Tiscali.it
SEGUICI

[L’analisi] Il fanatico della paura si è mangiato i Cinque Stelle. Ecco perché la Lega è diventata il primo partito d’Italia

Le iniziative a costo zero, la fuga dei voti di sinistra da M5S. L’addio al Movimento di parecchi esponenti locali. Dopo aver divorato Forza Italia, ormai destinata a sparire completamente dentro le sue fila, Salvini ha cominciato a erodere i suoi nuovi alleati, prima riducendone le distanze e poi avviando l’operazione sorpasso

[L’analisi] Il fanatico della paura si è mangiato i Cinque Stelle. Ecco perché la Lega è diventata...

Quello che dicono i sondaggi, si sente nell’aria, ormai si respira. Per dire che non ci sarebbe neanche bisogno della matematica e di grandi studiosi per capire quello che sta accadendo. La Grande Marcia della Lega travolge tutto e appare sempre di più inarrestabile, inghiotte gli alleati vecchi e nuovi, di ieri e di oggi, e ormai si divora anche gli avversari. Il trionfatore dei primi giorni di governo, ma pure di quelli lunghissimi che li hanno preceduti, è Matteo Salvini.

E lo è a discapito di tutto e di tutti, anche di quelli che non ci credevano, che erano tanti, e anche di Roberto Maroni che gli diceva di lasciar perdere quest’avventura: «Il M5S è poco affidabile. I parlamentari della Lega rispondono a Salvini. Quelli del M5S invece a chi rispondono? A Di Maio? A Casaleggio? A Grillo? Alla rete? Imbarcarsi in un governo che potrebbe non durare 5 anni è rischioso».

Ma a Matteo non importa più quanto dura. Se si va al voto domani, lui ha già l’Italia in mano. E può permettersi pure di aspettare. Il suo è un credito che è solo in ascesa. Prima di cominciare sapeva già quale sarebbe stata la sua scommessa, la questione della difesa serrata delle frontiere, secondo il criterio tolleranza zero e immigrazione zero, in un Paese ormai stremato da anni e anni di invasione e di occupazione anche visiva del territorio, con i centri delle nostre città addirittura sommersi da negozi marocchini, pachistani, africani. Nella sua brutalità, risponde a una logica semplice, che se impedisci alle navi di arrivare e di varcare le acque territoriali, anche a costo di rischi etici tragici, prima o poi quelle zattere e quei traghetti saranno costretti a non partire.

In fondo era quello che aveva promesso in campagna elettorale, e ora che realizza tutto questo, la prova di forza può essere dispiegata con notevole impatto simbolico e politico in una opinione pubblica «fanatizzata dalla paura», come dice Giuliano Ferrara, «da un governo che sembra nato apposta per accantonare scrupoli umanitari e far finire la pacchia». Lo sospinge un vento che non è solo italiano, questo trumpismo trasversale, come dimostrano l’Ungheria e soprattutto l’America stessa, con un presidente che ha definito senza tentennamenti «stupratori» i clandestini venuti dal Messico, animali scappati «da paesi di merda», e accolti generosamente nel ricettacolo liberal dei progressisti californiani.
La musica è la stessa. Ma da noi è solo apparentemente suonata da due cantori. Perché questa è sempre e solo stata la musica della Lega, come riconosco sottovoce molti grillini un po’ recalcitranti: «Noi gli siamo semplicemente andati dietro». Alle copie si preferisce sempre l’originale, in fondo è così ovvio. E dopo aver divorato Forza Italia, ormai destinata a sparire completamente dentro le sue fila, nonostante gli ultimi, disperati tentativi di Berlusconi di ricostruirne un’identità, Salvini ha cominciato a erodere i suoi nuovi alleati, prima riducendone le distanze e poi avviando l’operazione sorpasso, soprattutto nel cuore dei suoi smottamenti periferici.

Molto più dei sondaggi hanno parlato chiaro i voti delle ultime comunali. In Toscana la Lega arriva al 25 per cento a Pisa, da dove era partita, cinque anni fa dallo 0,35, quasi inesistente, roba da Mario Monti o da prospettive berlusconiane. Il 4 marzo aveva ottenuto il 17. In 3 mesi è salita di quasi il 50 per cento. E il pd è dietro col 23 per cento, il M5S ha il 10, Forza Italia il 3,5. L’Istituto Cattaneo pubblica questa analisi sui flussi di voto a Pisa: gli elettori dei 5 Stelle «in larga maggioranza hanno preferito astenersi». Per il resto si è diviso tra chi (il 37 per cento) è rimasto fedele al simbolo che aveva votato e quelli che hanno preferito il centrodestra (il 43). Quasi insignificante il passaggio a sinistra. Potrebbe voler dire che, in pratica, il voto di sinistra del Movimento ha scelto semplicemente di disertare le urne (come dargli torto?).

A tutto questo, bisogna aggiungere lo smottamento periferico che sta interessando i Cinque Stelle, in Emilia, in Veneto, e in Campania, la regione di Luigi Di Maio e Roberto Fico. Dora Palumbo, ha annunciato le sue dimissioni dal gruppo consiliare di Palazzo d’Accursio a Bologna con queste parole: «Quella con la Lega è un’alleanza con la casta che per tanti anni avevamo combattuto. Andiamo a governare con una forza politica che non ha a cuore gli ultimi, ma cerca il consenso seminando odio e paura». Prima del voto di fiducia al governo si era dimessa Francesca Menna, dicndoe di aver ricevuto degli incarichi universitari inconciliabili con il suo ruolo di consigliere comunale. Pure Nicola Sguera, a Benevento, ha abbandonato il suo scranno: «Con la Lega neanche sotto tortura».

Raccontano le cronache di altre fibrillazioni in Campania. E in Veneto, dove a Belluno, se ne erano andati in sette, tuonando «siamo diventati come gli altri partiti!». A Vicenza, il M5S non si è neanche presentato alle amministrative, come a Siena. A Torino la pattuglia di cinque NoTav integralisti stanno sostenendo la giunta Appendino per ora con qualche sbuffo e fatica. Quando è scoppiato il caso dell’Aquarius, una di loro ha sbottato ironicamente: «Preferivo che questo governo fermasse un treno».

Il risultato alla fine è abbastanza banale, e sotto gli occhi di tutti. La prima, e più evidente, è che le cose della Lega si possono fare, senza considerare le questioni economiche, che quelle saranno un capitolo a parte. Perché non è vero che Salvini sta dettando l’agenda. E’ vero soltanto che i suoi temi hanno molta più presa popolare di quelli grillini, dall’immigrazione alla sicurezza. Per il Movimento 5 Stelle ci sono i vitalizi, di cui si parla tanto, ma non si fa niente. E poi c’è la Giustizia contro i corrotti. E qui bisognerebbe chiedersi perché nella percezaione popolare lo Sceriffo Bullo (Lega) piaccia molto di più del Magistrato Inflessibile (5 Stelle). Forse perché lo Sceriffo è visto come uno che se la prende solo con gli altri, mentre il Magistrato con tutti? E quindi anche con noi?

Pierangelo Sapegnodi Pierangelo Sapegno, editorialista   
I più recenti
Droghe, in aumento consumo tra giovani di età 15-19 anni
Droghe, in aumento consumo tra giovani di età 15-19 anni
Torna il premio Ischia di giornalismo, tra IA e conflitti
Torna il premio Ischia di giornalismo, tra IA e conflitti
Autonomia, Bonelli: Meloni indecente su accusa guerra civile a opposizione
Autonomia, Bonelli: Meloni indecente su accusa guerra civile a opposizione
Schlein a Meloni: toni da guerra civile? Non so a chi si riferisca
Schlein a Meloni: toni da guerra civile? Non so a chi si riferisca
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...