Tiscali.it
SEGUICI

4d knit dress: il sarto robot che scolpisce abiti in maglia

Il Mit ha sviluppato una nuova tecnologia robotica per il mondo della moda, in grado di creare capi d’abbigliamento con uno stile e una vestibilità personalizzati per qualsiasi persona — di Alexandra Suraj

di La Svolta   
4d knit dress: il sarto robot che scolpisce abiti in maglia

Arriva direttamente dal team del Self-Assembly Lab del Massachussets Institute of Technology (MitT) il nuovo metodo di produzione di abiti in maglia 4d che utilizza una combinazione di tecnologie avanzate per creare capi di abbigliamento con uno stile e una vestibilità “scolpiti” ad hoc per soddisfare le esigenze di qualsiasi persona.

Si chiama 4d Knit Dress e a svilupparlo è stata Sasha McKinlay - neolaureata al Dipartimento di Architettura del Mit, designer tessile e ricercatrice presso il Self-Assembly Lab – in collaborazione con il Ministry of Supply, un'azienda di moda specializzata in abbigliamento high-tech.

Il processo del 4d Knite Dress offre una soluzione sostenibile e completamente personalizzabile ai metodi di produzione tradizionali nel settore della moda: integrando fibre termoretraibili e filati attivati dal calore con metodi di lavorazione a maglia computerizzati e attivazione robotica di un braccio a 6 assi, la tecnologia dell’innovativo “sarto” consente, infatti, di creare capi che si adattano alla forma del corpo e alle preferenze di stile di chi lo indossa.

In poche parole, 4d Knit Dress può essere descritto come un robot con una pistola termica che è in grado di modellare strategicamente gli abiti, creando quello perfetto per ognuno di noi.

A rendere possibile il funzionamento del processo innovativo, affiancando così Sasha nella creazione dell’ultimo gioiello della sartoria tecnologica, infatti è intervenuto anche Danny Griffin, uno studente laureato in progettazione architettonica con un background in robotica, che ha svolto un ruolo fondamentale nel tradurre il processo di attivazione del calore in una procedura robotica programmabile: controllando con precisione l'applicazione del calore e “insegnandola” al braccio robotico, programmando il disegno dell’indumento così come è richiesto dal potenziale cliente, Griffin e il suo team hanno trovato un modo sostenibile per produrre abiti confezionati su misura e scolpiti sulle esigenze.

Come funziona?

Il prototipo dell’abito viene inizialmente lavorato a maglia, in un unico pezzo, da una macchina per maglieria industriale controllata da computer, incorporando il filato attivo. Quando viene posto su un manichino, il braccio robotico inizia il suo lavoro, utilizzando una pistola termica per riscaldare strategicamente l’indumento, facendo restringere il tessuto nella giusta misura e nei punti giusti, come richiesto da chi ha commissionato la creazione e come programmato dalla tecnologia computerizzata.

I fili, attivati dal calore, seguono le istruzioni di scultura del robot, come nervature, pieghe, vita impero o vita stretta: “Quando viene applicato il calore, le fibre si accorciano e si raggruppano in una zona specifica, modellando quell'area come se il robot stesse confezionando l'indumento”, ha spiegato Danny.

La straordinarietà di questa innovazione tecnologica del mondo della moda sta anche nella sua versatilità: dopo averlo creato su misura, l’abito può essere anche modificato nel tempo attraverso successive esposizione al calore che possono riadattare l'abito, riflettendo i cambiamenti di stile, delle mode e delle forme del corpo di chi lo deve indossare. Una valida alternativa sostenibile alle tendenze della moda usa e getta del fast fashion, virando verso pratiche di moda più sostenibili ed etiche.

"Spero che questo progetto di ricerca aiuti le persone a ripensare o rivalutare il loro rapporto con i vestiti - ha affermato McKinlay - In questo momento, quando la gente acquista un capo di abbigliamento, ha un solo aspetto. Ma quanto sarebbe emozionante acquistare un capo e reinventarlo per cambiare ed evolversi insieme a te o al variare delle stagioni o degli stili? Spero che questo sia il risultato che le persone riusciranno ad avere".

di La Svolta   
I più recenti
Le donne vivono di più rispetto agli uomini, ma peggio
Le donne vivono di più rispetto agli uomini, ma peggio
È possibile prevedere la depressione post partum con un esame del sangue?
È possibile prevedere la depressione post partum con un esame del sangue?
Quando bisogna considerarsi vecchi?
Quando bisogna considerarsi vecchi?
Le carezze e gli abbracci ti fanno bene
Le carezze e gli abbracci ti fanno bene
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...