Tiscali.it
SEGUICI

Dl energia: spunta sanatoria per scontrini e fatture non in regola e bonus mutui prima casa per i giovani under 36

I commercianti potranno regolarizzare la loro posizione con il Fisco pagando delle multe ridotte. Inoltre Al bonus bollette, con l'Iva al 5% sul gas, si aggiunge poi un bonus benzina

TiscaliNews   
Cassa
Foto Ansa

Il Governo sta pensando a una sanatoria per i commercianti che hanno emesso fatture e scontrini non in regola. Tutti i contribuenti che hanno commesso una violazione fra il primo gennaio 2022 e il 30 giugno di quest'anno potranno regolarizzare la loro posizione con il Fisco  pagando delle multe ridotte. Ci sarà tempo fino al 15 dicembre. La novità è in un articolo della bozza del decreto legge energia che sarà sul tavolo del Cdm lunedì prossimo.

Aiuti acquisto prima casa

Nel documento spunta anche la proroga, fino alla fine dell'anno, degli aiuti agli under 36 per l'acquisto della prima casa.

Bonus bollette e benzina

Al bonus bollette, con l'Iva al 5% sul gas, che viene confermato si aggiunge poi un bonus benzina. Per i carburanti, 80 euro che saranno caricati sulla card 'Dedicata a te', il governo mette in campo 100 milioni mentre altri 55 milioni vanno a pagare le supplenze a scuola. Parla invece di sanità un ulteriore articolo che conferma, sempre alla fine dell'anno, i componenti della Commissione consultiva tecnico-scientifica e il Comitato prezzi e rimborso dell'Aifa.

Mercato libero elettricità

Non è invece chiusa la partita del mercato tutelato: il governo continua a lavorare sulle norme da inserire in uno dei prossimi provvedimenti sull'energia per traghettare circa la metà delle famiglie italiane nel mercato libero dell'elettricità. Un passaggio, di fatto, prorogato da anni dai vari governi ma resosi ora necessario anche perché legato agli obiettivi del Pnrr. Ma che andrà calmierato per evitare un impatto eccessivo sulle fasce deboli. "Sono in corso valutazioni - ha spiegato il ministro dell'Ambiente Gilberto Pichetto Fratin - sul meccanismo di traghettamento al di fuori del mercato tutelato dei clienti domestici, ed in particolar modo dei vulnerabili, tenendo conto dell'instabilità dei prezzi dell'energia in questa fase storica". Sotto la lente ci sono infatti i possibili rialzi che il mercato potrebbe subire e, dunque, misure a sostegno delle fasce più vulnerabili.

Nadef

Il governo è però alle prese in primis con la messa punto della Nadef che verrà portata giovedì in Consiglio dei ministri.
I margini di azione appaiono decisamente ristretti col problema numero uno che resta quello della caccia alle risorse. Per questo si starebbe valutando come possibile entrata anche una tassa sulle vincite dei giochi. Ma parte delle risorse - secondo quanto viene riferito in ambienti di maggioranza - dovranno arrivare anche dagli spazi generati grazie al maggior deficit 2024. L'asticella nel Def era stata fissata al 3,7% e si ragiona su un possibile innalzamento al 3,8 o 3,9% per il 2024, senza arrivare a toccare però la soglia psicologica del 4% che potrebbe mettere eccessivamente - sarebbe la convinzione - in allarme i mercati e l'Ue.

Tassa sugli extraprofitti delle banche

Altra possibile voce di entrata da utilizzare in manovra - che secondo alcune indiscrezioni si aggirerebbe su un valore tra i 20 e i 25 miliardi - è la tassa sugli extraprofitti delle banche. Dall'imposta dovrebbero arrivare tra i 2 e i 3 miliardi, anche se manca la quadra definitiva sulle modifiche. Matteo Salvini torna a difendere la misura: "penso sia giusto chiedere un sacrificio alle banche" ma FI tiene il punto e chiede ritocchi. Martedì è previsto un vertice di maggioranza con governo, capigruppo e relatori del provvedimento in esame in Senato e non è escluso che, visti i tempi stretti d'esame si ricorra, mercoledì, alla fiducia.

Taglio cuneo e pensioni

Le priorità restano il taglio del cuneo e gli aiuti alle famiglie ma resta aperto il cantiere delle pensioni. Così come quello della p.a. E il ministro Paolo Zangrillo avverte: "lo scorso anno siamo intervenuti con un'una tantum ed è chiaro che, se dovessimo pensare al worst case, quanto meno l'una tantum deve essere ribadita. Altrimenti si verrebbe a creare una situazione per cui non solo non abbiamo il rinnovo ma ci sarebbe anche un decalage delle retribuzioni dei dipendenti pubblici. Diciamo che questa è la extrema ratio".

TiscaliNews   
I più recenti
Grillo contro Conte su linea e regole, ma forse non ha truppe
Grillo contro Conte su linea e regole, ma forse non ha truppe
Crescono le quotazioni di Fitto Commissario Ue, per Meloni nodo governo
Crescono le quotazioni di Fitto Commissario Ue, per Meloni nodo governo
Ue, Meloni: rivendicherò ruolo di massimo rango per l'Italia
Ue, Meloni: rivendicherò ruolo di massimo rango per l'Italia
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...