Tiscali.it
SEGUICI

[La polemica] L'assurda battuta di Gene Gnocchi sulla "Petacci maiala" e il silenzio imbarazzante delle femministe

L'infelice uscita del comico parmigiano ci consegna un Paese ancora diviso a metà, con la destra sdegnata e inferocita e la sinistra e le femministe distratte e assenti

La pessima battuta di Gene Gnocchi sul maiale che gira per Roma (“è femmina e si chiama Claretta Petacci”) ci consegna un Paese diviso a metà. Nello studio “Di martedì” hanno riso o sorriso tutti, a cominciare dal conduttore. Da ieri mattina, invece, a una unanime indignazione, con tratti di autentica rabbia e di insulti minacciosi nei confronti del comico parmigiano, della stampa e del “popolo di destra” ha fatto da contrappeso un silenzio abbastanza omogeneo a sinistra.

L'ira della Mussolini

Decisamente sopra le righe la replica di Alessandra Mussolini, che parla di “verme, stronzo, merdata” mentre insolitamente pacato è l'intervento del deputato di centrodestra Massimo Corsaro, più volte stigmatizzato per tweet razzisti e antisemiti: "Signora Presidente Laura Boldrini: nulla da dire sulla performance di Gene Gnocchi e Floris?” Una domanda legittima visto che la presidente della Camera della lotta alle offese verso le donne e al linguaggio sessista ha fatto un cavallo di battaglia, a partire dalle campagne di autentico odio sociale e di fake news che ripetutamente le ha mosso contro la destra populista. Stavolta, invece, ha taciuto. 

Due voci controcorrente

Eppure, a prescindere dal giudizio storico sui fatti di piazzale Loreto, niente incarna meglio l'archetipo di questa violenza verbale del dare della “troia” a una donna, peraltro stuprata prima di essere “giustiziata”. Due soltanto i giornalisti che hanno rotto il fronte “antifascista”: il direttore del Dubbio, Pietro Sansonetti, un garantista che ama navigare controcorrente, e Mattia Feltri. L'editorialista della Stampa ricorda che anche un leader partigiano inossidabile come Sandro Pertini, uno dei capi della Resistenza che decisero la condanna a morte di Mussolini e l'esecuzione del suo seguito, si vergognava talmente dell'uccisione della donna da commentare, nel 1988: “La sua unica colpa è di aver amato un uomo”. E se ieri mattina l'hashtag #GeneGnocchi è entrato nella top ten di Twitter, oggi dilaga su Facebook la rubrica di Feltri jr.: più di 13mila like. quasi tremila condivisioni. Tra queste c'è anche quella di Enrico Mentana, che chiosa: “Meglio di così non lo si poteva scrivere”.

Il silenzio delle donne

Inquietante il silenzio delle donne, anche delle femministe ancora fresche dell'aspro confronto sul “manifesto francese”, firmato dalle tre Caterine (Deneuve, Millet, Robe Gillet) e da cento protagoniste della cultura e dello spettacolo in difesa del diritto dei maschi al corteggiamento “pesante”. Eppure la questione la definisce molto chiaramente la giornalista Flavia Perina, L'ex parlamentare finiana, proveniente dai ranghi dell'estrema destra rautiana ma da tempo approdata a una posizione aperta, fuori da ogni steccato ideologico, dedica poche righe al caso: “Volendo dire 'maiale fascista' avrei da suggerire a Gene Gnocchi un sacco di modi al posto della citazione del nome di Claretta Petacci da lui proposta ieri sera in associazione con foto di maiale tra i rifiuti, che in fondo è pur sempre una donna fucilata senza processo e appesa per i piedi, e non è che fa tanto ridere. (Upgrade: noto solo ora la risatina di Floris: pure lui se la poteva risparmiare)”.

La toppa più imbarazzante della battuta

Imbarazzante, infine, la toppa messa da chi ha provato a circoscrivere il danno spiegando che no, Gnocchi non voleva offendere Claretta Petacci ma semplicemente punzecchiare, colpendola nel suo immaginario sentimentale, Giorgia Meloni. E' stata infatti la leader di Fratelli d'Italia ad aver diffuso sul suo network social le immagini del maiale che grufola. Decisamente una toppa peggiore del buco. 

Ugo Maria Tassinaridi Ugo Maria Tassinari, giornalista e studioso   
I più recenti
Giustizia, Mattarella:se politica influenza nomine conseguenze  gravi
Giustizia, Mattarella:se politica influenza nomine conseguenze gravi
Caso Delmastro, Pd-Avs-M5s: Nordio riferisca. Foti: ininfluente
Caso Delmastro, Pd-Avs-M5s: Nordio riferisca. Foti: ininfluente
Mattarella, a magistratura compete tutela dei diritti
Mattarella, a magistratura compete tutela dei diritti
Giustizia, Mattarella: indipendenza toghe alla base della democrazia
Giustizia, Mattarella: indipendenza toghe alla base della democrazia
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...