Letta riunisce coordinamento: Pd con Draghi, premier resti

Letta riunisce coordinamento: Pd con Draghi, premier resti
di Askanews

Roma, 19 lug. (askanews) - Il Pd sostiene Mario Draghi e auspica che il premier raccolga gli appelli a restare fino a fine legislatura. E' questo il senso del coordinamento riunito all'ora di pranzo da Enrico Letta, dopo l'incontro con il premier. Alla riunione hanno partecipato anche i tre ministri - Lorenzo Guerini, Dario Franceschini e Andrea Orlando - e il segretario era in collegamento da remoto.Nessuna parola da Letta, raccontano, sul colloquio con Draghi: il segretario si sarebbe limitato a ribadire la linea di pieno sostegno al premier, sottolineando gli appelli a restare che arrivano dal paese, oltre che dalle forze politiche e dalle categorie sociali. L'auspicio che emerge dal coordinamento dem è che il premier raccolga gli appelli a restare che arrivano in queste ore.Il Pd, avrebbe spiegato il segretario, lavora per ricostruire la maggioranza che ha governato in questi mesi. Non sarebbe stata valutata, secondo quanto viene riferito, l'ipotesi della scissione dentro M5s ma più di un partecipante all'incontro spiega: "E' chiaro che lavoriamo per tenere dentro tutti, il più possibile, anche Giuseppe Conte. Lì c'è un dibattito in corso e noi dobbiamo mostrare di rispettarlo. Ma è chiaro che l'obiettivo è quello andare avanti, con la maggioranza di prima o con qualcosa che si avvicini il più possibile a quella maggioranza". Tradotto, il Pd ci prova a convincere Conte, ma se i 5 stelle si rompono si andrà avanti con chi ci sta, cioè con Luigi Di Maio e con la pattuglia che dovrebbe seguire Davide Crippa e votare comunque la fiducia al governo.Oltre a Letta, raccontano, sono intervenuti - tra gli altri - le due capigruppo Debora Serracchiani e Simona Malpezzi, il vice-segretario Giuseppe Provenzano, Roberta Pinotti, Walter Verini, Goffredo Bettini (in collegamento dalla Thailandia), Andrea Marcucci.