Tiscali.it
SEGUICI

Figli coppie gay, Ue: "Stati devono riconoscerli"

di Adnkronos   
Figli coppie gay, Ue: 'Stati devono riconoscerli'

Bruxelles, 21 mar. - (Adnkronos) - "In linea con la strategia per l'uguaglianza delle persone Lgbtiq 2020-2025, la Commissione è in continuo dialogo con gli Stati membri riguardo all'attuazione delle sentenze della Corte di Giustizia dell'Unione Europea. Ciò comprende anche l'obbligo per gli Stati membri di riconoscere la filiazione di un minore con genitori dello stesso sesso ai fini dell'esercizio dei diritti conferiti dall'Ue". Lo scrive il commissario europeo alla Giustizia Didier Reynders, in risposta ad una interrogazione degli eurodeputati del M5S.

Gli Stati membri, precisa Reynders, "sono competenti per l'adozione di misure di diritto di famiglia sostanziale, comprese quelle riguardanti il genere e il contenuto dei documenti e dei moduli standard nazionali relativi al genere". Il diritto dell'Ue, invece, "disciplina le caratteristiche di sicurezza dei passaporti e delle carte d'identità, ma non limita il numero di campi che tali documenti devono comprendere. Pertanto gli Stati membri possono includere campi riguardanti i genitori del titolare".

"Tuttavia, sulla base dell'acquis in materia di libera circolazione - prosegue Reynders - i termini utilizzati per riferirsi a ciascun genitore in un documento rilasciato in uno Stato membro non possono essere invocati da un altro Stato membro per rifiutare il rilascio di un passaporto o di una carta d'identità a un minore i cui genitori siano dello stesso sesso. Gli Stati membri devono rispettare i diritti fondamentali sanciti dalla Carta, compreso il diritto alla non discriminazione, esclusivamente nell'attuazione del diritto dell'Ue".

di Adnkronos   
I più recenti
Caritas, due terzi dei poveri esclusi da reddito di cittadinanza
Caritas, due terzi dei poveri esclusi da reddito di cittadinanza
Senato, la facciata di Palazzo Madama illuminata di rosso
Senato, la facciata di Palazzo Madama illuminata di rosso
Ilaria Salis in Italia, il padre Roberto: Fine di un incubo
Ilaria Salis in Italia, il padre Roberto: Fine di un incubo
Il rientro di Ilaria Salis a Monza
Il rientro di Ilaria Salis a Monza
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...