Tiscali.it
SEGUICI

Autogol Lega su Autonomia, assente manda sotto maggioranza. E' caos

di Askanews   
Autogol Lega su Autonomia, assente manda sotto maggioranza. E' caos

Roma, 24 apr. (askanews) - Autogol della Lega sul ddl autonomia differenziata: in commissione Affari costituzionali alla Camera la maggioranza viene battuta a sorpresa su uno delle centinaia di emendamenti M5s proprio a causa delle assenze del gruppo del Carroccio, sotto gli occhi di un impassibile ministro Roberto Calderoli. Per il centrodestra il voto non è valido e va ripetuto. Scoppia il caos, volano parole grosse e dopo una sospensione e un'accesa discussione, il presidente Nazario Pagano (Fi) decide di rinviare l'esame a venerdì. L'opposizione si appella al presidente della Camera, Lorenzo Fontana, affinché eviti "una forzatura" che incrinerebbe "il rapporto di fiducia" e farebbe venire meno "la terzietà" che ha sempre contraddistinto il Presidente Pagano.Nonostante la prudenza di Fi, ribadita anche oggi da Antonio Tajani, l'esame in Commissione non avrebbe dovuto riservare sorprese anche perché il patto è che il ddl arrivi in aula blindato il 29 aprile per la discussione generale anche se il voto finale arriverà solo dopo le Europee. La maggioranza, infatti, non ha presentato emendamenti e l'accordo è per un calendario serrato in modo da chiudere in commissione sabato, sacrificando anche il ponte del 25 aprile pur di tenere fede all'impegno caro alla Lega. Provando una ricostruzione di quanto accaduto, mettendo faticosamente in fila i fatti, tra le accuse incrociate di "ricostruzioni false" e "mistificazioni della realtà" emerge che l'inciampo avviene in apertura di seduta, alle 15, sul primo voto.

Il Presidente Pagano inizia puntualissimo e, nessuno chiedendo di intervenire, passa al voto sull'emendamento 1.19 della pentastellata Carmela Auriemma che cancella la parola autonomia dai principi generali del primo articolo del ddl. Il parere di governo e relatore è contrario ma la votazione finisce 10 a favore a 7 contrari. Del centrodestra sono presenti 5 su 8 componenti di Fdi, uno di Fi, e solo un leghista su 5 (ovvero uno dei relatori del ddl Alberto Stefani). I voti li conta l'unico segretario di commissione presente, il pentastellato Pasqualino Penza. L'altra, la leghista Simona Bordonali, non è presente. L'opposizione esulta, uno dei tre relatori Alessandro Urzì (Fdi) chiede la parola, Pagano (Fi) cerca di correre ai ripari e non chiude la votazione. A quel punto è caos. Urla e proteste sono udibili dai corridoi antistanti la commissione, tanto che i commessi, intervenuti vista la situazione incandescente, allontanano i cronisti.Accorre anche il capogruppo Fdi Tommaso Foti ma da subito la posizione della maggioranza è di fare quadrato negando la validità del voto: "L'opposizione ha proclamato il risultato che il presidente non ha proclamato, quindi ha molta fantasia", dice Foti. "Non è accaduto nulla, l'opposizione sbaglia. Il relatore Urzì aveva chiesto la parola, io sono esattamente entrato in quel momento e quindi il voto era stato sospeso. C'è poco da polemizzare, riprenderemo a votare. Come al solito l'opposizione della sinistra è farlocca, fanno cagnara inutile", difende la linea il leghista Iezzi. "Siamo stanchi di un'opposizione che ormai si spinge fino alla mistificazione della realtà dichiarando numeri di fantasia e certificando votazioni mai esistite", dichiara Urzì.Dopo una sospensione della seduta durante la quale Pagano si informa sui precedenti con la presidenza della Camera, alla ripresa il Presidente annuncia l'intenzione di far ripetere il voto. È di nuovo bagarre. Per l'opposizione il voto è regolare e una eventuale ripetizione andava fatta semmai immediatamente. Spiega il dem Federico Fornaro: "Il Presidente avrebbe dovuto chiudere le porte immediatamente e ripetere per appello nominale la votazione, questo dice il Regolamento". Alla fine le opposizioni spuntano un rinvio a venerdì. Pagano, di umore nero, intercettato dai cronisti, si limita a dire: "Non si è conclusa la procedura di voto. La Commissione è rinviata a venerdì".Il paradosso è che il Presidente della Commissione finisce nel mirino delle opposizioni per difendere un ddl che la Lega vuole a tutti i costi e su cui invece il suo partito tiene alta la vigilanza tanto che Tajani oggi ha fatto sapere che pretenderà l'impegno sui Lep attraverso l'approvazione di ordini del giorno in aula."Speriamo che questo rinvio porti Pagano a riconsiderare la forzatura in termini di regolamento che vorrebbe fare. Abbiamo chiesto di interloquire con il presidente Fontana. Non vogliamo venga meno il ruolo di terzietà di Pagano. Se viene meno non si può andare avanti su un provvedimento così delicato. Si prenda atto della realtà dei fatti: la maggioranza è stata battuta", dice Simona Bonafè (Pd). Filiberto Zaratti fa sapere che "Avs non è disposta a riprendere l'esame del ddl fino al pronunciamento della Giunta per il Regolamento e della presidenza della Camera sull'accaduto".

di Askanews   
I più recenti
Medio Oriente, Conte su Rafah: basta massacro con donne e bambini bruciati vivi
Medio Oriente, Conte su Rafah: basta massacro con donne e bambini bruciati vivi
Liguria,Salvini: Toti non deve dimettersi o è resa Stato democratico
Liguria,Salvini: Toti non deve dimettersi o è resa Stato democratico
Meloni: con Patto Governo-Sicilia arrivano 6,8 mld, per Ponte 1,3 mld
Meloni: con Patto Governo-Sicilia arrivano 6,8 mld, per Ponte 1,3 mld
Pnrr, Meloni: per la Commissione Ue l'Italia è al top per l'attuazione
Pnrr, Meloni: per la Commissione Ue l'Italia è al top per l'attuazione
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...