Superlega: Fratoianni, calcio torni di tifosi e sportivi

Superlega: Fratoianni, calcio torni di tifosi e sportivi
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 19 APR - "Questa vicenda della SuperLega di un manipolo di squadre di calcio è inquietante ed è il riflesso del mondo in cui viviamo. E racconta molto bene cosa intendiamo quando parliamo di disuguaglianza. Aziende che si occupano (anche) di calcio, con le pance gonfie di debiti, che in una situazione di normalità sarebbero fallite, decidono in autonomia di cambiare le regole del gioco e di distruggere lo spirito sportivo che da decine di anni appassiona milioni di persone, pur di inseguire guadagni facili. Non accettano la competizione con le squadre più piccole, non tollerano di suddividere i guadagni con le cosiddette "provinciali". Ma fanno male i conti". Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni. "Il calcio come qualunque altra passione, si regge sui sentimenti di chi lo segue. E sulla disponibilità di pagare per assistere a un evento, allo stadio o in tv. E quindi non è detto che l'operazione riesca, nemmeno dal punto di vista che a loro interessa di più. Se decidi che a questo evento non possono partecipare ad esempio l'Atalanta, il Sassuolo, il Leicester, il Napoli, significa non aver capito nulla di ciò che da molti anni anima un movimento." "Mi auguro davvero che questa storia finisca in cantina. Il calcio deve tornare ad essere degli appassionati e dei tifosi - conclude Fratoianni - non dei presidenti di squadre sull'orlo del fallimento. Il calcio è soprattutto sport, non mercato." (ANSA).