La notte porta consiglio. Trovato l'accordo nella Cgil: Landini sarà segretario, Colla il suo vice

Il candidato indicato da Camusso la spunta, ci sarà anche una vice segretaria, Giovanna Fracassi. Il voto del congresso previsto per il 24 gennaio

La notte porta consiglio. Trovato l'accordo nella Cgil: Landini sarà segretario, Colla il suo vice
di An. L.

Era una strada già tracciata da Susanna Camusso segretaria generale Cgil uscente. Maurizio Landini, ex segretario dei metalmeccanici della Fiom, prenderà le redini del più grande sindacato italiano e avrà come suo vice lo sfidante alla segreteria, Vincenzo Colla. L'accordo è arrivato dopo una notte lunga fatta di contrattazioni difficili. Alla fine però la quadra è arrivata: la segreteria, composta da dieci membri, avrà 7 componenti di area "camussiana" e tre legati a Colla.

Dalla compagine uscirebbero, come annunciato, Camusso e Martini, ed entrerebbero il segretario generale dei chimici Emilio Miceli (vicino a Colla) e una componente di area landiniana. Prevista anche l'elezione di una vice segretaria generale, che potrebbe essere Giovanna Fracassi: una donna di peso per riequilibrare i vertici secondo il genere. 

L'elezione il 24 genanio

Quello fatto nella notte è solo il primo passo, perché i nomi dovranno essere votati dall'assemblea plenaria, composta da oltre 800 delegati prevista per il 24 gennaio. Il peso delle due correnti è di 60 a 40 all'interno del direttivo. Ed è un grande risultato perché il rischio concreto era quello di una frattura per la candidatura di Landini, sostenuto dalla segretaria uscente, e di Colla, sostenuto invece dallo Spi, il segmento dei pensionati.

La ricucitura è avvenuta dopo un'estenuante trattativa. Susanna Camusso lascia dopo il limite dei due mandati consecutivi, 8 anni in totale. E per lei una vittoria: designare il suo successore senza spaccare il sindacato.