Tiscali.it
SEGUICI

"Uccisi perché italiani". Bufera su Meloni dopo le parole sulle vittime delle Fosse Ardeatine, l'Anpi: "Erano antifascisti"

Nel 79° anniversario dell'eccidio la nota di Palazzo Chigi infiamma le opposizioni. Dal Pd ai Verdi-Sinistra strali contro la premier: "Non riesce a dire la parola 'antifascisti'"

TiscaliNews   

Scoppia la polemica per il messaggio della premier Giorgia Meloni dedicato alle vittime delle Fosse Ardeatine nel 79esimo anniversario della strage. Nella parole della presidente del Consiglio affidate stamane a una nota, il ricordo dei "335 italiani innocenti massacrati solo perché italiani". Una frase che le opposizioni, Pd e Alleanza Verdi Sinistra in particolare, contestano. Secondo esponenti dei due partiti, infatti, i 355 sterminati dalla follia nazista nelle cave furono massacrati non solo perché italiani ma perché "partigiani, politici, ebrei, antifascisti", che la premier non cita nel messaggio. Da Bruxelles, dove è impegnata nel Consiglio europeo, Meloni viene interpellata sul tema e sulle critiche dell'opposizione: "Li ho definiti italiani, che vuol dire che gli antifascisti non sono italiani? Mi pare un termine omnicomprensivo storicamente".

Cosa ha scritto Meloni

"Oggi l’Italia onora le vittime dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. Settantanove anni fa 335 italiani sono stati barbaramente trucidati dalle truppe di occupazione naziste come rappresaglia dell’attacco partigiano di via Rasella. Una strage che ha segnato una delle ferite più profonde e dolorose inferte alla nostra comunità nazionale: 335 italiani innocenti massacrati solo perché italiani", il messaggio della premier Giorgia Meloni. "Spetta a tutti noi - Istituzioni, società civile, scuola e mondo dell’informazione - ricordare quei martiri e raccontare in particolare alle giovani generazioni cosa è successo in quel terribile 24 marzo 1944. La memoria non sia mai un puro esercizio di stile ma un dovere civico da esercitare ogni giorno", conclude la presidente del Consiglio.

"Riesce a scrivere antifascisti?"

"335 martiri in una cava poco lontano dalle case. Non perché italiani ma perché partigiani, politici, ebrei, dissidenti, insieme a tante donne e uomini liberi, uccisi per rappresaglia. La notte più buia della violenza nazifascista. Mai più", recita il tweet di Chiara Braga, deputata Pd e segretaria di Presidenza della Camera dei Deputati.

"No presidente Meloni: 335 persone - twitta il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni, parlamentare dell’Alleanza Verdi Sinistra - non furono trucidate dai nazifascisti alle Fosse Ardeatine solo perché erano italiani. Perché erano italiani e antifascisti, ebrei, partigiani. Un giorno o l’altro riuscirà a scrivere quella parola? Antifascista", attacca.

"La Presidente del Consiglio ha affermato che i 335 martiri delle Fosse Ardeatine sono stati uccisi 'solo perché italiani'. È opportuno precisare che, certo, erano italiani, ma furono scelti in base a una selezione che colpiva gli antifascisti, i resistenti, gli oppositori politici, gli ebrei", sottolinea quindi l'Anpi in una nota commentando le affermazioni di Meloni. La nota dell'associazione presieduta da Gianfranco Pagliarulo continua: "È doveroso aggiungere che la lista di una parte di coloro che, come ha affermato Giorgia Meloni, sono stati 'barbaramente trucidati dalle truppe di occupazione naziste', è stata compilata con la complicità del questore Pietro Caruso, del ministro dell'Interno della repubblica di Salò Guido Buffarini Guidi, del criminale di guerra Pietro Koch, tutti fascisti". 

TiscaliNews   
I più recenti
Schlein a Campobasso con Lucia Annunziata e Sandro Ruotolo sul palco
Schlein a Campobasso con Lucia Annunziata e Sandro Ruotolo sul palco
Giornata Sollievo: infermieri,fondamentale competenza ed empatia
Giornata Sollievo: infermieri,fondamentale competenza ed empatia
Francesca Donato alla Mobile in attesa d'interrogatorio
Francesca Donato alla Mobile in attesa d'interrogatorio
Roma, Papa Francesco partecipa alla prima Giornata mondiale dell'infanzia
Roma, Papa Francesco partecipa alla prima Giornata mondiale dell'infanzia
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...