Tiscali.it
SEGUICI

Festival dell'Università, impatto dell'IA tra cultura e arte

di Ansa   
Festival dell'Università, impatto dell'IA tra cultura e arte

(ANSA) - ROMA, 19 MAG - Il mondo della comunicazione si sta rivoluzionando grazie all'intervento e al progresso legato all'Intelligenza artificiale. All'essere umano, anche in un prossimo futuro, rimarrà la generazione creativa dei contenuti, del lavoro intellettuale e creativo. Benefici e conquiste di questa nuova tecnologia espongono anche rischi e limiti. Oggetto del dibattito di questo panel nell'ultima giornata del Festival Nazionale delle Università in corso all'Università degli Studi Link a Roma. Siamo in un momento di grandi trasformazioni, ma quali saranno i benefici per la società su quelli che vengono definiti i future jobs? Giovanni Verreschi (Presidente Ett Solution Scai Group) ha dichiarato: "I nuovi mestieri sono legati all'impatto delle nuove tecnologie.

Nel mondo della creatività, della cultura e della comunicazione, tale impatto si misurerà con l'incremento della produttività e con la capacità di fornire valore aggiunto. Con le tecnologie, quindi, avremo la possibilità di sviluppare nuovi mestieri che le governeranno e le integreranno". Lo sviluppo, la diffusione e l'utilizzo nell'istruzione, nella cultura, nel mondo della comunicazione e della creatività, sarà fortemente esposto alla questione dei diritti, delle libertà, della dignità umana, della vita privata a protezione dei dati personali. Ma come cambia con l'Intelligenza artificiale il mondo dello spettacolo e della cultura? Per Janet De Nardis (giornalista e presentatrice Tv) "il cambiamento è già in atto: tutti gli ambiti artistici utilizzano l'intelligenza artificiale. Ci sono, infatti, sperimentazioni per le sceneggiature, anche se si parla di una partecipazione della macchina rispetto all'essere umano e non di un vero e proprio controllo. Del resto viviamo un cambiamento incredibile: molte persone sono spaventate ed è giusto porsi dei quesiti etici. La domanda principale, quindi, sarà: "chi controlla il controllore?". Ciò detto, non dobbiamo e non possiamo restare indietro perché il futuro è di chi imparerà ad usare questi strumenti". (ANSA). .

di Ansa   
I più recenti
Ilaria Salis in Italia, il padre Roberto: Fine di un incubo
Ilaria Salis in Italia, il padre Roberto: Fine di un incubo
Il rientro di Ilaria Salis a Monza
Il rientro di Ilaria Salis a Monza
Meloni respinge la proposta di Putin per l'Ucraina: sostegno a Kiev
Meloni respinge la proposta di Putin per l'Ucraina: sostegno a Kiev
Conte, contro spinte reazionarie M5s c'è e ci sarà
Conte, contro spinte reazionarie M5s c'è e ci sarà
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...