Tiscali.it
SEGUICI

Sgravi per le aziende che assumono e bonus tredicesime, il governo prepara il nuovo "decreto del primo maggio"

I nuovi interventi saranno prima illustrati ai sindacati, convocati a sorpresa a Palazzo Chigi per ascoltare le novità proprio dalla premier Giorgia Meloni . Arriva riforma Coesione

TiscaliNews   
Giorgia Meloni
Giorgia Meloni (Foto Ansa)

Bonus sulle tredicesime, sgravi per le aziende che assumono, soprattutto al Sud, detassazione dei premi di produzione: prendono forma le misure che il governo avrebbe pensato per dare sostegno ai lavoratori, quasi alla vigilia della loro festa. Finiranno tutte sul tavolo del Consiglio dei ministri in programma martedì, assieme all'attesa riforma dei fondi di coesione che promette di migliorare l'assorbimento delle risorse europee, un terreno molto accidentato per l'Italia che è agli ultimi posti in Europa per spesa effettiva.

Convocati i sindacati

I nuovi interventi saranno prima illustrati ai sindacati, convocati a sorpresa a Palazzo Chigi per ascoltare le novità proprio dalla premier Giorgia Meloni, in una riedizione del 'decreto 1 maggio' dello scorso anno, il provvedimento che sostituì il reddito di cittadinanza con quello di inclusione, scatenando l'ira dei sindacati. Stavolta la convocazione e il Cdm non sono proprio a ridosso del 1 maggio, ma resta l'irritazione dei sindacati per la mancanza di una vera trattativa sui provvedimenti che riguardano i lavoratori.

ll nuovo bonus sulla tredicesima

La novità più rilevante contenuta nel decreto legislativo è il bonus sulle tredicesime: nell'ultima bozza veniva definito "un'indennità" fino a 100 euro ai lavoratori dipendenti con un reddito fino a 28mila euro, con coniuge e almeno un figlio a carico. Proprio "a causa della limitatezza delle risorse disponibili", la misura, spiegava la relazione illustrativa, viene limitata al 2024, nell'attesa dell'introduzione strutturale di un regime fiscale sostitutivo sulle tredicesime per i lavoratori dipendenti. "Ci si sta lavorando, quindi verifichiamo un attimo se ci sono le compatibilità finanziarie. Io sono sempre cauto sulle risorse, quindi dobbiamo fare in modo che una misura che può essere sicuramente di vantaggio per le famiglie abbia le necessarie coperture finanziarie", ha spiegato il viceministro Leo.

La super deduzione per chi assume

Il governo sta inoltre lavorando al decreto interministeriale che sblocca la "super deduzione" sulle assunzioni prevista dal primo modulo della riforma fiscale. Nello specifico, l'agevolazione prevede una quota deducibile del costo del lavoro pari al 120%, che viene maggiorata al 130% per alcune categorie di lavoratori. Si applica a tutte le imprese e ai lavoratori autonomi. Le norme sono ancora in via di definizione, ma qualche punto fermo si può già mettere. Il viceministro all'Economia, Maurizio Leo, a margine della conferenza programmatica di FdI a Pescara assicura che nel Cdm del 30 aprile riuscirà a portare il decreto legislativo sull'Irpef, attuativo della delega fiscale, che era atteso già la scorsa settimana e poi è slittato.

Dl Coesione

L'altro provvedimento atteso è il dl Coesione, che riscrive le regole per gli oltre 40 miliardi di fondi europei che vengono assegnati all'Italia dalla Ue ogni sette anni. E che l'Italia fatica a spendere - è penultima in Europa - a causa di ostacoli burocratici e scarso coordinamento tra amministrazioni. Problemi che, con il rigido cronoprogramma del Pnrr, il governo ha già dovuto affrontare e risolvere. Per questo l'idea è di applicare anche ai fondi strutturali le stesse regole di gestione del Pnrr: dalle sanzioni agli enti che non rispettano i tempi dei progetti al coordinamento centralizzato a Palazzo Chigi. Passando per una razionalizzazione della destinazione delle risorse.

Obiettivo della riforma

L'obiettivo della riforma è "intervenire strutturalmente su alcuni limiti e deficit" delle politiche di coesione del nostro Paese, ha detto il ministro per gli Affari Europei, il Sud, le Politiche di coesione e il Pnrr, Raffaele Fitto, a margine della conferenza di FdI. Si mette quindi in campo "un modello di governance in grado di rendere efficaci ed efficienti l'utilizzo di queste risorse". Il decreto Coesione contiene poi una parte che riguarda il lavoro. E' qui che saranno declinati i provvedimenti a cui ha fatto riferimento la stessa ministra del Lavoro, Marina Calderone: sostegni alle aziende che assumono, politiche attive e formazione.

TiscaliNews   
I più recenti
Toti interrogato per 8 ore: Ogni euro destinato alla politica
Toti interrogato per 8 ore: Ogni euro destinato alla politica
Liguria, Toti: mai sentito debitore verso chi mi sosteneva
Liguria, Toti: mai sentito debitore verso chi mi sosteneva
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...