Ballottaggi in 65 Comuni, domani e lunedì in 5 milioni alle urne

Ballottaggi in 65 Comuni, domani e lunedì in 5 milioni alle urne
di Askanews

Roma, 16 ott. (askanews) - Sono 65 i comuni d'Italia interessati al turno di ballottaggio di domani e lunedì per l'elezione diretta dei sindaci, distribuiti in 15 regioni a statuto ordinario, oltre al Friuli Venezia Giulia. L'appuntamento elettorale coinvolgerà circa 5 milioni di elettori e interesserà anche 10 comuni capoluoghi, tra cui Roma, Torino e Trieste. Si voterà per l'elezione del sindaco anche a Varese, Savona, Latina, Benevento, Caserta, Isernia e Cosenza. Ogni elettore potrà recarsi alle urne domani 17 ottobre, dalle 7 alle 23, e lunedì 18 ottobre, dalle 7 alle 15.A Roma la sfida è tra il candidato del centrodestra Enrico Michetti e quello di centrosinistra Roberto Gualtieri. Di tre punti il distacco tra i due al primo turno: 30,14% Michetti e 27,93% Gualtieri. A Torino invece avanti al primo turno Stefano Lorusso, candidato del centrosinistra, con il 43,86% contro il 38,9% dello sfidante di centrodestra Paolo Damilano. A Trieste due settimane fa era finita con il sindaco uscente Roberto Dipiazza (centrodestra) avanti con il 46,9% mentre il candidato del centrosinistra Francesco Russo con il 31,6% di preferenze.Ha sfiorato la vittoria al primo turno invece il sindaco uscente di Benevento Clemente Mastella con il 49,37%. Al ballottaggio dovrà vedersela con il candidato di centrosinistra Luigi Diego Perifano (32,41% al primo turno). Altro capoluogo di provincia campano al ballottaggio è Caserta dove il candidato del centrosinistra Carlo Marino, sindaco uscente, se la vedrà con il candidato del centrodestra Gianpiero Zinzi. Al primo turno avevano ottenuto rispettivamente il 35,3% e il 30,1% dei voti. A contendersi la carica di primo cittadino di Isernia invece sono Gabriele Melogli, appoggiato dalla coalizione di centrodestra, e Pietro Castrataro, candidato del centrosinistra con Partito Democratico e MoVimento Cinque Stelle alleati. Al primo turno Melogli aveva preso il 42,88 % dei voti, Castrataro il 41,66%.A Varese la sfida è tra Davide Galimberti, sindaco uscente e candidato del centrosinistra, in vantaggio al primo turno con il 48% delle preferenze e il 44% dello sfidante Matteo Bianchi, candidato della Lega per il centrodestra dopo la rinuncia di Roberto Maroni. A Latina il sindaco uscente del centrosinistra Damiano Coletta parte in svantaggio con il 35,66% di voti ottenuti al primo turno contro il 48,3% di Vincenzo Zaccheo, candidato del centrodestra.A Savona corrono per la poltrona di sindaco Marco Russo (sostenuto dal centrosinistra) e Angelo Schirru (sostenuto dal centrodestra). Alla tornata del 3 e 4 ottobre, nel primo turno avevano ottenuto rispettivamente il 47,79% e il 37,31% dei voti. A Cosenza si sfidano Francesco Caruso, che al primo turno è stato sostenuto da 8 liste (Bella Cosenza, Fratelli d'Italia, La Cosenza che vuoi, Forza Cosenza - Francesco Caruso Sindaco, Coraggio Cosenza, Occhiuto per Caruso Visione Continuità, Unione di Centro Calabria e Lega Salvini Calabria) totalizzando il 37,43% dei voti, e Francesco Alessandro Caruso detto Franz (tre liste a sostgeno: Partito Socialista Italiano, Partito Democratico, Franz Caruso Sindaco) che ha ottenuto il 23,78%.Attesa anche per l'affluenza alle urne, straordinariamente bassa al primo turno: solo il 54,64% degli aventi diritti è andato a votare due settimane fa. L'affluenza sarà rilevata come al solito alle 12, alle 19 e alle 23 di domani e alla chiusura delle urne lunedì alle 15.