Tiscali.it
SEGUICI

Una strage da smog. Trecentomila decessi ogni anno nella Ue solo per l’inquinamento atmosferico

di Italia Libera   
Una strage da smog. Trecentomila decessi ogni anno nella Ue solo per l’inquinamento atmosferico

Non c’è solo l’emergenza climatica tra i motivi per cui si dovrebbero mettere al bando i combustili fossili nei motori a scoppio. L’inquinamento atmosferico, a una densità intensa, così come avviene nella maggior parte delle città, è conseguenza dell’emissione nell’aria che respiriamo di una quantità eccessiva di veleni concentrati. La conseguenza? Solo nell’Unione europea, centinaia di migliaia di morti ogni anno. Uno strage di cui non ci accorgiamo, ma che sta proseguendo interrotta. Eppure basterebbe solo rientrare nei limiti indicati suggeriti dall’Oms. Ecco cosa dice l’ultimo report dell’Agenzia europea per l’ambiente. Se poi si sceglie il “fai-da–te” nel controllo dell’aria, ecco una app rivelatrice

► (Red) Secondo l’ultimo report dell’Agenzia europea per l’ambiente, presentato in questi giorni al quarto Eu Clean Air Forum 2023 che si è tenuto a Rotterdam (Paesi Bassi), nell’Unione muoiono in. un anno oltre trecentomila cittadini solo per l’aria inquinata che respiriamo.

Nel report sono quantificati in 253mila i decessi in un solo anno che si sarebbero potuto evitare se le concentrazioni nell’aria di particolato fine, quelle particelle sospese che contengono metalli e altri veleni, fossero state semplicemente contenute nei limiti delle indicazioni dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità. A questi vanno aggiunti 52 anni decessi, sempre solo in un anno, dovuti all’inquinamento da biossido di azoto, e altre ventimila morti che sarebbero causati dall’ozono. Particolato fine, biossido di azoto e ozono, sono i tre principali inquinanti atmosferici.

In base alle nuove stime sugli effetti per la salute umana, l’esposizione all’inquinamento atmosferico causa o aggrava alcune malattie quali il cancro al polmone, le cardiopatie, l’asma e il diabete. Eppure, le misure di contenimento dell’inquinamento nell’aria, che l’Unione europea ha già adottato nel nuovo secolo, hanno avuto effetto nel contenere questa strage, che altrimenti sarebbe stata di proporzioni ancora più tragiche.

Tra il 2005 e il 2021 infatti, secondo l’Agenzia europea dell’Ambiente, il numero di decessi nella Ue attribuibili al solo particolato fine è diminuito del 41%. Tuttavia, l’inquinamento atmosferico continua a rappresentare il principale rischio ambientale per la salute degli europei (seguito da altri fattori quali l’esposizione al rumore, alle sostanze chimiche e ai crescenti effetti sulla salute dovuti alle ondate di calore) ed è responsabile di malattie croniche e decessi, in particolare ovviamente nelle città e nelle aree urbane.

Questi dati confermano che l’inquinamento atmosferico rimane il primo problema per la salute tra quelli legati all’ambiente. Tra le patologie legate all’inquinamento atmosferico, il carico di malattia relativo all’esposizione al particolato fine (Pm2,5) è causato dalla cardiopatia ischemica, seguita da ictus, diabete mellito, broncopneumopatia cronica ostruttiva, cancro al polmone e asma. Nel caso del biossido di azoto, il carico più elevato è dovuto a diabete mellito, seguito da ictus e asma.

I cittadini europei – rende noto l’Agenzia europea per l’Ambiente – possono controllare i dati sulla qualità dell’aria in tempo reale mediante diverse piattaforme, tra cui l’app «European Air Quality Index» (Indice europeo di qualità dell’aria). L’ultima versione di questa app ha introdotto nuove funzioni grazie alle quali gli utenti possono controllare la qualità dell’aria di qualsiasi luogo dell’Ue, sulla base di informazioni aggiornate ogni ora provenienti da più di 3.500 stazioni di monitoraggio in Europa, così come visualizzare modelli sulla qualità dell’aria a livello europeo. L’app è disponibile in 24 lingue ed è dotata di una serie di funzioni che consentono agli utenti di valutare e confrontare la qualità dell’aria delle località scelte. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   

I più recenti

Giustizia climatica. La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna la Svizzera. L’Italia sta peggio
Giustizia climatica. La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna la Svizzera. L’Italia sta peggio
Dal taccuino dei ricordi. Come Emiliani divenne giornalista: la vocazione nell’Università “indigesta”
Dal taccuino dei ricordi. Come Emiliani divenne giornalista: la vocazione nell’Università “indigesta”
Mussolini, Matteotti e la verità dei fatti con cui Antonio Scurati ha mandato in tilt TeleMeloni
Mussolini, Matteotti e la verità dei fatti con cui Antonio Scurati ha mandato in tilt TeleMeloni
Il licenzioso Prévert e i dilemmi del traduttore, tra calembours e rima baciata di “lazzi”…
Il licenzioso Prévert e i dilemmi del traduttore, tra calembours e rima baciata di “lazzi”…

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...