Tiscali.it
SEGUICI

[La stoccata] Altro che lotta alla casta, i grillini affittano l'attico al centro di Roma con i soldi dello Stato

Al Senato, con 35 senatori incassano 2,4 milioni di euro all’anno. 20-25 mila euro li spendono per l’acquisto di beni di comunicazione, il resto se ne va per affittare case e pagare telefonini (persino l’Iva) degli oltre 30 dipendenti del gruppo parlamentare. Case nel centro di Roma e stipendi da 4-5-6 mila euro al mese

Giuseppe Turanidi Giuseppe Turani   
[La stoccata] Altro che lotta alla casta, i grillini affittano l'attico al centro di Roma con i...

Nessuno sa descrivere i grillini meglio degli ex grillini: “Volevano la democrazia partecipata e adesso sono un’élite . Volevano fare politica senza soldi. E adesso si scannano per i soldi. Volevano lottare contro il sistema dei media. E adesso sono dipendenti dai media. Volevano eliminare la casta. E adesso sono la casta”. Volevano anche essere un esempio di democrazia diretta, ma su Internet non sono stati un grado di proteggere nemmeno i dati dei loro iscritti. Al punto che un amico di Grillo, David Puente, consiglia a Grillo di spegnere tutto e di andare a casa. Poi si sono presentati all’opinione pubblica come novelli francescani guidati da un comico miliardario che mai si è spogliato di un euro. E invece spendono e spandono come milionari in vacanza. I deputati sostengono di versare una quota (minima) del loro stipendio (ma non i rimborsi spese) in un fondo per la creazione di piccole e medie imprese. Il fondo in realtà esiste da anni e è gestito dal ministero dell’economia che ogni vi destina miliardi. I pochi soldi che arrivano dai deputati a cinque stelle coprono forse le spese per le carte bollate. Ma loro, in questo sono specialisti, si sono intestati il tutto e sembra che siano i soli a sostenere le piccole e medie imprese in Italia, che esistono grazie ai loro interventi.

Un video per sostenere che il recente aumento del Pil

Invece, esistevano già prima che loro nascessero: è una caratteristica italiana fra le più tipiche. Ma loro non lo sanno, come non sa quasi niente la loro senatrice Barbara Lezzi (cervello economico dei 5 stelle), la quale ha fatto un video per sostenere che il recente aumento del Pil è dovuto al caldo afoso di queste ultime settimane e non alla buona congiuntura, a Draghi, al governo. Giustamente, l’intera Rete sono tre giorni che ride: una cacata del genere non si ea mai sentita. E non si sentirà mai più. Barbara Lezzi è l’unica sedicente economista al mondo che invece di guardare i listini di Borsa o l’andamento dell’export, gira con il termometro di in tasca e da lì capisce come va l’economia. Forse nel suo arsenale dispone anche di una bacchetta da rabdomante, magari potrebbe aiutare la Raggi a trovare un po’ d’acqua. E non si dica che la Lezzi viene da Bari: persino i suoi concittadini penano che sia un po’ fuori di testa. I nuovi francescani grillini comunque si vantano di non prendere denaro pubblico: noi non costiamo nulla allo Stato. Naturalmente, non è veto: è un’altra delle loro mille bugie. Come partito non incassano niente, è vero, ma solo perché non avendo uno statuto e una vita democratica al loro interno non ne hanno diritto. Quindi non è vero che hanno rinunciato, proprio non hanno nessun titolo per incassare dei soldi.

Però sono comunque grandi spenditori di denaro pubblico

Come mai? Come gruppi parlamentari hanno diritto a un finanziamento a carico dello Stato. Al Senato, con 35 senatori incassano 2,4 milioni di euro all’anno. 20-25 mila euro li spendono per l’acquisto di beni di comunicazione, il resto se ne va per affittare case e pagare telefonini (persino l’Iva) degli oltre 30 dipendenti del gruppo parlamentare. Case nel centro di Roma e stipendi da 4-5-6 mila euro al mese. Insomma, grazie ai grillini abbiamo conosciuto un nuovo tipo di francescani: quelli con l’attico nel centro di Roma e le spese pagate dallo Stato, gas e luce compresi. Ma non ci si deve meravigliare. Il loro profeta, il comico Grillo, pasteggia e ostriche e va in vacanza, con lo yacht nei resort più esclusivi del mondo, oltre a possedere due o tre ville che affitta d’estate a milionari di passaggio, come lui. Insomma, iscrivetevi ai grillini, e scoprirete come i soldi sono facili, e tanti. Paga lo Stato, cioè noi.

Giuseppe Turanidi Giuseppe Turani   
I più recenti
Giustizia, Mattarella: indipendenza toghe alla base della democrazia
Giustizia, Mattarella: indipendenza toghe alla base della democrazia
Mattarella,indipendenza delle toghe essenziale per equo processo
Mattarella,indipendenza delle toghe essenziale per equo processo
Tajani a M5s: Berlusconi vi andava bene quando appoggiava Draghi
Tajani a M5s: Berlusconi vi andava bene quando appoggiava Draghi
G7, sindaco Fasano protesta, 'manca nome città su francobollo'
G7, sindaco Fasano protesta, 'manca nome città su francobollo'
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...