Tiscali.it
SEGUICI

Sessant’anni fa, il centrosinistra. La partenza sprint che stava cambiando l’Italia, e il sabotaggio a destra

di Italia Libera   
Sessant’anni fa, il centrosinistra. La partenza sprint che stava cambiando l’Italia, e il...

Amintore Fanfani, il leader della Democrazia cristiana che fu tra gli artefici della nascita dei governi di centrosinistra (il primo fu a guida Aldo Moro, e fu varato sessant’anni fa, il 5 dicembre 1963) aveva rassicurato Vittorio Emiliani: la nazionalizzazione dell’elettricità sarebbe avvenuta appena tredici mesi dopo l’approvazione in Commissione. Un tempo decisamente breve per una riforma così rivoluzionaria. Ma il sabotaggio dei dorotei e della destra (anche nella Dc di governo) fermarono quella spinta innovatrice che sembrava fosse in grado di  cambiare l’Italia

◆ Il corsivetto di VITTORIO EMILIANI

►«Tredici mesi dopo l’approvazione in Commissione, la si ricordi», mi ripeteva orgoglioso Fanfani parlando della nazionalizzazione dei baroni dell’elettricità. Era stato un vero primato. Purtroppo la spinta riformatrice si sarebbe inceppata subito dopo per il sabotaggio dei dorotei e di altre forze di destra, dc e non dc. Altre riforme di struttura erano previste, ma purtroppo rimasero nel limbo delle buone intenzioni, a partire dalla apertura delle adesioni ai Consorzi Agrari che la Coldiretti di Paolo Bonomi precludeva da anni ad chi non appartenesse a quella lobby.

Per tutta l’agricoltura italiana era un blocco corporativo che riguardava macchine agricole di ogni tipo, fertilizzanti, antiparassitari, ecc. E creava difficoltà di fondo a quanti ne erano esclusi. Inoltre la “bonomiana” portava alla Camera schiere di deputati “amici” che si opponevano ad ogni tentativo di liberalizzazione. Neppure l’adesione dell’Italia al Mercato Comune Europeo aveva scalfito quel monopolio.

Si tentò allora di aggirare la Federconsorzi costituendo l’Aima azienda pubblica per i prodotti agroalimentari e però la sua incidenza risultò in realtà limitata. Un tentativo intelligente e generoso posto in essere da Ercole Bonacina senatore socialista. Le stesse denunce di Ernesto Rossi ai convegni degli Amici del “Mondo” non poterono scalfire il monopolio bonomiano. E nemmeno la Confagricoltura che rappresentava i maggiori proprietari con il marchese Diana e l’Alleanza Contadini vicina al Pci. Né altre organizzazioni potevano minacciare Bonomi e i suoi. Ma così erano l’agricoltura, la zootecnia, la pastorizia italiana a soffrirne rimanendo in condizioni di palese arretratezza rispetto agli altri Paesi europei. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   
I più recenti
Il monumentale “Horizon” di Kevin Costner non delude gli appassionati del vecchio West
Il monumentale “Horizon” di Kevin Costner non delude gli appassionati del vecchio West
Il letargo su Roma. Quale ruolo per l’informazione: è ora di suonare la sveglia delle coscienze
Il letargo su Roma. Quale ruolo per l’informazione: è ora di suonare la sveglia delle coscienze
Rifiuti da smaltire all’estero, cosa cambia in Europa. Il nuovo regolamento “spazza” via le vecchie...
Rifiuti da smaltire all’estero, cosa cambia in Europa. Il nuovo regolamento “spazza” via le vecchie...
Siamo tutti migranti, ci piaccia o no. Cosa insegnano le piante, i microrganismi e i patogeni a noi...
Siamo tutti migranti, ci piaccia o no. Cosa insegnano le piante, i microrganismi e i patogeni a noi...
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...