Tiscali.it
SEGUICI

Caso Consulta innesca deflagrazione Fi. Scontro Brunetta-Romani

di Askanews   
Caso Consulta innesca deflagrazione Fi. Scontro Brunetta-Romani

Roma, 17 dic. (askanews) - Lo scontro "in piazza" tra i due capigruppo è solo la punta dell'iceberg. Quello che si vede è Paolo Romani che, in un paio di interviste, attacca pubblicamente il collega della Camera, Renato Brunetta, per la gestione dell'affaire Consulta. Ma quello che c'è sotto è molto di più: è un partito in stato di malessere perenne, in cui ogni scusa è buona per dividersi. E così il fatto che alla fine Forza Italia si sia ritrovata con un pugno di mosche in mano nella partita sui giudici costituzionali ha finito per fare da innesco in una situazione già a un passo dall'esplosione. Tanto che, per l'eterogenesi dei fini, la stessa presidenza del gruppo di Romani è finita nel mirino.Mentre Silvio Berlusconi si siede a tavola con Matteo Salvini e Giorgia Meloni, cerca i candidati per le amministrative e parla di unità del centrodestra, gli azzurri alimentano le loro faide interne ormai su tutto. D'altra parte, con l'avvio del licenziamento collettivo dei dipendenti e la chiusura delle sedi, Forza Italia è diventata a tutti gli effetti un partito "virtuale", come l'ha definito la tesoriera Maria Rosaria Rossi. L'evanescenza ormai è prossima alla dissolvenza, l'assenza di una linea univoca fa il resto.

Negli ultimi giorni, per la verità, lo scontro covava sotto la cenere. L'annuncio di Renato Brunetta sulla presentazione da parte di Forza Italia di una mozione di sfiducia al ministro Boschi, come proclamato dai grillini e come gradito alla Lega, aveva già messo i gruppi in subbuglio e riaperto una diaspora tra Camera e Senato. Alla fine, per evitare platetali spaccature, si è deciso di presentare una mozione contro il governo tutto. Ma Brunetta avrebbe voluto comunque Forza Italia votasse la mozione dei pentastellati. Sarebbe finita male e Silvio Berlusconi lo ha capito. E per questo ieri da Bruno Vespa ha spiegato che gli azzurri non parteciperanno al voto. Meglio stare tutti fuori, insomma: l'unico modo per evitare una conta che avrebbe rischiato di diventare imbarazzante.Il presidente dei deputati resta comunque nel mirino. D'altra parte, appena due settimane fa era di fatto finito sotto processo: contro di lui era partita una raccolta firme, era stata convocata un'assemblea in cui Elio Vito aveva chiesto che si votasse per il rinnovo dei vertici. Era finita che Brunetta era stato un po' depotenziato e che si era deciso di togliergli dalle mani il "giocattolino" del "Mattinale" (cosa peraltro non ancora avvenuta). Oggi, però, in un'intervista è lo stesso Elio Vito a sostenere che il problema non è affatto il modo in cui il capogruppo ha gestito la partita dei giudici costituzionali. "La verità - afferma - è che il Pd aveva in caldo l'accordo con i 5 Stelle da tempo: la storia della lite con Renzi è soltanto un pretesto".Nei capannelli in Transatlantico la questione regna sovrana: "Serve più democrazia nella gestione", è il refrein. "Ritengo necessario ed urgente - afferma il senatore Altero Matteoli - mettere mano all'organizzazione del partito che non può procedere ancora in modo estemporaneo, sulla base di prese di posizione e decisioni di singoli". Molto più esplicita la deputata Laura Ravetto. "La vera abilità di Renzi - è la sua analisi - è quella di infilarsi come un cuneo nelle difficoltà degli altri partiti", "c'è una soluzione, al Senato come alla Camera, non si può mettere in discussione il solo Brunetta, ora iniziamo a parlare di elezione democratica dei due capigruppo". Insomma, anche Romani si ritrova in ballo. Nel suo caso, tuttavia, l'accusa è opposta: essere troppo filo-governativo. Come sempre si attende che una parola chiara arrivi da Berlusconi. Il quale, sarebbe tentato da tempo di cambiare i vertici dei gruppi ma sa che il minimo spostamento di una pedina innescherà altre scintille ed altre esplosioni.

di Askanews   

I più recenti

Rai, esposto Bonelli a Ue: intellettuali censurati da servizio pubblico Italia
Rai, esposto Bonelli a Ue: intellettuali censurati da servizio pubblico Italia
Regione Puglia, in corso Giunta per decisioni sul rimpasto
Regione Puglia, in corso Giunta per decisioni sul rimpasto
Famiglia,Consulta: unione civile non decade se un partner cambia sesso
Famiglia,Consulta: unione civile non decade se un partner cambia sesso
Centrodestra Puglia annuncia mozione sfiducia su Emiliano
Centrodestra Puglia annuncia mozione sfiducia su Emiliano

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...