Tiscali.it
SEGUICI

Tra Stuart e Orange. Le radici di Re Carlo III nel castello dei destini dinastici incrociati

di Italia Libera   
Tra Stuart e Orange. Le radici di Re Carlo III nel castello dei destini dinastici incrociati

Nel 1660 gli Stuart ritornano sul trono con Carlo II, munifico con l’arte e la scienza. Merry Monarch fu affabile e cordiale. Soprattutto con le donne: dodici figli con sette amanti diverse, tra i discendenti anche Diana Spencer. Poi i conflitti tra “re di diritto” – la linea Stuart – e “re di fatto”, la linea Orange. Tra gli Hannover, il casato della Regina Vittoria, e i Sassonia-Coburgo-Gotha, il casato del principe Alberto consorte di Vittoria, non c’era da stare molto allegri in una guerra mondiale , la Prima, in cui il principale nemico erano i Tedeschi, e Windsor è il nome che Giorgio V fece felicemente assumere al casato regnante nel 1917. Tra Charles, Philippe, Arthur e George, il nuovo Re avrebbe potuto scegliere l’ultimo, ricordato benignamente dalla Storia, invece di un nome che evoca tutto quel “contenzioso” religioso e, soprattutto, per continuità del nome, gli Stuart? Mentre Camilla giustamente trionfa, discendente di quell’Henry Fitzroy che il monarca gaudente aveva avuto da Barbara Villiers Palmer

L’articolo di MASSIMO SCALIA

“REMEMBER” AMMONÌ DAL patibolo Carlo I Stuart, prima di essere decapitato davanti a Whitehall. Era il 1649 e si apriva la breve parentesi repubblicana propugnata dal Lord Protettore, Oliver Cromwell. Breve ma nociva, se si pensa ai danni del Puritanesimo, così evidenti nella colonia “figlia”, quelli che sarebbero divenuti gli Stati Uniti d’America. Nel 1660 gli Stuart ritornano sul trono con Carlo II, che dagli scozzesi era già stato proclamato re alla morte del padre Carlo I. Munifico con l’arte e la scienza, sua la costituzione della Royal Society, Carlo II, the Merry Monarch, fu affabile e cordiale. Soprattutto con le donne: dodici figli con sette amanti diverse, tra i discendenti anche Diana Spencer. E una continua peregrinazione tra prostitute, come testimonia un poeta satirico suo amico, James Wilmot. In punto di morte si convertì al cattolicesimo romano, imbarazzante se si pensa che il re è formalmente il capo della Chiesa anglicana, in virtù dell’Act of Supremacy, la separazione dalla Chiesa di Roma voluta da Enrico VIII e sancita nel 1534 dal Parlamento inglese. Questa fissa del cattolicesimo aveva portato Carlo II a sciogliere il Parlamento, quattro volte nel giro di due anni, a causa dello exclusion bill contro la successione del cattolicissimo fratello Giacomo, non avendo Carlo II eredi legittimi diretti. Ed erano così nati i Whig, favorevoli all’esclusione, e i Tories, contrari. 

Il Parlamento vide come eccessivamente permissiva nei confronti dei cattolici la politica di Giacomo II, quando successe al fratello Carlo II nel 1685, e per questo lo “congedò” nel dicembre del 1688 facendo di lui l’ultimo re cattolico di Inghilterra, Scozia e Irlanda. Al legittimo erede, Giacomo Francesco, cattolico, fu preferita la figlia Maria, protestante, moglie di Guglielmo III d’Orange, che vennero insieme riconosciuti sovrani dal Parlamento. Iniziò così la distinzione tra “re di diritto” – la linea Stuart – e “re di fatto”, la linea Orange. Giacomo II, peraltro, non ci volle stare, come si dice a Roma, e costituì nella cattolica Irlanda, con il supporto del cugino Luigi XIV, un’armata “Giacobita”. Sconfitta nella battaglia del Boyne, una valle alle porte di Dublino.

Insomma, gli Stuart richiamano solo fatti amari e, oltre alle polemiche confessionali, quella tra sovrani di fatto e di diritto, che in realtà si trascina da quando la “bastarda” Elisabetta I divenne regina e pensò bene di far decapitare Maria Stuarda. Carlo I e Carlo II, poi, furono dei mammasantissima del cattolicesimo. Come carico da undici, i tentativi degli Stuart di riappropriarsi del regno continuarono col “Bonnie Prince Charlie”, un altro Carlo che, sbarcando in Scozia – Speed, bonnie boat, like a bird on the wing, Onward! the sailors cry; Carry the lad that’s born to be king Over the sea to Skye – nel 1746, provò con successo ad arruolare i clan, sofferenti il dominio inglese. Ma la battaglia campale a Culloden More contro le truppe di Giorgio II Hannover fu una mattanza, continuata poi per mesi con eccidi valle per valle. I resti della casupola in pietre e paglia, postazione di fuoco e ospedale da campo, stanno ancora lì a Culloden per i devoti stuartiani. La disparità delle forze in campo, con gli scozzesi armati di scudo e spada, fu icasticamente rappresentata da un originale docufilm, nel quale una voce fuori campo fa da corrispondente di guerra (“L’ultimo degli Stuart-La battaglia di Culloden”, Regia Peter Watkins, 1964).

Hannover, ma che c’entra? Windsor è il nome che Giorgio V fece felicemente assumere al casato regnante nel 1917: fra gli Hannover, il casato della Regina Vittoria, che dal 1714 avevano assunto il trono d’Inghilterra e i Sassonia-Coburgo-Gotha, il casato del principe Alberto consorte di Vittoria, non c’era da stare molto allegri in una guerra in cui il principale nemico erano i Tedeschi. 

Allora, perché il figlio di Elisabetta II ha confermato come suo nome di regnante il primo nome di battesimo? Tra Charles, Philippe, Arthur e George avrebbe potuto tranquillamente scegliere l’ultimo, che è ricordato benignamente dalla Storia, invece di un nome che evoca tutto quel “contenzioso” religioso e, soprattutto, per continuità del nome, gli Stuart? Tutte vicende che Carlo III conosce a menadito, e ha avuto 70 anni di tempo per rifletterci. Allora, per uno che si è caratterizzato per apprezzabili prese di posizione anticonformiste si potrebbe pensare a un implicito riconoscimento degli “autoctoni” Stuart, invece che quella marea di casati tedeschi che hanno “invaso” il trono d’Inghilterra da oltre duecento anni. O è stato, insieme, un omaggio postumo a Diana, mentre Camilla giustamente trionfa, discendente di quell’Henry Fitzroy che il monarca gaudente aveva avuto da Barbara Villiers Palmer? William, il principe di Galles il cui faccia a faccia con il padre all’atto dell’incoronazione ha commosso varie centinaia di milioni di persone che hanno visto quell’immagine in qualche Tg, sarebbe il primo discendente di Carlo II ad assumere il trono. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
Greenpeace contro Ikea, la multinazionale dei mobili: “Così si distruggono le foreste vetuste dei...
Greenpeace contro Ikea, la multinazionale dei mobili: “Così si distruggono le foreste vetuste dei...
I nuovi vertici dell’Ue e l’Italia della Meloni: il patatrac politico di una dilettante allo sbaraglio
I nuovi vertici dell’Ue e l’Italia della Meloni: il patatrac politico di una dilettante allo sbaraglio
Dieci anni senza Stefano Bonilli. Rigore e ironia per il piacere del vino e del cibo, come diritto...
Dieci anni senza Stefano Bonilli. Rigore e ironia per il piacere del vino e del cibo, come diritto...
“Hit Man – Killer per caso”: l’umorismo raffinato della commedia di Richard Linklater
“Hit Man – Killer per caso”: l’umorismo raffinato della commedia di Richard Linklater
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...