Tiscali.it
SEGUICI

“Se domani non torno distruggi tutto”: centinaia di migliaia nelle piazze d’Italia «per Giulia e per tutte»

di Italia Libera   
“Se domani non torno distruggi tutto”: centinaia di migliaia nelle piazze d’Italia «per Giulia e per tutte»

Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne si sono svolte ieri decine di manifestazioni in tutt’Italia. Da Nord a Sud, da Venezia a Messina, da Genova a Catanzaro, organizzate dall’associazione “Non una di meno”. Grandiosa la partecipazione nella Capitale dopo l’uccisione di Giulia Cecchettin trucidata dall’ex fidanzato, con centinaia di migliaia di donne e uomini di tutte le età e anche tanti bambini. Una testimonianza imponente dell’urgenza di sradicare la cultura patriarcale, maschilista e violenta che alligna nella nostra società

◆ Il commento di ANNALISA ADAMO AYMONE

«Se domani non torno, distruggi tutto» è il verso emblematico di una poesia scritta dall’architetta e attivista peruviana Cristina Torre-Cáceres subito dopo aver appreso la notizia dell’uccisione di Giulia Cecchettin. Da qualche giorno è diventata virale nel web ed accompagna ogni manifestazione in ricordo di Giulia, rappresentando in sintesi ciò che ogni donna direbbe alla propria madre semmai divenisse vittima di violenza. Parole che sono ormai un manifesto, ancor più dopo che a pronunciarle è stata anche Elena Cecchettin: «Per mia sorella non fate un minuto di silenzio, per Giulia bruciate tutto!»

Sono parole citate ripetutamente anche nella manifestazione partita da Campo Santa Margherita e svoltasi venerdì per tutto il pomeriggio lungo ponti, calli, campi, campielli e fondamenta di Venezia e sabato in tutt’Italia in decine di sit-in e manifestazioni di piazza, rispondendo alla chiamata dell’associazione “Non una di meno”. Centinaia di migliaia di partecipanti a Roma. Così tanta gente da non riuscire nemmeno a scorgere il volto di coloro che, in un alternarsi composto, hanno dato voce ai sentimenti di dolore, rimpianto e rabbia. Vecchi compagni di scuola, collettivi universitari, donne e uomini di diversa età hanno testimoniato in vario modo la necessità urgente di sradicare la cultura patriarcale

Dal Nord al Sud, in tutte le regioni del Paese, si è levato un “No!” corale alle strumentalizzazioni e un’esortazione collettiva a trasformare la rabbia in qualcosa di costruttivo, affinché nessuna donna si senta più sola. «Per Giulia, per noi. Perché questa rabbia non sia vana. Non torneremo come prima, non torneremo più indietro. Se toccano una rispondiamo tutte». E già si preparano le prossime manifestazioni. © RIPRODUZIONE RISERVATA

di Italia Libera   

I più recenti

Da Gaza al Mar Rosso, dove ci porta la guerra. I miliziani Houthi ammirati perché odiano Israele
Da Gaza al Mar Rosso, dove ci porta la guerra. I miliziani Houthi ammirati perché odiano Israele
1/ Rassegna ambientale. Slalom tra orsi abbattuti, ritorno del gatto selvatico e “Luna Parco”
1/ Rassegna ambientale. Slalom tra orsi abbattuti, ritorno del gatto selvatico e “Luna Parco”
Morti sul lavoro: dallo stillicidio quotidiano alle stragi periodiche. Il “che fare” è già scritto nelle leggi
Morti sul lavoro: dallo stillicidio quotidiano alle stragi periodiche. Il “che fare” è già scritto nelle leggi
Troppi porti, vecchi porti. Senza strategia, l’economia dimenticata dell’Italia circondata dal mare
Troppi porti, vecchi porti. Senza strategia, l’economia dimenticata dell’Italia circondata dal mare

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...