Tiscali.it
SEGUICI

Tasse, l’Italia egoista e corporativa che si fa male da sola in un libro di Roberto Seghetti

di Italia Libera   
Tasse, l’Italia egoista e corporativa che si fa male da sola in un libro di Roberto Seghetti

“Gli italiani non si arrabbiano se gli aumenti le tasse, si arrabbiano se gliele fai pagare”. Lo spirito pungente di Pierluigi Bersani ha fotografato così la lunga storia degli interventi salvifici per gli evasori, varati in Italia da governi di ogni colore. Lo ricorda Roberto Seghetti nel suo saggio “Le tasse sono utili” (edizioni Nutrimenti), uscito nel maggio scorso. Seghetti è un giornalista esperto di economia (Agi, Paese Sera, Il Messaggero, Panorama, poi portavoce dal 2006 al 2008 del ministro delle Finanze Visco) e in questo libro dimostra come il sistema fiscale italiano si distingua per la «sostanziale divisione dei contribuenti in base al potere del gruppo di cui fanno parte… Proprio come avveniva nell’Italia dei Comuni, tutto finisce per dipendere dal confronto tra la Signoria che governa e le diverse corporazioni di mestiere: ciascuno ha la sua tassa, ognuno ha il suo sconto… Da decenni molti dei governi che si sono succeduti hanno approvato una miriade di provvedimenti scoordinati legati all’interesse elettorale del momento e volti a favorire ora un settore, ora un altro. Il risultato è che non esiste più un sistema per il quale il reddito viene tassato nello stesso modo per tutti coloro che sono nelle stesse condizioni… Al contrario, in Italia ciascuno contribuisce alle spese pubbliche in base alla forza della propria corporazione e non secondo le proprie possibilità». «Lettura utilissima per chi voglia capire», ha scritto Bruno Manfellotto sull’Espresso. «Lavoratori pubblici e privati, autonomi, insegnanti, agricoltori, pensionati, balneari, ristoratori: a ciascuno la sua aliquota, la sua deroga, il suo bonus… Tra detrazioni e sconti – alcuni giusti e doverosi, altri solo mancette – se ne calcolano circa 626 nazionali e 114 locali. Ne deriva, dati 2022, un minor gettito di entrate di 83,2 miliardi di euro per le casse dello Stato e di 45,4 per quelle delle amministrazioni locali. L’eterna Italia delle rendite, delle corporazioni, delle agevolazioni. Che anno dopo anno erode le conquiste del welfare: sanità, scuola, trasporti, assistenza sociale… Un’Italia egoista che si fa male da sola». Seghetti nel suo libro ricostruisce anche la lunga storia dei condoni in Italia. Con il consenso dell’autore e dell’editore ne pubblichiamo un estratto

◆ L’estratto da “LE TASSE SONO UTILI”, edizioni Nutrimenti

► […] Dopo un cosiddetto ‘Concordato’ varato dal governo di Lamberto Dini a metà anni Novanta, il governo Berlusconi II approvò nel 2001 lo scudo fiscale, seguito dalla sanatoria fiscale del 2003 (legge 289/2002). Poi, di nuovo, inversione di marcia. Il secondo governo Prodi, tra il 2006 e il 2007, varò alcuni interventi contro l’evasione fiscale messi a punto dal viceministro Vincenzo Visco. Risultato: un aumento consistente delle entrate, pur in presenza di riduzione formale delle imposte. Quei denari, chiamati per la prima volta ‘tesoretto’, servirono per finanziare, tra l’altro, il taglio del cuneo fiscale. Ma un’ondata di proteste si diffuse in tutto il paese con tanto di manifestazione del Tax Day organizzata dalla Confcommercio. Da allora una sfilza di altri interventi salvifici per gli evasori sono stati varati in Italia da governi di ogni colore.

Il successivo condono, di nuovo denominato scudo fiscale, risale al 2009, con il governo Berlusconi IV. Negli anni successivi – hanno ricordato ancora gli economisti de Lavoce.info – si segnalano altri quattro condoni. Nel 2015, il governo Renzi approvò la voluntary disclosure per l’emersione dei capitali all’estero. Nel 2018, il governo Conte I introdusse il saldo e stralcio, che prevedeva la possibilità di saldare solo una parte dei debiti fiscali ed estinguere la parte rimanente per soggetti in difficoltà economiche. Sempre nel 2018, furono anche annullati i debiti inferiori a 1.000 euro relativi al periodo tra il 2000 e il 2010. Nel 2021 il governo Draghi annullò i debiti fino a 5.000 euro relativi allo stesso periodo (decreto Sostegni). Nello stesso periodo, furono anche adottati provvedimenti di cosiddetta rottamazione: nel 2016, dal governo Renzi; nel 2017, con la ‘rottamazione-bis’, dal governo Gentiloni; e nel 2018, con la ‘rottamazione-ter’, dal governo Conte I. E non è finita qui. Secondo gli ultimi calcoli, solo l’ultimo governo in carica, quello di Giorgia Meloni, ne ha varati altri 14. Questo è dunque il tragitto che ha prodotto il sistema fiscale che vige attualmente in Italia: una specie di guazzabuglio, se guardiamo alle aliquote (le percentuali di prelievo) formali, e una lente opaca se consideriamo i risultati effettivi, perché sopravvive un numero talmente elevato di regole e regolette, compresi centinaia di interventi agevolativi, per cui spesso si capisce solo a posteriori quale sia davvero il peso concreto delle tasse. 

Ma, intanto, vediamo le aliquote formali. Oggi sui titoli di Stato in Italia c’è una ritenuta del 12,5 per cento; su dividendi e capital gain c’è un prelievo del 26 per cento; sugli interessi bancari grava un’aliquota fiscale del 27 per cento; le società pagano il 26 per cento sugli utili di impresa e il 3,9 per cento per l’Irap, l’imposta regionale che in sostanza finanzia il servizio sanitario. L’Imu non si paga sulla prima casa e sul resto grava un prelievo stabilito da ciascun comune, in ogni caso non superiore all’1,06 per cento del valore catastale. Sugli affitti, se sono per abitazione e contrattati con le organizzazioni degli inquilini, si paga solo il 10 per cento di tasse sul canone annuo. Altrimenti il 22 per cento. Se invece l’affitto riguarda un negozio o un ufficio allora il canone annuo rientra nella somma di reddito del proprietario che poi, complessivamente, viene sottoposta all’Irpef. Quanto all’Irpef, dipende: i lavoratori autonomi possono pagare a forfait, se hanno un fatturato inferiore agli 85.000 euro l’anno: in questo caso versano al fisco il 15 per cento del 75 per cento del fatturato dichiarato. Senza tenere conto che, secondo il governo Meloni, quasi il 70 per cento del fatturato di questo comparto in genere viene nascosto al fisco. Tutti gli altri dal 2024 sono sottoposti a un prelievo organizzato su tre fasce di reddito e tre aliquote: fino a 28.000 euro l’anno di reddito (scontata una no tax area) si paga il 23 per cento; sulla quota di reddito superiore e fino a 50.000 euro l’anno, si paga il 35 per cento; sulla fascia più alta di reddito il fisco pretende invece il 43 per cento. Ognuno ha la sua tassa, insomma, come nel vecchio mondo delle corporazioni. Senza contare che poi in Italia c’è la corporazione che le supera tutte, quella di coloro che sfuggono al fisco e alla contribuzione. […]

di Italia Libera   
I più recenti
Il monumentale “Horizon” di Kevin Costner non delude gli appassionati del vecchio West
Il monumentale “Horizon” di Kevin Costner non delude gli appassionati del vecchio West
Il letargo su Roma. Quale ruolo per l’informazione: è ora di suonare la sveglia delle coscienze
Il letargo su Roma. Quale ruolo per l’informazione: è ora di suonare la sveglia delle coscienze
Rifiuti da smaltire all’estero, cosa cambia in Europa. Il nuovo regolamento “spazza” via le vecchie...
Rifiuti da smaltire all’estero, cosa cambia in Europa. Il nuovo regolamento “spazza” via le vecchie...
Siamo tutti migranti, ci piaccia o no. Cosa insegnano le piante, i microrganismi e i patogeni a noi...
Siamo tutti migranti, ci piaccia o no. Cosa insegnano le piante, i microrganismi e i patogeni a noi...
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...