Mattarella ricorda Livatino: necessario opporsi all'indifferenza

Mattarella ricorda Livatino: necessario opporsi all'indifferenza
di Askanews

Roma, 21 set. (askanews) - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel trentesimo anniversario dell'uccisione del giudice Rosario Livatino, lo ha ricordato metendo l'accento sulla necessità di resistere "alle intimidazioni della mafia opponendosi a logiche compromissorie e all'indifferenza"."Rosario Livatino, Sostituto Procuratore della Repubblica e poi Giudice della Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Agrigento, ha condotto - ha ricordato il capo dello Stato - importanti indagini contabili e bancarie sulle organizzazioni criminali operanti sul territorio e sui loro interessi economici. Egli ha, tra i primi, individuato lo stretto legame tra mafia e affari, concentrando l'attenzione sui collegamenti della malavita organizzata con gruppi imprenditoriali"."Consapevole del delicato ruolo del giudice in una società in evoluzione e della necessità che la magistratura sia e si mostri indipendente, egli - è la riflessione del presidente Mattarella - ha svolto la sua attività con sobrietà, rigore morale, fermezza e instancabile impegno, convinto di rappresentare lo Stato nella speciale funzione di applicazione della legge".Secondo Mattarella "ricordare la vile uccisione di Rosario Livatino richiama la necessità di resistere alle intimidazioni della mafia opponendosi a logiche compromissorie e all'indifferenza, che minano le fondamenta dello stato di diritto"."A distanza di trenta anni, desidero manifestare apprezzamento e vicinanza - ha concluso - per tutte le iniziative promosse in ricordo di questo valoroso magistrato e rinnovare i sentimenti di partecipazione e gratitudine del Paese a tutti coloro che lo hanno conosciuto e stimato e che in questi anni ne hanno costantemente tenuto viva la memoria".