Conte e la diplomazia del bicchiere: dopocena con Macron e Merkel

Conte e la diplomazia del bicchiere: dopocena con Macron e Merkel
di Askanews

Bruxelles, 19 ott. (askanews) - Diplomazia del bicchiere: dopo le critiche e gli avvertimenti dalle istituzioni e dai partner europei sulla manovra e sul debito pubblico italiano, per Giuseppe Conte arriva il momento del brindisi notturno con Emmanuel Macron. Il premier italiano e il presidente francese condividono lo stesso albergo a Bruxelles con la cancelliera tedesca Angela Merkel e dopo le fatiche del Consiglio europeo e del vertice Ue-Asia sono riuniti nel lounge dell'albergo con il belga Charles Michel, il lussemburghese Xavier Bettel e un ospite extra-Ue, il presidente della confederazione elvetica Alain Berset. Una scena che rompe, almeno sul piano umano e simbolico, lo scenario di apparente isolamento nel quale Conte si è trovato in questi giorni nella capitale belga.Dopo le tensioni per gli scontri nella maggioranza, provvisoriamente frenate con la decisione di convocare il Consiglio dei ministri per sabato sul decreto fiscale e con il successivo appello del vicepremier Matteo Salvini alla ricerca di una soluzione, Conte all'arrivo in albergo si confida con i cronisti. "In queste situazioni si pensano tante cose - dice alludendo all'imbarazzo in cui si è trovato rappresentando in Europa un governo che si stava spaccando in Italia - ma bisogna rimanere lucidi".