D'Incà: valutare voto a distanza per chi è in quarantena o malato

D'Incà: valutare voto a distanza per chi è in quarantena o malato
di Askanews

Roma, 13 ott. (askanews) - La presenza in Parlamento è fondamentale, ma durante l'emergenza per il Covid si può pensare di consentire il voto a distanza a "chi è in quarantena e ai malati", magari solo per particolari votazioni come quella sulla Nadef. Lo ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D'Incà, a SkyTg24."Si può pensare di prevedere, solo per il tempo dell'emergenza, un voto a distanza solo per chi è in quarantena o per i malati di Covid, credo sarebbe opportuno", conclude.