sua terra, serve dar corpo al "diritto a non dover migrare".

"In Italia e in Ue - prosegue Meloni - si entra solo legalmente. Degli ingressi si occupano le istituzioni e non gli scafisti. Non consentiremo alle mafie di gestire gli ingressi in Italia, come fanno da diverso tempo. Mi stupisce che nessuno prima di noi se ne sia accorto". Sulla gestione del dossier migranti prima si parlava solo di "redistribuzione", mentre "ora il paradigma è cambiato ma è fondamentale che questo approccio sia consolidato e diventi strutturale: la stessa lettera che la presidente della Commissione von der Leyen ha ieri indirizzato ai capi di Stato e di governo va in questa direzione, stabilendo che questo approccio debba rimanere al centro anche delle priorità anche del prossimo ciclo istituzionale". 

E quindi dice Meloni, bisogna "dotarsi di una politica" europea "di sicurezza e difesa" e serve una "politica industriale comune nel campo della difesa" anche a fronte delle guerre in corso. "Dobbiamo ricordarci che libertà e sicurezza hanno un costo", "dobbiamo essere capaci di esercitare la deterrenza" e "costruire un solido pilastro europeo della Nato affianco a quello statunitense. L'Italia si farà interprete" di questa visione "al vertice Nato". "Spendere in difesa - dice ancora Meloni - significa investire in autonomia e in capacità di difendere i propri interessi nazionali. Per farlo è necessario affrontare il nodo delle risorse necessarie per fare il tanto decantato salto di qualità. Speriamo che la Bei possa aumentare i finanziamenti in tema di difesa. È necessario proporre un dibattito per aprire a obbligazioni europee per temi di questo genere". 

"Difendere l'Ucraina è nell'interesse dell'Europa. Se l'Ucraina fosse stata costretta ad arrendersi non ci sarebbero state le condizioni per un negoziato. Pace non significa mai resa". "Ogni nostro sforzo - prosegue - è concentrato per consentire all'Ucraina di guardare a un futuro di pace. Deve essere chiaro chi pagherà per la ricostruzione dell'Ucraina". 

"Il processo di pace in Medio Oriente non può essere che basato sulla soluzione dei 'due popoli e due Stati'. L'Italia sostiene la proposta di mediazione degli Usa, coadiuvata da Egitto e Qatar. Su questo versante l'Europa può e deve giocare un ruolo più attivo". 

"Puntiamo a rimettere mano al green deal"

Una indicazione arrivata dal voto per le elezioni europee è di "rimettere mano alle norme più ideologiche del green deal e assicurando neutralità tecnologica: vogliamo difendere la natura con l'uomo dentro, spesso in questi anni si è fatto il contrario, sfruttando tutte le tecnologie disponibili". Meloni nelle comunicazioni in vista del Consiglio europeo sottolinea che è intenzione del governo puntare a rimettere mano anche alla "direttiva sulle case green". 

Misure per "l'azione ispettiva" e il ricordo di Singh: "L'Italia peggiore"

Contro lo sfruttamento del lavoro agricolo dei braccianti il governo ha messo in campo "pene più severe e controlli molto più stringenti" e "ne approfitto per annunciare che intendiamo anticipare le assunzioni Inps e Inail per l'azione ispettiva" oltre a "mettere in relazione le banche dati" per i controlli.  Meloni ha poi ricordato la morte di Satnam Singh, momento durante il quale tutti i deputati presenti in Aula si sono alzati in piedi applaudendo. La premier ha parlato di una "morte orribile e disumana" con un "atteggiamento schifoso del suo datore di lavoro. Questa è l'Italia peggiore che lucra sulla disperazione". 

 

TiscaliNews   
I più recenti
Biden perderebbe a valanga secondo i sondaggi dem
Biden perderebbe a valanga secondo i sondaggi dem
Donald Trump arrivato alla convention di Milwaukee
Donald Trump arrivato alla convention di Milwaukee
Pelosi: 'Biden potrebbe convincersi presto a lasciare'
Pelosi: 'Biden potrebbe convincersi presto a lasciare'
Mattarella, attentato a Trump allarma, frenare predicazione odio
Mattarella, attentato a Trump allarma, frenare predicazione odio
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...