“Jungle Cruise”: applausi e polemiche per una Disney sempre più LGBTQI+

Nel suo nuovo live-action uno dei personaggi si rivela essere gay senza mai usare questa parola

Foto Disney
Foto Disney

Tre anni fa, la notizia: “Jungle Cruise”, diretto da Jaume Collet-Serra, sarebbe stato il primo live-action Disney con un personaggio dichiaratamente omosessuale. Oggi che è uscito nelle sale e che si può guardare comodamente anche da casa in streaming su Disney+, sono arrivati gli elogi e le polemiche, perché, a quanto pare, il personaggio gay interpretato da Jack Whitehall – il raffinato esploratore McGregor Houghton - non userebbe mai la parola “gay” nel fare il suo coming out in quella scena che lui stesso, durante la presentazione mondiale del film a Disneyland, aveva definito ‘epocale’. Sia Variety e poi Usa Today hanno subito rivelato che, in realtà, il personaggio di McGregor non andrebbe mai oltre a semplici allusioni, legate alla sua sessualità.

La scena cult e gli interessi di Whitehall, “felicemente altrove”

Basato sull’omonima attrazione dei parchi Walt Disney e ambientato all’inizio del XX secolo, il film vede un capitano di un battello fluviale di nome Frank – interpretato da Dwayne Johnson – portare un’archeologa di nome Lily (Emily Blunt) e suo fratello in missione nella giungla amazzonica per trovare l’Albero della Vita che si ritiene possieda poteri curativi. Nel frattempo il trio dovrà combattere contro pericolosi animali selvatici e una spedizione tedesca in competizione. Nell’ormai famosa scena del coming out, il personaggio di Whitehall dice al personaggio interpretato da Dwayne “The Rock” Johnson, Frank, che ha rotto con tre donne perché i suoi “interessi sono felicemente altrove”. Successivamente loda sua sorella Lily (interpretata da Emily Blunt), rivelando come fosse l’unico membro della famiglia che gli era “stato vicino”, mentre il resto della famiglia lo evitava da tempo, proprio a causa di chi “amava”.

Le reazioni sul web e quella del protagonista

Mentre il popolo del web si divide sui social tra chi loda la Disney per il cambio di rotta e chi l’attacca per il mancato coraggio, Jack Whitehall ha dichiarato proprio a Variety di essere “orgoglioso” della scena del coming out. “Penso che sia stata una scena davvero ben scritta e di cui abbiamo sicuramente parlato, riflettuto”, ha spiegato l’attore britannico. “Spero che sia una scena che piaccia al pubblico…All’epoca mi sentivo sicuramente orgoglioso del lavoro che avevamo fatto. L’attore ha ha poi precisato di aver “compreso perfettamente il significato” della scena, aggiungendo che era “molto nervoso”, quando l’ha girata. Molti hanno espresso disagio dinanzi all’ennesimo attore etero che interpreta un personaggio gay “camp”, fin troppo eccessivo. Altri hanno fatto notare che problemi in tal senso, in casa Disney, ci furono anche nel 2019, quando il gruppo evangelico One Million Moms (1MM) lanciò il boicottaggio di “Toy Story 4” per via di una scena in cui due mamme accompagnavano i figli a scuola e poi per la scena del bacio lesbo in “Star Wars: The Rise of Skywalker”. Fu censurata a Singapore e a Dubai perché lì, purtroppo, le unioni dello stesso sesso sono illegali.

Il film: un’emozionante corsa lungo il Rio delle Amazzoni 

Jungle Cruise è una corsa lungo il Rio delle Amazzoni con Dwayne Johnson ed Emily Blunt nei panni dello spericolato capitano Frank Wolff e di un’intrepida ricercatrice, la dottoressa Lily Houghton che parte da Londra alla volta della giungla amazzonica per affidarsi proprio a Frank e ai suoi discutibili servizi ed essere guidata nella navigazione del fiume a bordo de “La Quila”, la sua scassata ma affascinante barca. Lily vuole scoprire un antico albero con speciali proprietà curative e la potenzialità di cambiare il futuro della medicina. Alle prese con questo epico viaggio, l'improbabile coppia dovrà affrontare innumerevoli pericoli e forze soprannaturali celate nella bellezza ingannevole della lussureggiante foresta pluviale. Ma, una volta rivelati i segreti dell'albero perduto, la posta in gioco si fa più alta per Lily e Frank. Il destino loro e di tutto il genere umano è appeso a un filo. Nel cast ci sono anche Edgar Ramirez, Jesse Plemons e Paul Giamatti. Ispirato alla celebre attrazione di Disneyland, è nelle sale italiane e in streaming su Disney+.