Giarrusso (ex iena - M5S) a 24 Mattino: "Non capisco la polemica. Mi occupo di comunicazione da sempre. Lombardi doveva chiamare uno di Casapound?"

fonte: Radio 24

Nel corso della trasmissione 24Mattino, Luca Telese e Oscar Giannino telefonano in diretta a Dino Giarrusso l'ex Iena che, mancata l'elezione in Parlamento, dovrebbe finire a lavorare per la comunicazione di Roberta Lombardi, 5 stelle alla regione Lazio. La polemica è presto fatta e Il Giornale, ad esempio, definisce oggi Giarrusso neo "portaborse" di Lombardi. "No, portaborse non mi risulta" risponde Giarrusso: "Sono stato contattato per lavorare con il gruppo consiliare della Regione, da Roberta Lombardi, e la cosa non è ancora chiusa. Mi chiedo in che cosa consistano le polemiche". "Uno c'ha un curriculum di più di vent'anni di carriera nella comunicazione" dice Giarrusso che snocciola il suo curriculum in diretta, "e viene chiamato a occuparsi di comunicazione. Un ruolo dove esiste un rapporto fiduciario. Cosa doveva fare Roberta Lombardi chiamare uno che non è esperto in comunicazione e che è simpatizzante, che ne so, di Casapound?".

Se si firma un contratto un forno vale l'altro, sia della lega o del pd non fa differenza

"Ti posso dire la verità? Nel momento in cui fai un contratto a punti, secondo me un forno vale l'altro". Risponde così Dino Giarrusso, l'ex Iena e candidato con il Movimento 5 stelle alle ultime elezioni, intervistato a 24Mattino da Luca Telese e Oscar Giannino. Telese dopo averlo fatto replicare alla polemica sul suo nuovo lavoro alla regione Lazio, gli chiede di esprimere una preferenza tra il forno della Lega e quello del Pd. "Il problema qui", risponde Giarrusso, "sono le riforme che si possono fare per migliorare la vita dei poveri, dei pensionati che guadagnano troppo poco. Il Movimento Cinque Stelle, in maniera rivoluzionaria, chiede di fare un contratto su dei punti di governo chiari. Quindi l'idea di provarci secondo me è sacrosanta nella speranza di poter dare un governo al Paese. Se no, mi sembra che l'unica alternativa sia un ritorno alle urne".