Calabria: Boccia, Irto con Letta al tavolo chiesto da Conte

Calabria: Boccia, Irto con Letta al tavolo chiesto da Conte
di Ansa

(ANSA) - LAMEZIA TERME, 04 GIU - "Nicola Irto unisce i riformisti e i progressisti e sarà il nostro leader calabrese che siederà col segretario Letta al tavolo chiesto dal Giuseppe Conte. Il tavolo del presidente Conte è una buona notizia per unire riformisti e progressisti e penso sarà importante per Irto non solo esserci ma sapere di esserci rappresentando il 100% del Pd calabrese e tutto il centrosinistra che oggi è rappresentato in Consiglio regionale e che con oltre 250 mila calabresi ottenne il consenso che poi ha consentito a Callipo di rappresentare l'opposizione in consiglio". A dirlo il responsabile Enti locali del Pd Francesco Boccia parlando con i giornalisti a Lamezia Terme dopo gli incontri avuti ieri per definire le strategie in vista delle prossime regionali. "Il Pd unitariamente e la coalizione di centrosinistra unita ad esclusione di art. 1 - ha aggiunto - si rivede in Nicola Irto guida politica di questo processo che è un processo che noi vogliamo completare vincendo le elezioni in Calabria. Non vogliamo che la Calabria possa essere governata da questa destra che non sceglierà qui il candidato. Lo sceglieranno come candidato di risulta, purtroppo, lo dico per la Calabria, a Roma, dopo avere definito la spartizione delle candidature decise in un palazzo i leader del centrodestra. Noi non siamo la destra, la destra dei fili spinati antieuropea, sovranista. Noi la combattiamo, siamo la sinistra, il centrosinistra, progressisti e riformisti insieme. Un anno e mezzo fa Callipo ha dato un contributo importante al centrosinistra, unì alcune forze politiche ed il Pd ottenne un ottimo risultato ma non fu sufficiente perché tutte le forze politiche non si unirono. Ecco perché facciamo un appello a tutti, con l'io non si va da nessuna parte, con l'io, io, io che è quella che sta caratterizzando ancora in questi giorni le scelte di de Magistris, si fanno solo danni e lo dimostra l'ennesima lite con Tansi". (ANSA).