Tiscali.it
SEGUICI

Governo a rischio? Sì, ma non solo per il M5S. Ci sono le minacce della Lega

Lunedì prossimo si terrà l’incontro tra il premier Draghi e Conte. Ma Salvini attacca su "ius scholae" e cannabis e la bagarre parlamentare sui due provvedimenti

Ettore Maria Colombodi Ettore Maria Colombo   
Giuseppe Conte e il premier Mario Draghi (Ansa)
Giuseppe Conte e il premier Mario Draghi (Ansa)

Non c’è solo il M5s a minare la via del governo. E se il governo non cadesse ‘per colpa’ dei 5S? Insomma, se – nonostante l’incontro che si terrà tra Draghi e Conte lunedì prossimo, dopo le accuse e le incomprensioni durate una settimana sul (presunto) scambio di messaggi Grillo/Draghi – non fossero i 5S a mettere in crisi il governo e uscire dalla maggioranza? Al netto del fatto che, come argomenti per uscire o limitarsi a dare l’appoggio esterno al governo, il Movimento ha solo l’imbarazzo della scelta (dl Aiuti con dentro la costruzione di un termovalorizzatore a Roma, ma anche lo smantellamento del bonus al 110%, per non dire di nuove trivelle nel Mare Adriatico, o il prossimo nuovo decreto, il quarto, che dovrà fornire un nuovo invio di armi all’Ucraina, etc.) e anche che la base del Movimento (normali iscritti e simpatizzanti, parlamentari, consiglieri locali), per non dire di molti big (tre vicepresidenti su 5, almeno un ministro su tre, un capogruppo su due) spinge e soffia, su Conte, per rompere con Draghi e, dunque, passare all’opposizione, non è solo da questa parte che possono arrivare guai, a Draghi.

La Lega alza il tiro su ius scholae e cannabis

A muoversi, pericolosamente, e a minare la stabilità dell’esecutivo, infatti, in questi giorni, è anche la Lega. E sui temi detti dei ‘diritti civili’. Ma è davvero realistico pensare che su ius scholae e cannabis si rischia davvero la crisi? Vediamo cosa è successo e le posizioni in campo. Lo ius scholae (la cittadinanza ai bambini arrivati in Italia prima dei 12 anni e figli di immigrati regolari residenti in Italia che hanno compiuto un ciclo di studi di almeno cinque anni) e la cannabis (la coltivazione, a solo uso domestico e terapeutico, di quattro piantine di cannabis) sono diventate, improvvisamente, materia di scontro politico e all’interno della maggioranza di governo, facendo scoppiare un ‘caso’ su cui è dovuto intervenire, direttamente, anche il premier Mario Draghi. Il quale, durante la conferenza stampa di giovedì scorso, convocata per rispondere alle accuse di Conte sui suoi (presunti) sms con Beppe Grillo, ha dovuto specificare che “sono proposte di iniziativa parlamentare. Il governo, su di esse, non prende posizione e quindi io non le commento”. Formalmente, è un ‘lavarsi le mani’, su temi così importanti e caldi, necessitato da una ‘temperatura’ fin troppo calda, dentro la maggioranza di governo, a rischio crisi. In pratica, è un dire ai partiti: sbrigatevela da soli.

Per Salvini e i suoi “il governo è a rischio”…

D’altro canto, la Lega si è mostrata irremovibile, dicendo che il governo “è a rischio” proprio perché Pd e M5s stanno portando, all’esame dell’aula dei Deputati, questi due provvedimenti. “Mi sembra evidente la volontà della sinistra di far saltare il governo – ha tuonato il leader della Lega, Matteo Salvini durante una infuocata assemblea dei deputati leghisti a Montecitorio – “mentre noi in Senato approviamo l’equo compenso, alla Camera Pd e 5Stelle hanno imposto lo ius soli mascherato (sic, è tutt’altro, ndr.) e la droga libera (ri-sic, ndr.)”. Minacce condite dalle accuse rivolte al Pd di Enrico Letta che “una volta rappresentava i lavoratori e adesso ha come priorità la droga e gli immigrati”…. Anche uno solitamente moderato come il capogruppo della Lega a Montecitorio, Riccardo Molinari, esplode: “La vedo grigia. Si va verso l’irreparabile. Così il Pd fa cadere il governo. E’ una forzatura e un atteggiamento suicida”, dice. Morale, se la Camera votasse – trovando i voti necessari – lo ius scholae (che, come vedremo, è stato rinviato alla prossima settimana) e cannabis, un minuto dopo la Lega arriverebbe a dichiarare chiusa la maggioranza e l’esperienza di governo. Che poi è quello che si augura anche la Meloni, protagonista dell’ennesimo scontro a distanza proprio con Letta: “Se vuoi cannabis e ius scholae abbi il coraggio di andare a elezioni e chiederlo agli italiani”.  Al netto della contro-polemica (i dem hanno scovato dichiarazioni di anni fa della Meloni che si diceva favorevole allo ius scholae, lei controreplica che lo chiedeva dopo un intero ciclo di studi di 10 anni e non di cinque, come è nella proposta attuale, firmata dal 5S Brescia), resta l’atteggiamento ostruzionistico e battagliero della Lega che, con Igor Iezzi, capogruppo in commissione Affari costituzionali e relatore di minoranza sulla legge, ha annunciato di aver già depositato 1500 emendamenti: “Faremo di tutto per evitare che l’attuale legge sulla cittadinanza venga stravolta da questo scempio, barricate comprese”. Insomma, in aula sarà battaglia, con FdI – e parte, ma non tutta, FI – a dare battaglia. Il Pd annuncia che “non cederà di un millimetro”, ergo non si potrà che andare allo scontro in Aula.

La Lega stretta tra l’incudine e il martello

E se il premier, come detto, ribadisce che, appunto, non si tratta di materia ‘governativa’, i bollori scalmanati della Lega non si arrestano. “Questo governo di unità nazionale è nato per affrontare alcune emergenze – ragionano i leghisti – a cui si sono aggiunti la guerra e il caro vita. Draghi non può dirci che sono semplici questioni parlamentari perché finora, nella maggioranza, c’era sempre stato l’impegno a non portare avanti temi divisivi e indigeribili per altri partiti”. A Salvini, dunque, non piace “la rotta” del governo che “si sta spostando a sinistra”. Il pessimo risultato ottenuto alle amministrative obbliga la Lega a riflettere. Salvini non gode più dell’appoggio di tutti – governatori e ministri in testa che vorrebbero limargli le unghie dando vita a un ‘Direttorio’ per condividere le scelte future (e le liste elettorali) – e il segretario è atteso, lunedì prossimo, a Milano a due riunioni convocate per fare il punto sulle future regionali (Sicilia, ma anche Lombardia, Lazio, Friuli) e sulla situazione politica. All’esterno gli fa paura il terreno conquistato da FdI nei sondaggi, che attacca ogni giorno il governo, mettendo in difficoltà Lega e FI che, invece, lo sostengono. Una posizione, per molti, “non più sostenibile”. Con Meloni da una parte e Letta dall’altra, Salvini non vuole restare tra incudine e martello.

L’escamotage procedurale innescato dal Pd

Ma una volta che, dal proscenio del dibattito politico, ci si sposta nelle aule parlamentari, ci si accorge che, sempre sugli stessi due temi (ius scholae e cannabis) è successo anche molto altro. Innanzitutto, va spiegata quella che – a molti – era sembrato come un ‘cedimento’ del Pd alla Lega e ai sostenitori delle due leggi in questione. Infatti, il deputato dem Emanuele Fiano, l’altra mattina, giovedì, si è alzato nell’aula della Camera per chiedere un rinvio “tecnico” di cinque giorni delle due proposte – il cui dibattito era già stato incardinato in Aula ed è iniziato, appunto, il 30 giugno scorso - al fine di votarle prima della pausa estiva, cioè dal 5 luglio in poi. Ma non si è trattato di un rinculo per tacitare la Lega e seppellire le proposte sotto il tappeto del rinvio. Solo di un escamotage procedurale per evitare che i due testi, così ‘cari’ al centrosinistra, finiscano in coda ai lavori d’aula di luglio, con un calendario già fissato, con il rischio che slittino a settembre, se non anche oltre. Così facendo, invece, le due proposte avranno la precedenza sugli altri provvedimenti, come peraltro aveva già stabilito la conferenza dei capigruppo della Camera. Considerando, però, che il dl Aiuti – quello che contiene il termovalorizzatore a Roma e pure lo stop al superbonus al 110% e le trivelle, cioè i temi su cui i 5S potrebbero volere sfilarsi – ha la priorità e va discusso subito (il Dl Aiuti è attualmente all’esame delle commissioni Bilancio e Finanze), si conta di iniziare l’esame di ius scholae e cannabis entro la metà di luglio per cercare di approvarli prima della pausa estiva. “Nessun cedimento, quindi”, assicura la capogruppo dem Debora Serracchiani, “ma anzi una scelta che ci consente di raggiungere quello che per noi resta un obiettivo prioritario” (che poi, in realtà, sono due, appunto). Dura, come si diceva, la reazione della Lega, che promette di seppellire lo ius scholae sotto 1500 emendamenti.

Ma il Pd tratta con FI per spezzare il fronte

Intanto, il Pd continua a trattare con FI – contraria alla cannabis, ma in parte favorevole allo ius scholae con deputate come Renata Polverini che avevano presentato una proposta di legge simile – che chiede di allungare a otto anni il ciclo di studi dei bambini immigrati per ottenere la cittadinanza – un’ultima mediazione su cui gli azzurri, divisi al loro interno tra favorevoli e contrari, potrebbero cedere, staccandosi così dalla Lega. Per paradosso, sulla richiesta di rinvio, mentre FdI è intervenuta contro, la Lega ha parlato a favore, ribadendo che non sono loro “priorità” e che è “una vergogna” che siano iscritti all’odg. Nessun passo indietro da parte dei giallorossi, dunque. “Bisogna andare avanti. Bisogna dare risposte a un tema di civiltà su cui questo Paese deve finalmente legiferare”, ha ribadito in mattinata il ministro dell'Agricoltura grillino, Stefano Patuanelli. “Credo che la soluzione proposta sia un buon compromesso. Io per esempio sono favorevole allo Ius soli, sarei favorevole ad un provvedimento ancora più ampio, ma è giusto anche mediare fra le posizioni delle forze politiche e quella credo sia la mediazione giusta, così come quella sulla cannabis”. Infatti, su entrambi i fronti (ius scholae e cannabis) i voti del M5s ci sono, e compatti, come pure quelli degli scissionisti di Di Maio (Ipf), ma anche quelli di Iv di Renzi e dei totiani, cioè di molti dei componenti del gruppo Misto. Al netto dell’ostruzionismo, dunque, il fronte ex ‘giallorosso’ (più un discreto manipolo di centristi) ha i voti per far passare i due testi, magari anche con l’aiuto di una fetta degli azzurri (che però è nettamente contraria alla cannabis). Insomma, almeno lo ius scholae potrebbe passare. Questo, però, alla Camera. Al Senato sarebbe tutto un altro paio di maniche. Lì i numeri dell’ex fronte giallorosso sono, di certo, ben più ballerini e i due testi potrebbero finire presto insabbiati. Una cosa è certa. Una crisi di governo su leggi che riguardano i diritti civili non si è mai avuta, nel nostro Paese, ma date le avvisaglie della Lega anche questo potrebbe succedere, presto, in Italia.

Ettore Maria Colombodi Ettore Maria Colombo   

I più recenti

Centrodestra ritova unità (a parole) per Truzzu. Ma tensione resta
Centrodestra ritova unità (a parole) per Truzzu. Ma tensione resta
Conte sostiene proposta di Azione su sfiducia a Salvini
Conte sostiene proposta di Azione su sfiducia a Salvini
Sardegna, Schlein: Meloni sa che per 5 anni hanno fatto disastri
Sardegna, Schlein: Meloni sa che per 5 anni hanno fatto disastri
Si accelera sul terzo mandato, maggioranza minimizza spaccatura
Si accelera sul terzo mandato, maggioranza minimizza spaccatura

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...