Tiscali.it
SEGUICI

Il voto in condotta fa media e chi prende 6 è rimandato: tutte le novità del nuovo decreto scuola

Il governo inasprisce le pene per chi non si comporta bene tra i banchi, usando il giudizio come strumento contro la violenza che negli ultimi anni colpisce soprattutto i docenti ma anche gli stessi studenti nelle scuole italiane

TiscaliNews   
scuola
Foto Ansa

Gli studenti sono avvisati. Dalle sospensioni e voto in condotta: il governo inasprisce le pene per chi non si comporta bene tra i banchi, usando il giudizio espresso in decimi come strumento contro la violenza che negli ultimi anni colpisce soprattutto i docenti ma anche gli stessi studenti nelle scuole italiane.

Come cambia il voto in condotta

Il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge per la revisione della valutazione del comportamento degli studenti e la riforma dell'istituzione della filiera formativa tecnologico-professionale. Per quanto riguarda il voto in condotta, questo arriva anche alle scuole medie, sarà espresso in decimi e avrà peso sui crediti per l'ammissione all'esame di maturità. La normativa attuale prevede che la bocciatura, in seguito al 5 per la condotta, sia attuata esclusivamente in presenza di gravi atti di violenza o di commissione di reati. Con la riforma si stabilisce invece che l'assegnazione del 5, e quindi della conseguente bocciatura, potrà avvenire anche a fronte di comportamenti che costituiscano gravi e reiterate violazioni del Regolamento di Istituto.

Il 6 in condotta genera un debito

Il 6 per la condotta genererà un debito scolastico, nella scuola superiore in materia di Educazione civica, che dovrà essere recuperato a settembre con una verifica che avrà al centro i valori di cittadinanza. Solo chi prenderà 9 o 10 in condotta avrà diritto al massimo dei crediti che fanno media nel voto finale per la maturità.

La sospensione

La sospensione, intesa come semplice allontanamento dalla scuola, invece non ci sarà più: lo studente sospeso sarà coinvolto in attività scolastiche - assegnate dal consiglio di classe - di riflessione e di approfondimento sui temi legati ai comportamenti che hanno causato il provvedimento. Un percorso che si concluderà con la produzione di un elaborato su quanto è stato appreso. Se poi la sospensione supera i 2 giorni, lo studente dovrà svolgere attività di cittadinanza solidale presso strutture convenzionate.

Meloni: “Riportiamo la cultura del rispetto nelle scuole”

"Con la riforma del voto di condotta e della sospensione riportiamo la cultura del rispetto nelle scuole, e rafforziamo la autorevolezza dei docenti. È una svolta molto attesa dalla società italiana", ha commentato in Consiglio dei ministri la premier Giorgia Meloni.

La riforma degli istituti tecnici

Per quanto riguarda invece la riforma degli Istituti tecnici e professionali, l'obiettivo è l'avvio, dal 2024/25, di una sperimentazione in larga scala del modello 4+2, percorsi quadriennali più due ulteriori annualità negli Its Academy. Sarà utilizzata una metodologia "on-the-job", con un massiccio utilizzo della formazione pratica. Un aspetto nuovo è il concetto di "campus tecnologico-professionale", che coinvolgerà istituti tecnici e professionali in un percorso unico e integrato. Questo prevede l'ingresso di docenti ed esperti dal mondo del lavoro. "Oggi l'istruzione tecnica e professionale diventa finalmente un canale di serie A, in grado di garantire agli studenti una formazione che valorizzi i talenti e le potenzialità di ognuno e sia spendibile nel mondo del lavoro, garantendo competitività al nostro sistema produttivo", ha detto il ministro dell'Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara.

 

TiscaliNews   
I più recenti
Firenze, Schlein: tanto fango, ma ce lo lasciamo scivolare via
Firenze, Schlein: tanto fango, ma ce lo lasciamo scivolare via
Autonomia, Conte: pronti a formulazione quesito referendario
Autonomia, Conte: pronti a formulazione quesito referendario
Autonomia, Conte: Pronti formulazione quesito su Spacca Italia
Autonomia, Conte: Pronti formulazione quesito su Spacca Italia
Autonomia, Salvini: Manda a casa i De Luca e gli Emiliano, i fanfaroni
Autonomia, Salvini: Manda a casa i De Luca e gli Emiliano, i fanfaroni
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...