Tiscali.it
SEGUICI

[il caso] Inchiesta sulle parole della presidente della Bce. Il Pd: “Indaghino Consob e Copasir”. E l’Italia diventa modello nel mondo

Il sospetto di una speculazione finanziaria per mettere le mani sugli asset strategici dell’Italia. Anche Trump dichiara l’emergenza nazionale. Conte al telefono con Macron e Jhonson. La Germania stanzia 550 miliardi per le imprese. Von der Leyen: “Daremo all’Italia tutto ciò di cui ha bisogno”. No al blocco industriale: nella notte si lavora all’accordo con i sindacati. Oggi il decreto: 15 miliardi per sanità e lavoro

[il caso] Inchiesta sulle parole della presidente della Bce. Il Pd: “Indaghino Consob e Copasir”. E...
Christine Lagarde, la presidente della Banca Centrale Europea

Vederci chiaro nella più disastrosa seduta di Borsa nella storia italiana, 68 miliardi di capitalizzazione andati in fumo in poche ore. Lo chiede il Pd che presenta un’interrogazione parlamentare dove pone in modo molto espedito la questione se le parole della governatrice della Banca Centrale Christine Lagarde siano “solo” dal sen fuggite e usate poi dagli speculatori sui mercati. O se invece la stessa Lagarde sia stata protagonista di una gigantesca speculazione che ha fissato il record di vendite e di perdite al - 16,8%. Strumento o artefice, nel mirino del partito di maggioranza italiano c’è sempre la dama di ferro della finanza internazionale che ha preso il posto di Draghi nel palazzo delle torri a Francoforte.

 

L’indagine

Carmelo Miceli, responsabile Sicurezza del Pd, ed Enrico Borghi, membro del Pd nel Comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti, tramite l’interrogazione interpellano la Consob e le altre autorità competenti “per compiere tutte le verifiche e le indagini su eventuali attività speculative, connesse o conseguenti alle dichiarazioni della presidente Lagarde. Il sistema produttivo italiano è molto fragile in questi giorni, e nelle ore in cui a seguito di mal ponderate dichiarazioni sta precipitando la capitalizzazione di molte imprese, bisogna mantenere molto alta l' attenzione contro il rischio che vi possano essere operazioni speculative che mirino ad acquistare patrimoni industriali, tecnologici e scientifici nazionali, oltre a marchi storici del Made in Italy”. Il punto è   questo: possibile che colei che deve sovrintendere la tenuta dei debiti sovrani e tutelare l’economia, i mercati e la finanza europea e dovrebbe ripararla dalla speculazioni internazionali, nel giorno in cui tutti i mercati - già sotto stress per via della pandemia - si aspettano una nuova versione del “whatever it takes”, Madame Lagarde se ne esca dicendo: “Non è mio compito tenere sotto controllo lo spread dei vari paesi”? Un boomerang invece di un bazooka.

 

Gaffe o verità?

Erano le tre e mezzo del pomeriggio di giovedì quando la presidente della Bce, pur confermando “l’utilizzo di tutti gli strumenti di sostegno per l’Italia” a seguito dell’epidemia (un bazooka armato con 120 miliardi in più e la massiccia iniezioni di liquidità nelle nuove aste Ltro a tassi molto favorevoli, ndr)”, ha improvvisamente virato tono e contenuti dicendo che “non è compito suo tenere sotto controllo gli spread” e che “non vorrebbe mai fare una nuova edizione del whatever it takes” visto che “gli strumenti ci sono già”. Da quel momento tutti gli indici di borsa sono impazziti e crollati.

A quell’ora i mercati europei sono aperti. Ugualmente quello americano. Già chiusi, invece, quelli asiatici. Indizi importanti visto che i due deputati del Pd chiedono di “verificare se siano o meno in atto attività fondate su intenti speculativi o strategie a danno delle imprese a capitalizzazione italiana, tema che aprirebbe inquietanti scenari su possibili effetti depressivi sul tessuto produttivo e sui livelli occupazionali oltre che su potenziali intenti predatori sul mercato”. Intenti speculatori e depressivi rispetto all’economia italiana che giovedì ha perso per strada, dopo le parole di Lagarde, “pezzi importanti delle sue aziende leader”. Speculazione che potrebbe essere continuata ieri con il rimbalzo del 7 per cento. Chi ci ha guadagnato?

 

In campo Consob e Copasir

Una domanda cui può cominciare a rispondere la Consob guidata dall’ex ministro Paolo Savona. E a cui aderisce subito anche il presidente del Copasir Raffaele Volpi (Lega). “E' il momento della responsabilità collettiva ed è inderogabile difendere le risorse strategiche, finanziarie ed industriali, del nostro grande Paese” osserva da tempo attento “ad azioni che possono essere mirate a portare fuori dall'Italia il controllo di aziende quotate ritenute strategiche”. E non c’è dubbio che “alcune dichiarazioni, vogliamo credere unicamente ascrivibili a errori comunicativi, hanno portato ad un indebolimento importante e repentino di assetti quotati anche strategici”. Società come quelle dei settori bancario-assicurativi, telecomunicazioni, energia e difesa che devono rimanere nell'alveo dell'interesse nazionale.

 

La necessaria reazione

Un’indagine su madame Lagarde è il minimo sindacale che l’Italia deve mettere in campo dopo il giovedì nero delle borse e che per piazza Affari è stato più che nefasto. Colpiti dal virus, isolati e respinti dal resto d’Europa come degli untori e come se il virus dovesse restare confinato nei nostri confini, è bene che anche il governo metta in campo una voce chiara e forte che pretende rispetto per gli impegni presi e già annunciati dalla presidente della Commissione Ursula von Der Leyen. Lo ha fatto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella le cui parole hanno provocato l’immediata marcia indietro di madame Lagarde e, soprattutto, il rimbalzo ieri in Borsa (+7 per cento). La inevitabile, a questo punto, indagine finanziaria della Consob e quella “penale” del Copasir sono, se vogliamo, la necessaria conseguenza del monito del Presidente del Capo dello Stato: “L’Europa sia solidale e non metta ostacoli all’Italia”.    

 

Il mondo adesso è chiuso

Può darsi che quella di Lagarde sia stata solo una gaffe. O una confessione scappata di mano. Fatto è che da ieri l’Italia da untrice d’Europa si ritrova ad essere la virtuosa del mondo occidentale ormai tutto coinvolto nella pandemia. Persino il presidente Donald Trump ieri sera, alle 20 ore italiane, ha dichiarato lo stato d’emergenza nazionale negli Stati Uniti. Due giorni dopo aver chiuso i voli da e per l’Europa pur continuando a minimizzare e dopo due settimane di segni meno a Wall street, anche Trump ha dovuto cedere: significa che la Federal Reserve darà soldi a tutti gli stati per consentire i tamponi gratis per tutti. Erano le 15 negli Stati Uniti e un secondo dopo Borsa e petrolio hanno messo le ali.

Ieri anche la Spagna ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale (il virus conta già tremila contagiati e 300 vittime), la Francia chiude le scuole da domani. Hanno chiuso i confini anche Polonia e Danimarca. In pratica l’Europa è rimasta senza Schengen. Ma pare aver finalmente abbattuto la gabbia di regole e vincoli e parametri che in questi anni hanno “strozzato” o regolamentato - dipende dai punti di vista - le economie nazionali. “L’Italia avrà tutto quello di cui ha bisogno” ha detto Ursula von Der Leyen quasi a voler cancellare il post Lagarde. Di sicuro è stato un shock - in positivo - l’annuncio del governo tedesco che le banche tedesche metteranno a disposizione “fino 550 miliardi per l’ industria tedesca colpita dal virus”. Un bomba-libera-tutti dopo anni di austerity e dopo gli errori compiuti proprio da Bruxelles e Francoforte dopo la crisi del 2008.

 

“Esempio Italia”

In questo quadro l’Italia ha ribaltato la sua posizione in poche ore: da “appestata” a modello virtuoso. Anche ieri il premier Conte ha trascorso la giornata nella war room di palazzo Chigi dove, per lo più in video conferenza o in collegamento Skype ha proseguito i colloqui iniziati nei gionri passati con i leader europei. Ieri ha parlato con Boris Jhonson (agghiaccianti le sue parole: “Molte famiglie inglesi perderanno un loro caro prima del tempo”) e con Macron. Due gli incontri con Confindustria e i sindacati per definire le nuove linee guida per la messa in sicurezza degli operai e dei lavoratori delle produzione industriale che possono o devono continuare a lavorare per garantire che il sistema industriale italiano resti acceso quel tanto che serve per poi ripartire. E’ una partita difficile, delicata, perchè adesso tutti vorrebbero restare a casa sapendo che tanto poi arriveranno le sovvenzioni e i risarcimenti. Ma Conte e il governo hanno tenuto il punto e spiegato: “Non si può chiudere tutto, noi non siamo la Cina”. Il confronto a quel punto si è concentrato sui protocolli di sicurezza nelle fabbriche e alle catene di montaggio: kit di guanti, mascherine, sanificazione generale, ricalibrazione dei turni. La trattativa e l’auspicato accordo finale non sono riusciti ad evitare alcuni scioperi già proclamati.    

 

Trend in costante crescita  

Le 18 sono ormai un orario da cu dipende la qualità della vita degli italiani. A quell’ora infatti Angelo Borrelli comunica la contabilità quotidiana di Covid-19. I positivi sono 14.955, i guariti 1439, i decessi 1266, 250 in più rispetto al giorno prima ma anche un lieve calo dei contagi. La Lombardia conta ormai 890 morti dal 22 febbraio. Segue l’Emilia Romagna (201), poi Veneto e Piemonte con 41 e 46 decessi. Sud e nord sono i sorvegliati speciale di questo fine settimana. In Lombardia è atteso il picco tra oggi e lunedì per poi vedere iniziare finalmente l’unica vera decrescita felice. Al sud, invece, si teme che la curva epidemiologica inizi a salire proprio una settimana dopo il grande e non controllato rientro a casa di decina di migliaia di pugliesi, siciliani e calabresi migrati in Lombardia. La Puglia registra venti casi in più (121 i contagiati ieri contro i 98 del giorno prima e i 71 di mercoledì) e 5 decessi.

 

Cancellati i treni e chiusi i parchi nel week end

Dopo il week end nero del 7 e 8 marzo in cui tutta Italia sembrava impazzita per via di decreti e restrizioni annunciate ma non ancora deliberate, questo è il fine settimana in cui il governo gioca la sua credibilità. Anche a fronte di forti limitazioni delle libertà individuali e costituzionali che ha imposto in questa settimana. Una pericolosa confusione tra stato di eccezione e stato di diritto di cui si dovrà parlare a lungo e con serietà quando il virus sarà un ricordo. E su cui, in via preventiva, ha voluto mettere l’accento ieri Matteo Renzi nella sua e-news. La questione riguarda anche il Parlamento, la sua possibilità di funzionare, il tentativo di sostituirlo con votazioni on line e dibattiti via Skype.  

Ulteriori limitazioni sono state decise tra le 17 di ieri e la notte. Dopo le 17 e 15 non c’era più in treno che da Roma andasse a Firenze e poi al nord. Più facile andare al sud. Nessuna garanzia sui treni di oggi. “Arrivano disposizioni diverse continuamente, non possiamo garantire nulla” spiegavano ieri a Termini gli addetti all’Alta Velocità. Più o meno alla stessa ora la sindaca di Roma Virginia Raggi ha annunciato la chiusura dei parchi della Capitale (tranne villa Borghese che non può essere recintato) “per evitare assembramenti nel fine settimana”. Più o meno la stessa disposizione è scattata in tutte le città italiane. Tutti telegiornali, nei rispettivi telegiornali, hanno dato servizi finalizzati a disincentivare passeggiate all’aria aperta durante il week end. E’ chiaro a chiunque che siamo molto oltre la prevenzione. E che siamo di fronte ad una sospensione generale dei diritti costituzionali. E’ necessario rimarcare questo punto perchè ciò che sta accadendo non deve per alcun motivo diventare un precedente.

 

Il solito Salvini

Di fronte ad una giornata del genere, sembrano residuali e quasi scontate le solite rimostranze di Matteo Salvini. Ieri mattina è andato a donare il sangue (numerosi gli appelli degli ospedali non solo a nord ma anche a Roma) a Milano. Cosa che, sottolinea lo staff, “Matteo ha sempre fatto”. Ovviamente ci sono state dichiarazioni a margine. La strategia è sempre la stessa, ormai da giorni: giocare allo sfascio, rilanciare sempre, spingere il governo dove non vorrebbe andare (ad esempio alla serrata totale, il blocco industriale) cavalcando la protesta degli operai per poi, un domani, quando tutto sarà finito, raccattare le briciole. In parallelo Salvini, forte della gaffe di Lagarde, ha potuto scommettere sulla fine dell’Europa come spazio comune di luoghi, merci e persone. “Prima si chiude Schengen e meglio è”. E poi, riferito a Lagarde, “se questo è l’Europa che dobbiamo lasciare ai nostri figli, tanto vale fare scelte diverse”. Andarsene.

 

Oggi il decreto economico

In tutto ciò, il Presidente ha potuto lavorare - a distanza a vicini - con Gualtieri e gli uffici del Mef per scrivere quella che a tuti gli effetti è una nuova legge di bilancio. Nata dall’emergenza. Le bozze del decreto economico che oggi dovrebbe consegnare tra i 13 e i 15 miliardi alla sanità, prima di tutto, alle imprese e alle famiglie passando per lo sport (palestre, circoli sportivi). Ma nelle prossime 48 ore ciò che farà veramente la differenza saranno i numeri della contabilità del virus. Tra oggi e lunedì giochiamo la partita più difficile tra noi e con Covid-19.  

Claudia Fusanidi Claudia Fusani, giornalista parlamentare   
I più recenti
Autonomia, da cinque Regioni progressiste sì al referendum
Autonomia, da cinque Regioni progressiste sì al referendum
Roma, cerimonia per Boris Giuliano: Mattarella alla Scuola di Polizia
Roma, cerimonia per Boris Giuliano: Mattarella alla Scuola di Polizia
Ok Consiglio Puglia a richiesta referendum abrogativo Autonomia
Ok Consiglio Puglia a richiesta referendum abrogativo Autonomia
Mattarella ad allievi scuola Polizia: grande scelta a servizio Stato
Mattarella ad allievi scuola Polizia: grande scelta a servizio Stato
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...