Draghi accetta l'incarico, governo tra conferme, ritorni a sorpresa e novità: ecco la lista dei ministri

Nel nuovo esecutivo i ministri sono 23, di cui 15 politici e 8 tecnici. Contrariamente alle attese solo 8 le donne. Restano Di Maio, Franceschini, Speranza, Guerini e Lamorgese, entrano Orlando, Brunetta, Gelmini, Carfagna, Giorgetti e Cartabia. Tra i tecnici Franco, Colao e Cingolani. Roberto Garofoli sottosegretario alla Presidenza 

TiscaliNews

Nasce il governo Draghi. Molti i politici, tante le conferme. Ma ai tecnici vanno tutti i ministeri chiave. La nuova squadra di ministri, che registra anche un terzo di donne, è formata e dà spazio a tutti i partiti dell'ampia maggioranza che sostiene l'esecutivo, con - appunto - figure di fiducia del premier in dicasteri chiave. Il premier sale al Colle alle 19 e dopo quaranta minuti di colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella scioglie la riserva. Come le regole vogliono, poi esce dallo studio del capo dello Stato e legge i 23 nomi. Asciutto nello stile, non aggiunge alcun commento davanti alle telecamere. Solo lasciando il Quirinale si lascia andare per un attimo: "In bocca al lupo", risponde ai fotografi che lo attendono sommergendolo di flash. A metà settimana ( da mercoledì al Senato) toccherà infine alle Camere votare la fiducia e a quel punto inizierà la corsa contro il tempo.

Questa la composizione del nuovo governo


Luigi Di Maio (M5s) agli Esteri
Terzo governo consecutivo per l'ex capo politico del Movimento 5 stelle con la riconferma alla guida del ministero degli Esteri.

Luciana Lamorgese (Tecnico) agli Interni
Figlia d'arte, prefetto figlio di prefetto, con il varo del Conte bis ha preso il posto di Matteo Salvini al Viminale riportando il ministero nel suo alveo più istituzionale. 

Marta Cartabia (Tecnico) alla Giustizia
Classe 1963, docente di diritto, ha presieduto la Corte costituzionale fra il dicembre 2019 e il settembre 2020. Prima donna a ricoprire quell'incarico dopo 45 presidenti al maschile.

Daniele Franco (Tecnico) all'Economia
Economista è il direttore generale di Bankitalia. È stato capo del Servizio studi e poi Ragioniere generale dello Stato. 

Giancarlo Giorgetti (Lega) allo Sivluppo economico
Varesino di nascita, 54 anni, già sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nell'esecutivo gialloverde, è il volto moderato della Lega per cui ha sempre tenuto le relazioni con il mondo bancario, finanziario e industriale. 

Stefano Patuanelli (M5s) all'Agricoltura
Triestino, 46 anni, laurea in Ingegneria. È stato capogruppo per il Movimento 5 Stelle al Senato fino alla sua nomina a ministro dello Sviluppo economico nel governo Conte II. 

Roberto Cingolani (Tecnico) alla Transizione ecologica
Fisico, nel suo curriculum spicca la direzione, dalla nascita, nel 2005, fino a due anni fa dell'Istituto italiano di Tecnologia

Enrico Giovannini (Tecnico) alle Infrastrutture
Laureato in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, 63 anni, in passato è stato Presidente dell'Istat e ministro del Lavoro. 

Andrea Orlando (Pd) al Lavoro
Nato a La Spezia, 52 anni appena compiuti ha scalato tutti i gradini del partito Democratico fino a diventare vicesegretario. Torna al governo dopo aver rifiutato l'ingresso nel Conte II. 

Patrizio Bianchi (Tecnico) all'Istruzione
Tecnico prestato alla politica, di area prodiana, 68 anni, ferrarese, ha un curriculum accademico di respiro europeo ed internazionale. E' stato l'autore del piano, poi ignorato, per la riapertura delle scuole a settembre.

Dario Franceschini (Pd) alla Cultura
Classe 1958, nato a Ferrara da padre partigiano ed ex deputato democristiano è al suo settimo governo. Per lui la riconferma alla guida del ministero della Cultura.

Roberto Speranza (Leu) alla Salute 
Lucano di Potenza, segretario di Articolo Uno ha 42 anni e due figli. Alla guida della Sanità da un anno e 4 mesi è sempre stato per la linea dura, quando si è trattato di decidere su lockdown, chiusure, riduzioni di attività. 

Lorenzo Guerini (Pd) alla Difesa
Lombardo di Lodi, 55 anni legatissimo alla città di cui è stato anche sindaco. Esponente del Partito democratico è stato confermato alla guida della Difesa. 

Cristina Messa (Tecnico) all'Università
Si è laureata in medicina e chirurgia all'università di Milano nel 1986. Ha guidato la Bicocca dal 2013 al 2019. 

Federico D'Incà (M5s) ai Rapporti con il Parlamento
Veneto, 45 anni, appartiene alla vecchia guardia del M5s e strappa la riconferma nel governo Draghi nella stessa casella occupata nel Conte II. 

Vittorio Colao (Tecnico) all'Innovazione tecnologica 
Laureato alla Università Bocconi, ha ottenuto un Master in Business Administration alla Harvard University. E' uno dei top manager italiani più apprezzati nel mondo. E' stato amministratore delegato di Vodafone. 

Renato Brunetta(Forza Italia) alla Pubblica amministrazione
Economista e accademico, ha ricoperto dal 2008 al 16 novembre 2011 la carica di Ministro per la pubblica amministrazione e l'Innovazione. È stato capogruppo alla Camera per Forza Italia nella XVII legislatura

Maria Stella Gelmini (Forza Italia) agli Affari regionali
Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca dall'8 maggio 2008 al 16 novembre 2011. Dal 27 marzo 2018 è capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Mara Carfagna (Forza Italia) al Sud
E' stata Ministro per le pari opportunità del Governo Berlusconi IV. Dal 29 marzo 2018 è vicepresidente della Camera dei deputati.

Elena Bonetti (Italia Viva) alle Pari opportunità
Laureatasi in matematica all'Università degli Studi di Pavia ottiene la riconferma nella stessa casella occupata nel govero Conte II.

Erika Stefani (Lega) alle Disabilità
Avvocato, ministro per gli Affari regionali e le Autonomie dal 1 giugno 2018 al 5 settembre 2019 nel Governo Conte I. 

Fabiana Dadone (M5s) alle Politiche giovanili
Laureata in Giurisprudenza a Torino è stata ministro per la Pubblica amministrazione nel Governo Conte II.

Massimo Graravaglia (Lega) al Turismo
Laureato in Economia e Commercio alla Bocconi, è stato Sottosegretario di Stato al ministero dell'Economia e delle Finanze e in seguito viceministro dell'Economia nel governo Conte I. 

Roberto Garofoli (Tecnico) sottosegretario alla Presidenza 
Giudice del Consiglio di Stato, è stato Capo di Gabinetto del ministero dell'Economia e delle Finanze, e condirettore della Treccani Giuridica.