Il sondaggio che preoccupa il governo: Lega e M5S fanno un passo indietro

In risalita opposizioni di centrodestra: Forza Italia 9,7% (+0,5% rispetto a una settimana fa), Fratelli d'Italia 4,5% stabile come Noi con l'Italia 0,8%. Il Pd raggiungerebbe, invece, il 18,7%

Il sondaggio che preoccupa il governo: Lega e M5S fanno un passo indietro
TiscaliNews

Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad Agorà, se si votasse oggi la Lega sarebbe il primo partito, seguito dal Movimento Cinque stelle. Il 30,1% degli intervistati ha infatti risposto che se si votasse oggi voterebbe per il partito guidato da Salvini (in calo dello 0,2% rispetto alla settimana scorsa), il 25,1% ha risposto che voterebbe per i Cinque stelle, percentuale in calo dello 0,7% rispetto alla precedente rilevazione.

Chi scende e chi sale

In totale le intenzioni di voto dei partiti di governo raggiungono il 55,2%. In risalita opposizioni di centrodestra: Forza Italia 9,7% (+0,5% rispetto a una settimana fa), Fratelli d'Italia 4,5% stabile come Noi con l'Italia 0,8%. Il Pd raggiungerebbe, invece, il 18,7% delle preferenze, percentuale pari a quella raggiunta durante le ultime elezioni e in risalita dello 0,5% rispetto alla settimana scorsa. Stabili le opposizioni di centrosinistra: Più Europa-CD con Bonino 3%. Altri partiti fra cui Mdp, Si, Verdi raggiungono il 4% (-0,3%). Potere al popolo è al 2%.

Campione rappresentativo

Criteri seguiti per la formazione del campione: campione rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne per sesso, età, regione, classe d'ampiezza demografica dei comuni Metodo di raccolta delle informazioni: Rilevazione telematica su panel Numero delle persone interpellate, universo di riferimento, intervallo fiduciario: Universo: popolazione italiana maggiorenne; campione: 1.803 casi; intervallo fiduciario delle stime: ±2,3%; totale contatti: 2.000 (tasso di risposta: 90%); rifiuti/sostituzioni: 197 (tasso di rifiuti: 10%). Periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: 5 gennaio 2019.