Andare oltre alle apparenze: perché dobbiamo guardare questo video con i nostri figli e cosa ci insegna

I nostri bambini sono per natura orientati al materiale, ed è compito di noi adulti aiutarli ad andare oltre l’aspetto esteriore delle cose. 

dida:

I nostri bambini sono per natura orientati al materiale, ed è compito di noi adulti aiutarli ad andare oltre l’aspetto esteriore delle cose.  Ecco perché in questo articolo della nostra rubrica vi segnalo il video “Re Gifted”, di Eaza Shukla e presentato sul canale YouTube di CGMeetup.

La trama

Un uovo decorato, apparentemente buono solo come soprammobile (o al più come ferma porte) viene regalato più volte, passando per molte mani, e ogni volta finisce dimenticato in qualche sgabuzzino. Questo avviene numerose volte fino a quando una notte l’uovo, rinchiuso per l’ennesima volta in un ripostiglio, non cade per terra rompendosi, ma rivelando al suo interno un bellissimo carillon dorato e dalla musica celestiale.

Il tema del video

Il tema di questo video è tanto semplice quanto importante, soprattutto nei primi anni di vita dei nostri bambini: dobbiamo imparare ad andare oltre l’aspetto esteriore delle cose, e scoprirne il lato nascosto, che spesso ci può riservare piacevoli e inaspettate sorprese. Ma per fare questo dobbiamo essere curiosi, non rimanere soddisfatti delle apparenze, ma avere anche il coraggio di andare più in profondità, porci delle domande, per arrivare a vedere il Mondo con altri occhi, una visione che sarà in grado di arricchire la nostra Vita.

Perché guardare questo video con i tuoi figli

I nostri bambini sono orientati al materiale. Non è una questione di vizio, né di una Società che spinge al consumismo e al materialismo. O almeno non sempre.

Trovare il significato che sta dietro un oggetto è un processo della nostra mente che potremmo definire “superiore”, in quanto richiede una serie di passaggi che ci permettano di passare dall’elemento materiale e concreto, ad un concetto più astratto in grado di farci sentire il significato e il senso che si cela dietro l’oggetto stesso. E’ una cosa che sviluppiamo con il tempo. E sta a noi adulti aiutare i nostri figli in questo e accompagnarli lungo questo Percorso.

Questo sentimento per il valore nascosto degli oggetti si trasferisce poi anche nei confronti delle persone che nostro figlio incontrerà, in un lavoro, in tutti gli altri ambiti della vita.

 Come guardarlo con i tuoi figli

Questo video può essere letto su due livelli, per cui possiamo oscillare dall’uno all’altro a seconda dell’età di nostro figlio.

 

  1. Un oggetto ha una funzione esplicita, ovvero ciò per cui è stato progettato, e delle qualità che noi gli attribuiamo.

Queste qualità dipendono da noi, dalla nostra capacità di andare oltre il semplice gesto, ossia una persona che regala un oggetto, e di approdare nel mondo del senso e del significato legati non solo all’oggetto in sè, ma anche a tutto il contorno:

  • Perché quella persona mi ha regalato proprio quell’oggetto?
  • Qual è il significato che si cela dietro questo gesto?
  • Quali sentimenti probabilmente ha provato la persona mentre cercava il regalo, lo ha acquistato, ha atteso la data del nostro incontro, ce lo ha regalato?

 E poi:

  • Considerati i punti precedenti siamo sicuri che l’oggetto sia solamente ciò che appare esteriormente?
  • Lo abbiamo osservato bene, ne abbiamo esplorato ogni lato, ogni dettaglio?

 

Sono domande di riflessione che possiamo porre ai nostri figli mentre osserviamo il video, eventualmente anche prendendo come esempio un oggetto realmente regalato ai nostri bambini e a cui sono molto affezionati. Partendo da oggetti a cui i nostri bambini attribuiscono già dei significati carichi di emozioni positive e di affetto, è più facile trasferire questo discorso ad oggetti per loro più insignificanti.

 

  1. Come per gli oggetti, anche le persone spesso nascondono dei lati positivi che noi dobbiamo imparare a vedere andando oltre le apparenze

 Anche per questo livello suggerisco di partire con delle persone a cui i nostri figli sono già molto legati, per poi passare a bambini della loro età che si trovano più in difficoltà, ad esempio il ragazzino escluso dal gruppo classe.

Imparare a vedere oltre le apparenze è un Percorso che si impara, ma per farlo i nostri figli hanno bisogno di una Guida e una Mappa: sta a noi fornire questi aiuti.