Tiscali.it
SEGUICI

[Il punto] Manovra del Popolo bocciata su scuola e futuro dei giovani. Ecco perché

Scuola e università sono i grandi assenti della Legge di Bilancio. E questo nonostante i dati internazionali descrivano una situazione drammatica per il Paese

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   
[Il punto] Manovra del Popolo bocciata su scuola e futuro dei giovani. Ecco perché

La prima manovra finanziaria varata dal governo del Cambiamento di innovativo ha poco o niente. In estrema sintesi si può affermare, senza timore di smentita, che sotto nuova veste ha riproposto lo stesso schema di gioco usato per anni dai governi della Prima Repubblica: privilegiare i pensionati a scapito dei giovani e alimentare l’assistenzialismo. In fin dei conti, il modo più semplice per creare consenso elettorale.

Questione giovanile: un ritardo inquietante 

Ma spesso e volentieri la cura del consenso elettorale non combacia con quella dei mali del Paese che sono noti da tempo: mancanza di crescita economica e problema giovanile. Su questi due fronti la Legge di Bilancio contiene poco o niente, e quel poco è addirittura dannoso o penalizzante. La questione più macroscopica è probabilmente quella giovanile. I dati Ocse (che raggruppano i paesi più avanzati del mondo) descrivono un quadro cupo. Nel 2017 solo il 27% dei giovani italiani con una età compresa tra i 25 e i 34 anni era in possesso di una laurea contro la media Ocse del 44%. Il numero dei ragazzi tra i 18 e i 24 anni che non lavora, non studia e non cerca una occupazione (i cosiddetti Neet ovvero not in education, employment or training) raggiunge il 25% che sale al 30% restringendo la forbice a 20-24 anni. La media Ocse è del 16%.

La protesta dei sindacati della scuola 

Di questi argomenti non c’è traccia nella politica del governo gialloverde e di conseguenza nel dibattito pubblico. In Manovra scuola e università sono stare totalmente trascurate e in fretta e furia l’esecutivo ha dovuto addirittura smentire il varo di tagli consistenti. Il giudizio dei sindacati di categoria è stato molto negativo. Hanno denunciato penalizzazioni e la mancanza di investimenti aggiuntivi ed hanno già annunciato di essere pronti alla mobilitazione per chiedere una svolta nelle politiche scolastiche.

Il silenzio sull'università 

Il grande buco nero è l’università. Non esiste al momento nessun dibattito politico sulla qualità della formazione erogata e sull’incapacità dei percorsi universitari di rispondere alle esigenze di un mondo del lavoro in continua evoluzione. I dati Ocse parlano chiaro: i nostri laureati fanno più fatica a trovare un impiego rispetto a quelli degli altri paesi avanzati. Perché questo grande silenzio? L’unica spiegazione plausibile è che annunciare (per l’ennesima volta) il taglio degli stipendi dei parlamentari da una stazione sciistica porta più voti che non promettere una dura battaglia contro i baroni che da decenni controllano e asfissiano le università italiane. D’altronde, cosa importa ai giovani di potersi laureare con profitto se possono contare sul reddito di cittadinanza?

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   

I più recenti

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...