Tiscali.it
SEGUICI

Wikipedia ha un problema di gender gap

Secondo uno studio dell’Universidat de Barcelona, “l’enciclopedia libera e collaborativa” ha ancora un grande divario in termini di inclusione e diversità, sia a livello di partecipazione femminile che di contenuti — di Costanza Giannelli

di La Svolta   
Wikipedia ha un problema di gender gap

Tuttǝ abbiamo navigato tra le sue pagine, ci siamo informatǝ, ci siamo affidatǝ per ricerche, passioni, studi. Alcuni di noi hanno creato, altri letto, altri ancora condiviso. Ma c’è una cosa che ci unisce: negli ultimi 20 anni, Wikipedia è diventata un punto di riferimento per il sapere globale. “L’enciclopedia libera e collaborativa”, però, non ha valorizzato tuttǝ – o dovremmo dire tutte – nello stesso modo.

Uno studio dell’Universitat de Barcelona, infatti, ha mostrato che (anche) su Wikipedia esiste un divario di genere quando si tratta di inclusione e diversità. “Alcuni pregiudizi di genere che risaltano sono evidenti nei suoi contenuti e nella sua partecipazione editoriale. Ha una bassa percentuale di biografie femminili e una rappresentanza diseguale nella redazione. Inoltre, ci sono lacune nella rappresentazione di genere per quanto riguarda i contenuti, pregiudizi nella redazione e nella partecipazione, nonché squilibri nel numero dei lettori”, spiegano i ricercatori in un comunicato stampa che riassume i risultati principali dello studio pubblicato su Profesional de la Información.

L’analisi bibliografica di Wikipedia dal 2007 al 2022 è parte del progetto Women and Wikipedia: Analysis of the Gender Gap in the Co-Production of Knowledge in the Wikipedias of Spain (W&W), finanziato dal Piano Nazionale I&D&R del Ministero spagnolo della Scienza, Innovazione e Università e Agenzia statale spagnola per la ricerca (AEI).

I ricercatori hanno esaminato la paternità degli articoli, le discipline accademiche coinvolte, le affiliazioni istituzionali e l'ubicazione del personale di ricerca coinvolto negli studi. Non solo: hanno valutato l'impostazione degli articoli e analizzato cronologicamente la produzione dei documenti. L’analisi del contenuto degli articoli rivela risultati accademici in tre aree principali: pregiudizi di genere nel contenuto, nell’edizione e nel contributo, e nel numero di lettori.

La ricerca rivela una leggera maggioranza di autrici, seguite da autori di sesso maschile, con rappresentanza limitata di autorǝ non binariǝ: le donne costituivano il 54,3%, gli uomini 45,2%, le persone non binariǝ lo 0,4%. In termini di composizione del team, 16 avevano autori esclusivamente femminili, 7 esclusivamente maschili e 15 avevano una pari rappresentanza maschile e femminile.

La rappresentanza delle donne sulla piattaforma rimane modesta, con solo una percentuale compresa tra il 13,2% e il 22,5% delle biografie. Questa disparità appare in aspetti come l’eliminazione degli articoli, la lunghezza della scrittura, la scelta lessicale, la classificazione e la posizione nella rete. Inoltre, ci sono discrepanze di genere nella diffusione delle biografie in più lingue, portando potenzialmente a pregiudizi nelle prospettive del pubblico internazionale.

La sottorappresentazione è particolarmente evidente in alcuni campi, come i classici e la politica. Numerosi studi hanno far luce sulle manifestazioni dei pregiudizi di genere su Wikipedia, comprese le sue intersezioni con la razza e la sessualità e le conseguenti esperienze di sicurezza ed emarginazione sulla piattaforma.

Ma il gender gap colpisce anche l’editing, portando a disparità nei contenuti orientate al genere. Reputazione negativa, mancanza di riconoscimento, anonimato, paura di essere cancellate, esperienze di rifiuto e alienazione, mancanza di tempo e proprietà della conoscenza: queste sono alcune delle barriere che impediscono alle donne – che sono solo una piccola percentuale degli editor di Wikipedia – a partecipare in maniera più attiva.

Eppure, le donne contribuiscono con testi più lunghi degli uomini, anche se tendono ad avere minore fiducia nelle proprie competenze in ambito editing. Non solo: le donne sono più propense a modificare articoli sulle donne e mostrano una maggiore inclinazione a contribuire ad articoli relativi alle donne.

La partecipazione femminile su Wikipedia varia in base all'argomento, con una maggiore presenza di donne nelle categorie legate agli studi di genere o al femminismo rispetto agli argomenti Stem: un divario che che riflette gli stereotipi di genere tradizionali.

Ma quali sono le cause? Núria Ferran, ricercatrice principale del progetto, ha spiegato che ci sono tre linee di lavoro nella letteratura che studia il fenomeno da 15 anni e che spiegano questo divario di genere su Wikipedia: “Abbiamo chiamato una delle linee 'problema delle donne', in cui vengono biasimate le caratteristiche stereotipate delle donne quando si tratta di partecipare alla sfera pubblica.

L’altra linea è “l’effetto specchio”, secondo cui è Wikipedia a essere responsabile del gap, perché riflette semplicemente i pregiudizi esistenti nella società dovuti al suo principio di incoraggiare tutti i contenuti in fondi di informazione esterni. E infine la posizione in cui ci identifichiamo nel nostro progetto, la linea del problema sistemico, identificata da Heather Ford e Judith Wajcman, in cui si attribuisce la colpa alla comunità originaria, radicata nella cultura enciclopedica e aperta, che può nascondere una pratica di esclusione".

Il divario di genere all'interno di Wikipedia ha un impatto sociale significativo: secondo una ricerca del 2018, la sottorappresentazione delle donne sulla piattaforma ha impatta sulla loro visibilità e partecipazione alle comunità.

di La Svolta   
I più recenti
Cosa c’è tra i rifiuti? Te lo dice un robot
Cosa c’è tra i rifiuti? Te lo dice un robot
Le donne vivono di più rispetto agli uomini, ma peggio
Le donne vivono di più rispetto agli uomini, ma peggio
È possibile prevedere la depressione post partum con un esame del sangue?
È possibile prevedere la depressione post partum con un esame del sangue?
Quando bisogna considerarsi vecchi?
Quando bisogna considerarsi vecchi?
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...